Il ritorno di Verre ha rilanciato l’intera Samp

Serie B 2023/24 | Feralpisalò-Sampdoria Gol Sampdoria (1-3): Valerio Verre Tratta da Pagina Facebook Ufficiale UC Sampdoria

Condividi

Neppure un quarto della tifoseria doriana invocava il ritorno di Valerio Verre, considerato più un peso che un valore aggiunto. Andrea Pirlo ne aveva invece richiesto a gran voce il reintegro dopo il braccio di ferro con la dirigenza e, dopo aver commesso l’erroraccio di lasciarlo in panca lungo tutto il match con la Cremonese, si è ravveduto e, complice la solita serie di defezioni, lo ha rilanciato a Piacenza, nella tana non certo inospitale della Feralpi Salò.

Serie B 2023/24 | Feralpisalò-Sampdoria
Gol Sampdoria (1-3): esultanza Andrea Pirlo (allenatore Sampdoria)-Valerio Verre Tratta da Pagina Facebook Ufficiale UC Sampdoria

Smessi i panni di eterna incompiuta, il romano ha preso per mano una combriccola smarrita trascinandola alla resurrezione a suon di fantastici colpi di classe. Il tempo dirà se si si sia trattato semplicemente di un pomeriggio di pazzesca ispirazione o, per contro, dell’inizio di una nuova era, ma nell’attesa godiamoci quelle sue tre magie: la prima costringendo il malcapitato Felici ad atterrarlo in area e provocare il rigore; la seconda offrendo all’altro resuscitato di giornata, Manuel De Luca, l’opportunità per fare il bis dopo il penalty trasformato; la terza infilando la sfera nell’angolo opposto con un diagonale di estrema bellezza.

Tre prodezze tutte basilari: le due iniziali per ipotecare il successo e la terza, all’80’, per scacciare i fantasmi… convocati dalla pregiata ditta Stankovic-Darboe, virtualmente autori ad inizio ripresa di una rete che era assolutamente evitabile. La mezz’ora successiva è trascorsa con la Samp in apnea, e se Stankovic non è stato mai chiamato ad interventi decisivi, è dipeso sì dalla tenuta stagna dei suoi difensori ma sorattutto dalla modesta caratura dell’attacco-ombra lombardo.

Comunque, missione compiuta, e il successo blucerchiato – vale sottolinearlo – non fa una piega perché frutto di una netta superiorità tecnica a livello collettivo e individuale. La retroguardia è stata all’altezza ed una notazione speciale va spesa per il “bocia” Leoni, sul quale erano ricadute ingiustamente tutte le responsabilità per il successo sfumato sul Brescia. Nonostante il precoce cartellino giallo, la sua prova è stata redditizia nella sua essenzialità.

La Samp non ha neppure pagato la giornataccia di tutto il centrocampo, quello titolare: nervosissimi e fallosi Darboe e Yepes, scarsamente brillante Kasami, recuperato forse troppo presto da un infortunio e andato via via scomparendo. Sono bastati gli altri due reparti a permettere di sbancare il Garilli e ad offrire a Pirlo molte considerazioni futuristiche di estremo pregio. Verre non è stato solo determinante in tre circostanze, ma ha pure preso di peso una squadra timorosa di subire l’ennesima rimonta, chiudendo con la fascia di capitano.

In pratica, è stato recuperato un calciatore di livello, in grado di fare la differenza nel prosieguo di stagione, ed un’altra nuova certezza è De Luca, che mai aveva firmato una doppietta in casacca blucerchiata. Sin quando i compagni l’hanno assistito, ha risposto alla grande. Probabilmente non diventerà mai un cannoniere spietato, ma parecchie riserve riguardo alla sua caratura si sono dissolte e chissà che la Samp non abbia trovato un accettabile interprete di un ruolo nevralgico come quello di centravanti, in attesa che si rendano utili Borini ed Esposito, altri due califfi della manovra offensiva.

La paura di retrocedere è stata forse definitivamente scacciata e la marcia irregolare e lentissima delle compagini di centroclassifica spalanca addirittura prospettive dorate, visto che l’ottava piazza dista appena due punti ed è occupata da un Cittadella in pieno crollo e da un Modena capace di perder all’ultimo minuto di fronte alla Cremonese nonostante la superiorità numerica. Mai come ora i playoff sono a portata di mano, ma certi pensieri debbono restare nel cuore e non nelle parole, almeno sino a quando questa Samp balzana e inaffidabile non avrà imparato a fare bottino pieno anche nello stadio di casa.

PIERLUIGI GAMBINO

Condividi

Articoli correlati

Genova 2024: arriva a maggio il World Football Freestyle Contest

Tra un mese Genova sarà teatro del World Football...

Coppa Italia Under 19: Audax Verona la spunta all’extra time

Super De Cao all'extra time e l'Audace Verona conquista la...

Samp stanca e fortunata a uscire con un punto dal confronto con lo Spezia

Comprensibile il sorriso di Andrea Pirlo al termine del...

Il Bitonto si conferma campione: 7-3 al TikiTaka, la Coppa Italia resta in Puglia!

Ancora Bitonto, ancora Lucilèia. Le campionesse in carica si confermano...

Coppa Italia Futsal: le Under 19 di Audace Verona e Kick Off grandi protagoniste

Audace Verona e Kick Off di nuovo opposte nella finale di Coppa...

Sconfitta non preoccupante per il Genoa contro la Lazio, ma sono emersi vecchi problemi

La sconfitta di fronte alla Lazio non scalfisce minimamente...