Pro Recco campione d’Italia per la 35a volta

Condividi

La Pro Recco vince lo Scudetto numero 35: a Brescia i biancocelesti impartiscono una lezione di pallanuoto ai lombardi imponendosi per 4-6 grazie ad una difesa strepitosa; sul Tricolore ci sono le manone di Del Lungo e il destro di Younger, autore di tre reti. È una vittoria meritata non solo per quanto dimostrato nei play off: i ragazzi di Sukno chiudono la stagione imbattuti, con un solo pareggio in trenta gare.
L’avvio della Pro Recco è devastante, sorretta dal suo monumentale numero uno. È Younger dopo 130 secondi a portare in vantaggio i biancocelesti, poi Di Fulvio in controfuga si procura un’espulsione che libera Hallock tutto solo davanti a Tesanovic: è 0-2 a metà tempo. Il Brescia si vede murare una doppia superiorità e i campioni d’Italia colpiscono ancora: Echenique per Younger sul secondo palo, l’australiano schiaccia in rete il +3 e costringe Bovo a chiamare time out. Il risultato, però, non cambia più fino alla sirena perché il Brescia fallisce tutti e cinque gli uomini in più assegnati dal duo arbitrale.
La stanchezza si fa sentire in acqua, Del Lungo però prosegue la sua serata in versione Batman ma dall’altra parte anche Tesanovic è miracoloso su Ivovic che da due passi sbatte sulle sue mani. A 106 secondi dalla fine la controfuga di Alesiani provoca un rigore che Di Somma trasforma per il 4-6. Non c’è più tempo per la rimonta, a Mompiano si sente solo la gioia dei biancocelesti, di nuovo sul tetto d’Italia per il secondo anno consecutivo.
“Questo Scudetto ha un sapore bellissimo, giocare due gare così contro una grande squadra come il Brescia è qualcosa di incredibile e ci dà una grande carica per Belgrado – il commento di capitan Ivovic -. Quest’anno contro di loro abbiamo preso 17 gol in quattro partite, abbiamo fatto una grande difesa, in attacco forse dobbiamo migliorare in superiorità, ma quello che contava era vincere lo Scudetto. Complimenti a loro e ai miei compagni che hanno dimostrato di avere sempre fame e a questi livelli, dopo aver vinto tanto, non è facile. In questi successi c’è tanto di Sukno: da giocatore era concentrato e tranquillo,  proprio la tranquillità che ci trasmette è il valore aggiunto, in passato a volte quando non ci riuscivano subito le cose ci innervosivamo”.
“Il Brescia ci ha dato filo da torcere, è stata una partita al cardiopalma, ma abbiamo mantenuto la giusta lucidità dal primo all’ultimo minuto e questo ha fatto la differenza – le parole di Del Lungo -. La difesa mi ha messo nelle migliori condizioni di parare, abbiamo lavorato tanto e abbiamo raccolto i frutti: queste partite ci danno una grande consapevolezza in vista delle finali di Champions League”.

Condividi

Articoli correlati

Locatelli Genova: stagioni scintillanti e giovani in forte ascesa

Anni importantissimi, con un grande lavoro svolto attorno alla...

L’assessore regionale Simona Ferro incontra l’olimpico Andrea Fondelli 0

L’assessore allo Sport di Regione Liguria Simona Ferro ha...

Trionfo del recchese Luciano Chiavarini ai Campionati Italiani Master di Pallanuoto

I Campionati Italiani Master di Pallanuoto si sono conclusi...

Rapallo fa ancora centro con Paola Di Maria

Paola Di Maria originaria di Pagani (SA) è nata...

Iren Genova Quinto

Fondato nel 1921 e da sempre attivo nel mondo...

Locatelli Genova campione d’Italia Under 18 femminile

Festeggia la US L. Locatelli che batte la SIS...