Il Genoa riparte dal Cittadella per cancellare un novembre nero

Condividi

“Il mister ha avuto ragione a paragonarci ai dilettanti”. Kevin Strootman, esempio di saggezza ed equilibrio, spegne così, con una semplice frase, le presunte tensioni tra la squadra e l’allenatore. Non è così scontato che nessun giocatore rossoblù nutra un briciolo di risentimento o covi un certo malcontento nei confronti del tecnico, ma si tratta di normalissime dinamiche e non di un malessere diffuso. In modo probabilmente involontario, Blessin potrebbe aver stuzzicato l’orgoglio dei suoi ragazzi, sentimento da trasformare, contro il Cittadella, in una prestazione sopra le righe.

Anche il discorsetto a metà settimana del presidente Zangrillo va interpretato come il tentativo di scuotere un gruppo ridimensionato dal bilancio di un novembre terribile: due punti appena raccolti in quattro partite. La società, scegliendo la riconferma del trainer tedesco, ha indirettamente tolto un alibi ai calciatori, rafforzando la posizione di chi li guida. Tocca ai pedatori genoani reagire perentoriamente e dimostrare che le recenti, diffuse perplessità riguardo alla loro caratura – individuale e collettiva – siano campate in aria.

Pure Blessin, intendiamoci, si gioca una bella fetta di futuro e sa di dover allontanare gli spettri di un esonero e quei giudizi stroncanti del popolo genoano verso il suo operato. Il 4-2-2-2 mostrato a Perugia dovrebbe tornare nell’armadio, ma è improbabile un suo ripensamento assoluto di carattere tattico. In spregio al giudizio negativo espresso dall’intera piazza genoana – il 4-2-3-1 resterà il modulo di riferimento. Semmai, cambierà qualche interprete, con il quasi certo recupero di Aramu o Gudmundsson o di entrambi. D’altronde, non mutando lo spartito, l’uomo di Stoccarda ha provato un po’ tutte le combinazioni senza cavare un ragno dal buco. Sicché è ineluttabile un dejà-vu.

Se il dibattito rimane aperto a livello di prima linea, in altri settori la necessità di rivedere certe scelte spingerà Blessin a qualche modifica. Sulla fascia sinistra difensiva tornerà quasi certamente Sabelli, con Hefti a destra, mentre Vogliacco, bocciato inesorabilmente come terzino, dovrebbe godere di una chance probante nel suo ruolo preferito, quello di centrale, con l’esclusione di Dragusin, che da diverse settimane peggiora gara dopo gara.

Il Cittadella, nemico di giornata, non è uno squadrone, ma neppure il Como e il Perugia, bravissimi a frenare il volo dell’ambizioso Grifone, apparivano tali. Il 4-3-1-2 granata è applicato da giocatori perfettamente calati nell’atmosfera della serie B: tra loro scarseggiano le primedonne, mentre abbondano il dinamismo, la rapidità e la voglia di stupire. Il team veneto si comporterà come tutte le altre avversarie del Genoa a Marassi: difesa attenta, ma prontezza nel ripartire e insinuarsi nelle maglie piuttosto slabbrate della retroguardia rossoblù. Sta a Frendrup e compagnia coprire adeguatamente i tentativi di punte e mezze punte in zona gol.

Ultimo consiglio a Blessin: se, come si auspica, dovesse registrarsi la rete del vantaggio, non abbia il timore di avvicendare una punta (la meno ispirata della giornata) a pro di un centrocampista. Prima o poi, la serie dei recuperi subìti nelle partite casalinghe dovrà pur finire.

PIERLUIGI GAMBINO

spot_img

Articoli correlati

Fise Liguria: ottima apertura del circuito regionale Jump a Rapallo

Domenica 29 gennaio si è svolta presso l’Horse Club...

Chiavari incorona i campioni regionali Under 14 di spada

Domenica scorsa la palestra del Centro Benedetto Acquarone –...

Lunedì 13 febbraio all’Università di Genova “All around soccer”

AIAC, in accordo con le Università Italiane, propone Convegni...

8° Rea Palus Race a Rapallo: le emozioni dei partecipanti

Mancano due mesi all’ottava edizione della Rea Palus Race,...

Locatelli Genova inarrestabile, doppiata Busto Arsizio

Terza vittoria su tre gare per la Locatelli Genova,...

FIT Junior Program: grande successo per la tappa al CUS Genova

Nel weekend è andata in scena al CUS Genova...
- Advertisement -spot_img