The Ocean Race: flotta nel primo sistema meteorologico del sud

25 January 2023, Start of Leg 2 in Cabo Verde.

Condividi

Il vento è arrivato nelle prime fasi della terza tappa di The Ocean Race, con i cinque team IMOCA che si sono posizionati a latitudini più alte e hanno iniziato a incrociare verso est, agganciando il primo grande sistema meteorologico della frazione.
Dopo una giornata di venti leggeri e correnti contrarie, i venti sono ben accetti. Però si accompagnano a uno stato del mare molto difficile, con onde alte fino a sei metri quanto più a sud si ha il coraggio di navigare.
§
Tutti gli equipaggi sembrano essere d’accordo sul fatto che sia sufficiente spingersi intorno ai 39 gradi di latitudine sud: sul tracker si possono vedere le barche che strambano verso nord e poi ancora verso sud.
“Bisogna trovare un buon canale, con una buona velocità e con vento e onde non troppo forti”, ha detto lo skipper di Biotherm Paul Meilhat. “Saranno giorni lunghi in condizioni piuttosto difficili. Stiamo entrando rapidamente a sud”.
Robert Stanjek, a bordo di GUYOT environnement – Team Europe, ha descritto così le condizioni di martedì: “Il vento è aumentato molto”. “Abbiamo visto fino a 32 nodi di aria. Stiamo navigando sottovento con l’FRO (la vela di prua frazionata code zero) e una mano di terzaroli alla randa, con un po’ meno vento ma con onde più grandi. Non è così facile portare la barca”.
Osservando le carte meteorologiche, la flotta è stretta tra la dorsale di alta pressione che ha appena attraversato e un profondo sistema di bassa pressione, caratterizzato da venti forti e onde importanti, che si sta muovendo davanti alle barche da sud e si sposta con loro verso est.

“Abbiamo una vasta bassa pressione da attraversare. Il sistema non si muove molto velocemente, ha quasi la nostra stessa velocità, quindi potremmo restarci quasi fino all’Australia”, ha detto Tom Laperche da bordo di Team Holcim-PRB. “Le condizioni del vento e del mare saranno difficili. Abbiamo la possibilità di rimanere a nord. Se andiamo a sud, avremo parecchie ore con vento oltre i 40 nodi, un po’ troppo”.

Trovare il giusto equilibrio tra velocità e sicurezza sarà la chiave della terza tappa. È molto improbabile che uno dei team faccia una mossa vincente in questi primi giorni, e una decisione aggressiva che dovesse causare danni potrebbe essere impossibile da recuperare, quindi prudenza sarà probabilmente la parola d’ordine.
Le ultime posizioni sono disponibili sul The Race Tracker cliccando qui.

Condividi

Articoli correlati

Meeting Scuola Vela: ufficializzate le 4 tappe con tappa zonale a Varazze

La I-Zona FIV rende noto che il 1° Meeting...

Il CN Loano festeggia il successo del primo Trofeo Ciccio Rossi

Ha visto la partecipazione di 22 equipaggi liguri e...

Trofeo Lions Club Chiavari Castello: edizione benefica a Chiavari

Si è tenuto oggi, sabato 15 giugno 2024, il...

Lann Ael 3 di Didier Gaudoux è il vincitore della Loro Piana Giraglia

Un prototipo pensato per le navigazioni oceaniche in equipaggio...