Netafim Bogliasco 1951 sfida Padova, Taramasco: “Non esistono gare scontate”

Condividi

Una sfida che, classifica alla mano, rappresenta il classico testa-coda dal pronostico scontato. Se Bogliasco deve blindare il secondo posto, i veneti del Padova stanno infatti provando ad allontanarsi dall’ultimo, che significherebbe retrocessione diretta in Serie B. Tuttavia l’errore più grosso che i biancazzurri potrebbero commettere è proprio quello di considerare la gara già vinta prima ancora di scendere in acqua: “Sulla carta sembrerebbe una sfida semplice – afferma il difensore bogliaschino Nicola Taramasco – ma la nostra esperienza ci insegna che proprio le partite che sembrano facili alla fine si rivelano le più complicate. Loro oltretutto arriveranno belli carichi dopo la vittoria anche un po’ a sorpresa sull’Arenzano che certamente li ha rivitalizzati. Inoltre hanno un disperato bisogno di punti e verranno qui con la testa libera di chi sa di non avere nulla da perdere. Dunque attenzione”. Un’attenzione che dovrà essere mantenuta al massimo fino all’ultimo secondo di gioco, evitando rischiosi cali di tensione come quelli accusati di recente: “Le ultime quattro gare – prosegue Taramasco – compresa quella di Torino in cui comunque abbiamo fatto bene, dimostrano che dobbiamo migliorare soprattutto nella gestione dei finali di gara. Spesso crediamo di avere archiviato la pratica prima che sia effettivamente così e rischiamo di pagarla cara. È una cosa che non possiamo permetterci. Anche perché gli avversari hanno dimostrato di non aspettare altro e di volere giustamente approfittare di questa nostra debolezza”.

Giunto in estate a Bogliasco, il giovane numero 14 biancazzurro sta vivendo questa sua prima stagione alla Vassallo come una base importante sulla quale costruire il proprio futuro: “Ho un contratto fino a giugno 2025 ma aldilà di questo il mio desiderio è comunque quello di poter restare ancora qui. Mi trovo molto bene con i compagni e ritengo che Gimmi Guidaldi sia un allenatore ottimo per far crescere i giovani come me, trasmettendoli i tanti insegnamenti che conosce. Avevo già avuto un’esperienza in prima squadra a Imperia ma, senza nulla togliere a una società a cui devo comunque molto, qui le pressioni sono maggiori e devo ammettere che non è sempre facile gestirle. Ma ciò serve per crescere, quindi ben vengano. Quando giochi a Bogliasco sai che devi scendere in vasca sempre per vincere. E anche se sappiamo che la promozione in A1 non sarà un obiettivo facile da raggiungere, ci siamo promessi di non porci limiti. Affrontiamo una gara per volta e poi, se arriveranno i playoff, godiamoceli, accettando ciò che saremo in grado di raccogliere”.

Condividi

Articoli correlati

Coppa Italia: avanza la Pro Recco, battuto 19-3 il Posillipo

La Pro Recco supera agevolmente il Posillipo per 19-3...

Netafim Bogliasco 1951, Mugnaini: “Con la Florentia niente calcoli, vogliamo vincere”

Prima contro seconda. Quello che ci attende domani sera...

Netafim Bogliasco 1951 e We Care insieme per promuovere attività sportive e sociali

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Netafim Bogliasco 1951 e l’Organizzazione di Volontariato We Care...

A Genova la Final Eight che assegna la Coppa Italia di pallanuoto

https://www.youtube.com/watch?v=lZRqMSDUKC4 Pro Recco, Rari Nantes Savona, Iren Genova Quinto,...

Mercoledì si alza il sipario sulla Final Eight di Coppa Italia

Si svolgerà nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi,...