Aperte le iscrizioni per il Rally della Val d’Aveto

Condividi

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per l’ottava edizione del Rally Val d’Aveto, gara nazionale in programma a Santo Stefano d’Aveto il 22 e 23 giugno, organizzata dalla Lanternarally in collaborazione con il Gruppo Sportivo Allegrezze e con l’appoggio dell’amministrazione locale e dell’Automobile Club Genova. I concorrenti potranno inviare la richiesta di iscrizione fino al 12 giugno tramite l’area riservata del sito Acisport.

Il programma entrerà nel vivo direttamente nel weekend di gara, con la giornata di venerdì 21 giugno dedicata alla distribuzione dei road book ed alle ricognizioni del percorso, con orari consultabili sul sito www.lanternarally.it, insieme a tutte le altre informazioni pratiche.

Un’intera vallata attende con trepidazione l’evento e, come ogni anno, la popolazione locale si sta preparando per accogliere i partecipanti con il calore che da sempre ha contraddistinto questo angolo dell’Appenino Ligure al confine con l’Emilia Romagna. Santo Stefano d’Aveto è con i suoi sobborghi e frazioni una perla del turismo regionale ed offre in tutte le stagioni interessanti spunti. Il Rally della Val d’Aveto, infatti, è sempre andato ben oltre l’aspetto sportivo e, fin dalle prime edizioni con il format della “ronde”, ha rappresentato un’ottima opportunità di promozione sia per le attrazioni turistiche che per i prodotti locali.

Tanti i monumenti degni di nota, distribuiti su di un territorio ricco di perle come il Monte Maggiorasca (la vetta più alta dell’Appennino Ligure con i suoi 1804 m), meta fissa per gli escursionisti, o il vicino Monte Bue, raggiungibile comodamente grazie ai moderni impianti di risalita che partono da Rocca d’Aveto, sede di un riordino del sabato. Il Castello di Santo Stefano d’Aveto, datato intorno al 1200, fa invece ogni anno da sfondo ad un parco assistenza unico nel suo genere, perché allestito nel cuore della cittadina. Il campanile settecentesco veglia dall’alto sul borgo ed anche Allegrezze, fulcro del Rally nella giornata di domenica, vanta una splendida chiesa, la cui costruzione stimata è antecedente al XIII secolo.

Tra i prodotti locali impossibile non citare il formaggio “San Stè”, prodotto con il latte delle tante aziende agricole che ancora oggi operano sul territorio e che ne contribuiscono al mantenimento.
Un evento singolare quindi, che va oltre lo sport e che rappresenta, per una buona parte degli iscritti, un’occasione unica per unire la competizione a qualche giorno di vacanza e relax con la famiglia o con gli amici, circondati dall’atmosfera rigenerante e calorosa tipica dei borghi montani.0

Condividi

Articoli correlati

Riecco lo Slalom “Favale – Castello”

Dopo il forzato annullamento dello scorso anno, dovuto a...

Kevin Liguori torna in pista nel campionato Karting RMax

Kevin Liguori ritorna, grazie anche all’aiuto del nuovo partner...

Asd Lanterna Rally

Nel 2024 il Rally della Lanterna è stato designato...

8° Rally Val d’Aveto: Claudio Arzà concede il bis davanti a Federici e Gangi

Claudio Arzà e Massimo Moriconi trionfano nell’ottava edizione del...