Ambrogio Beccaria secondo alla Route du Rhum. La gioia dello Yacht Club Italiano

Condividi

Impresa straordinaria quella di Ambrogio Beccaria. Al suo esordio alla Route du Rhum e alla sua prima regata su “Alla Grande – Pirelli”, ha tagliato il traguardo ieri alle ore 16:38 ora locale (21:38 ora italiana) in seconda posizione nei Class40 e primo fra gli italiani nella sua categoria, attraversando l’Atlantico in solitaria in 14 giorni 7 ore 23 minuti. Un risultato straordinario frutto anche della sinergia di alcune delle più importanti realtà della Liguria.

Ambrogio ha condotto la regata magistralmente, sempre nelle prime posizioni tra i Class40. La strategia adottata gli ha inoltre permesso di vincere lo spettacolare “match race” durato giorni e giorni il francese Corentin Douget. Ottimo risultato, dunque, nonostante le difficoltà per l’avaria alla stazione del vento e il miglior risultato di sempre alla Route du Rhum in una classe monotipo per un velista italiano. E complimenti anche ad “Alla Grande – Pirelli”, che pur essendo la barca più nuova e meno rodata della flotta dei 55 Class40, ha dato prova delle sue straordinarie capacità, tenendo nell’ultima settimana di regata velocità medie di circa 17 nodi (e con punte di 25). Andando a tratti più veloce degli Imoca, la classe dei velocissimi monoscafi di 60 piedi (18 metri).

Grande successo per un progetto 100% Made in Italy, che ha visto Genova al centro di questo progetto che, in un contesto dominato storicamente dai francesi – che da decenni sono il punto di riferimento delle regate oceaniche sia in termini di know-how, di progettazione e costruzione.

Beccaria mesi fa ha scelto un’opzione autarchica: dando fiducia a due suoi coetanei e amici (Guelfi e D’Angeli) che gli hanno progettato una barca rivoluzionaria, a un nuovo cantiere Sangiorgio Marine, nuovissima realtà nel cuore di Genova che ha iniziato la sua attività costruendo proprio AllaGrande e una veleria che ha la sua sede operativa a Carasco, la North Sails Italia che ha curato la progettazione e realizzazione del ‘motore’ della barca di Beccaria. Banca Passadore ha affiancato Ambrogio per la parte finanziaria del progetto e, Last but not least, Ambrogio è portacolori dello Yacht Club Italiano, sempre in prima fila nel sostengo ai giovani atleti e punto di riferimento per la vela italiana.

A seguire alcuni dei commenti a ridosso di questo storico risultato:

Nicolò Caffarena – Segretario Generale dello Yacht Club Italiano

Il risultato di Ambrogio non è solo storico per lo Yacht Club Italiano, ma per tutto il movimento della vela italiana. Una dimostrazione evidente di come il talento, la passione e l’impegno possono portare a grandissimi risultati.

Un’impresa di questo genere per un giovane in una regata così impegnativa con una barca nuova costruita da un nuovo cantiere e disegnata da due giovani progettisti all’esordio, confermano che l’Italia è ormai indiscutibilmente ai vertici anche nella vela oceanica.

Come Yacht Club Italiano è piacere ed orgoglio avere riconosciuto il talento di Ambrogio anni fa, averlo sostenuto economicamente e soprattutto aver fatto sistema con sponsor e realtà al 100% italiane in gran parte facenti parte della grande famiglia del nostro Club: la famiglia Passadore con la propria banca, la famiglia Garrè ed Edoardo Bianchi con un nuovissimo cantiere all’avanguardia, Marco Tronchetti Provera con Pirelli, sono stati tutti elementi essenziali insieme ad altri partner italiani del grande successo di Ambrogio.

Riteniamo sia solo l’inizio, vista anche la giovane età di Beccaria, di un lungo percorso e di tante miglia in giro per il mondo con il nostro guidone e la bandiera italiana ad immagine e dimostrazione di quello che l’Italia è in grado di fare.

Daniele Cassinari – Presidente e CEO di North Sails Italia

“Abbiamo puntato su Ambrogio senza alcuna esitazione, ben consapevoli della sua stoffa da marinaio e regatante, orgogliosi di fare squadra e fare la nostra parte in un progetto tutto italiano. Accettare le sfide è nel DNA di North Sails e Ambrogio Beccaria ha dato ennesima prova della sua bravura compiendo un’impresa difficilissima, con un progetto nuovo e pieno di incognite. Ora non vediamo l’ora del suo ritorno per raccogliere tutte le informazioni e per migliorare ancora di più vele e performance di AllaGrande. Congratulazioni ad Ambrogio e agli altri vincitori che hanno scelto North (i primi delle classi Ultim, OceanFifty e Imoca).

Edoardo Bianchi – CEO Sangiorgio Marine

“Siamo veramente contenti del risultato di Ambrogio e di Allagrande-Pirelli: un grande risultato per il velista, ma anche tanta soddisfazione per noi che abbiamo costruito e varato la barca sulle banchine genovesi. Vedere il nome di Sangiorgio Marine sul podio di una regata come la Route Du Rhum è motivo di grande orgoglio: Allagrande è la nostra prima creatura ed è già sinonimo di Made in Italy e di avanguardia. In Allagrande c’è tutto lo spirito del neonato cantiere e delle grandi capacità genovesi in termini di cantieristica ma anche di innovazione.“

LA ROUTE DU RHUM 2022

La dodicesima edizione della leggendaria regata è partita il 9 novembre scorso con un posticipo di tre giorni rispetto alla data prevista per la partenza, a causa delle durissime condizioni meteorologiche. Nonostante la premura della direzione che ha scelto di rimandare lo start per la prima volta in 44 anni, la Route du Rhum 2022 è stata una corsa molto impegnativa e piena di insidie: quattro fronti si sono susseguiti e hanno letteralmente decimato la flotta nonché causato numerose avarie alle imbarcazioni. Già definita “l’edizione dei record”, ha visto Charles Caudrelier, a bordo del maxi trimarano “Maxi Edmond de Rothschild” tagliare il traguardo il 16 novembre scorso con un tempo di percorrenza di soli 6 giorni, 19 ore, 47 minuti e 25 secondi di navigazione, battendo il precedente primato di Francis Joyon del 2018. Lo stesso vale per la classe Imoca in cui Thomas Ruyant ha stabilito il nuovo record di categoria con 11 giorni e 17 ore di navigazione migliorando quello di 12 giorni e 4 ore che apparteneva al vincitore del 2012 François Gabart.

spot_img

Articoli correlati

Serie A1: la Pro Recco liquida Trieste

La Pro Recco supera agevolmente lo scoglio Trieste, vincendo...

Fise Liguria: ottima apertura del circuito regionale Jump a Rapallo

Domenica 29 gennaio si è svolta presso l’Horse Club...

Chiavari incorona i campioni regionali Under 14 di spada

Domenica scorsa la palestra del Centro Benedetto Acquarone –...

Lunedì 13 febbraio all’Università di Genova “All around soccer”

AIAC, in accordo con le Università Italiane, propone Convegni...

8° Rea Palus Race a Rapallo: le emozioni dei partecipanti

Mancano due mesi all’ottava edizione della Rea Palus Race,...
- Advertisement -spot_img