Tra Milan e Genoa un pirotecnico 3-3!

Tratta da Pagina Facebook CFC Genoa 1893

Condividi

Niente concessioni balneari in zona San Siro. Sembra scontato, ma mentre le giornate di Serie A e B si fanno sempre più roventi per un pugno di squadre, nell’antro del Diavolo teoricamente la classifica delle due contendenti in campo dovrebbe soffiare un’aria di sollievo e refrigerio. Vi era da temere un fisiologico rilassamento. Invece, per la gioia degli spettatori Genoa e Milan, seppur gestendo le forze, giocano l’una per sopraffare l’altra, e ne nasce un pareggio in cui vincono le emozioni.

Tratta da Pagina Facebook CFC Genoa 1893

L’undici di Gilardino si presenta con la formazione più simile possibile a quella che ha sbaragliato il Cagliari, al netto della defezione dell’influenzato Guðmundsson, con un solo cambio tattico: Spence a destra al posto di Sabelli, quindi dietro davanti a Martinez il trio Vasquez-De Winter-Vogliacco, Martin a sinistra, in mezzo Badelj, Frendrup e Thorsby, coppia d’attacco, italo-ghanese e italo-argentino, Ekuban-Retegui.
Uno degli ultimi  Milan di Pioli, con le valigie in mano nonostante i tre podi in altrettanti campionati, si schiera col 4-2-3-1, con Theo Hernández a sinistra, Florenzi a destra, Tomori affianco a Gabbia a proteggere Sportiello, in sostituzione dell’infortunato Maignan, in mediana Bennacer e Reijnders, sulle fasce delle trequarti Chukwueze e Leão, dunque Pulisic dietro Giroud, i due protagonista dell’assai discusso match di andata.
Nei primissimi tre minuti il Genoa appare più frizzante, e l’impressione si concretizza al terzo giro di lancette, quando Vogliacco si inserisce in area scambiando sulla destra con Spence, e il suo dribbling viene fermato da un atterramento irregolare di Tomori, nel cuore dell’area. Calcio di rigore, in assenza di Guðmundsson finalmente Retegui puó far vedere quanto vale dal dischetto, batte e spiazza Sportiello.
Il Milan prova a gettarsi in avanti alla ricerca del pareggio, ma in realtá i suoi assalti non sono molto convinti, prova a ragionare e tramare ma l’undici di Gilardino in divisa bianca da trasferta contiene gli avversari senza patire.
Il più volitivo è Pulisic, il più deludente Leão, che quando chiamato in causa prova ad accendersi col suo elegante gioco di gambe e si spegne in un evanescente fumo subito dopo.

Tratta da Pagina Facebook CFC Genoa 1893

Lo statunitense al 14′ salta due avversari e tira a giro, prende il palo; similmente dall’altro Frendrup al 27′ tira, non troppo lontano dai pali.
In mezzo, poco prima, un grande intervento in spaccata di Vasquez a togliere il pallone a Pulisic subito prima che riesca a concludere in porta.
Il match prosegue sulla falsariga dei rossoneri che premono senza trovare varchi e il Grifo che cerca una ghiotta occasione in contropiede sino agli ultimi cinque minuti della prima frazione, quando Martinez viene impegnato a più riprese.
Ancora Pulisic prova dal limite, paratona dello spagnolo, sul conseguente angolo Theo Hernandez svetta ma il numero uno iberico si stende nuovamente alla perfezione.
Il Genoa sembra destinato ad andare negli spogliatoi in vantaggio, ma proprio al 45′ lascia involare Chukwueze in contropiede, il quale vince il duello in velocitá con Spence e crossa per il tuffo di Florenzi, che eluda la marcatura di Vogliacco.
Pareggio. Intervallo. Ripresa.
Il Genoa si rivela bruciante negli avvii di frazione: al 48′ Vogliacco, tra i protagonisti di giornata, sprinta deciso sulla destra e crossa alla perfezione per Ekuban.

Da pochi metri la punta s’innalza e incornando spacca la porta.

Tratta da Pagina Facebook CFC Genoa 1893

La partita ritorna tosto al copione del primo tempo, almeno sino al 65′, quando Theo Hernandez dalla sinistra taglia la difesa del Genoa con un’esaltante progressione personale, la sua conclusione peró è troppo centrale.
Poco dopo ha un’occasionissima Giroud, servito al bacio da Okafor, sulla destra, dove era stato innescato da un lancio lungo di Theo Hernandez, il francese é solo davanti a Martinez ma il suo scavetto finisce ampiamente a lato.
Finalmente il Milan sembra trovare gli spazi che ha cercato per tutta la partita, Gilardino prepara i cambi ma ci pensa troppo tardi e subisce il pareggio, in realtà da palla ferma: Matteo Gabbia stacca alla perfezione su un corner di Florenzi e insacca il 2-2.

Gilardino immette Haps e Strootman per Martin e Badelj, ma i rossoneri son nel loro momento migliore e Giroud infila il 3-2: Pulisic lo pesca alla perfezione con un crossa basso dalla destra, con un mancino al volo fulmina Martinez nell’angolino.

Il Genoa non ci sta e si riavvicina prontamente dalle parti di Sportiello, su una sua respinta Ekuban dardeggia dal limite ma il secondo portiere rossonero effettua una paratona.

Girandola di cambi da una parte e dall’altra, Gilardino immette Cittadini e il giovanissimo Papadadopoulos, all’esordio, per due protagonisti di giornata come Vogliacco ed Ekuban -grande prestazione a svariare su tutto il fronte offensivo pe rl’italo-ghanese-, poi arriva infine il 3-3: Thorsby, un altro scatenato, mette un cross basso dalla destra tesissimo, ci si avventa Retegui che propizia i tocchi di Tomori e Thiaw, per l’autogol di quest’ultimo.

Tratta da Pagina Facebook CFC Genoa 1893

I rossoneri provano ancora a portarsi in vantaggio, ma non inquadrano mai lo specchio con le conclusioni migliori che riescono a trovare quando ormai il cronometro fugge via. Il triplice fischio arriva, e per i rossoblù c’é da celebrare un prestigioso pareggio strappato alla Scala del Calcio, l’ennesimo risultato da piazzare in bacheca strappato alle grandi del campionato in questo 2023-24 che giunge con soddisfazione alla fine.

Federico Burlando

Condividi

Articoli correlati

Il Genoa saluta stendendo il Bologna rivelazione 2-0

Il boato dello stadio per Frendrup che al novantesimo...

Genoa e Bologna “derby” tra rivelazioni Gasperiniane

Non sarà una semplice passerella, ma neppure un'asperrima battaglia...

Venerdi 24 maggio allo Sciorba Stadium “Un calcio alla leucemia”

Una straordinaria serata tra calcio, intrattenimento e solidarietà, con...

Venerdì 24 e sabato 25 maggio il World Football Freestyle Contest illumina il Porto Antico

World Football Freestyle Contest Genova 2024 è la sfida...

Roma ha confermato che Gila ha ancora qualche difettuccio da limare…nei prossimi due anni!

Innanzitutto, plaudiamo alla firma di Alberto Gilardino in calce...