A Bologna Samp ribaltata nell’intervallo dallo “psicologo” Stankovic

Serie A 2022/23 | Bologna-Sampdoria Dejan Stankovic (allenatore Sampdoria) - Esultanza finale

La Sampdoria ha lambito gli abissi verso fine primo tempo, quando la traversa, provvidenziale, ha ricacciato indietro la bordata di Dominguez che probabilmente avrebbe potuto chiudere in anticipo la drammatica battaglia tra poveri al Dall’Ara. Un piccolo, ma non trascurabile segnale che Dejan Stankovic ha portato un nuovo vento, anche nei rapporti col destino. E di un fato propizio, l’uomo si è avvalso anche nell’assegnazione di un avversario che più tenero non si sarebbe potuti immaginare.

Il resto i blucerchiati se lo sono guadagnato autonomamente con un secondo tempo da stropicciarsi gli occhi, in specie se paragonato al vuoto pneumatico prodotto nelle precedenti esibizioni ed anche nei 45 minuti bolognesi prima del riposo.

Il belgradese, alla prima impressione, è un professore, più che di tecnica e tattica, di psicologia. Chissà quali corde avrà toccato, nel quarto d’ora fatidico dell’intervallo per svegliare repentinamente dal torpore quel gruppo in catalessi. Sì perché l’iniziale metà gara di Rincon e C. non è apparsa che la continuazione di quella, sciapa e anodina, inscenata contro il Monza. E se il punteggio è rimasto in termini recuperabili, lo si deve a quel legno trasversale e soprattutto all’assoluta pochezza di un Bologna sempre più candidato alla retrocessione e prevedibilmente proteso verso l’ultima piazza.

La metamorfosi doriana tra un tempo e l’altro non può che chiamare in causa la psicologia. Vero che il cambio di Gabbiadini con Leris ha risolto più di un problema sulla fascia destra, ma non poteva bastare una novità in formazione: è stato il lavaggio del cervello deciso da Stankovic a rimescolare le carte e ad iniettare orgoglio e senso di appartenenza ad un manipolo spento e in balìa degli eventi. Anche i succesivi innesti in momenti diversi – di Villar, Quagliarella e Verre – hanno giovato alla causa, ma alla base di una trasformazione così radicale troviamo il cervello più che le gambe. D’altronde, pretendere che il serbo, con due allenamenti all’attivo, potesse porre mano alla tattica era un’utopia bell’e buona.

Serie A 2022/23 | Bologna-Sampdoria
Gol Sampdoria (1-1): esultanza Filip Djuricic

A livello psicologico c’era moltissimo da lavorare, se pensiamo all’encefalogramma piatto registrato durante l’era di Giampaolo – pregevole insegnante di calcio ma pessime trascinatore – ed è bastato un discorsetto nei giusti termini per raccogliere frutti copiosi.

Serie A 2022/23 | Bologna-Sampdoria
Gol Sampdoria (1-1): esultanza Filip Djuricic

Concordiamo con Stankovic: c’è un cammino lungo da percorrere sotto l’aspetto atletico e anche tattico e c’è una fase difensiva da rivedere in profondità, ma intanto la classifica si è mossa e il messaggio lanciato dalla squadra intera nel secondo tempo induce alla fiducia in un futuro assai meno preoccupante.

Con Stankovic potrebbero pure cambiare certe gerarchie. Di sicuro, con lui al comando, Caputo, lo stesso Gabbiadini ed un Sabiri sempre più incostante non dovranno più sentirsi sicuri di un posto al sole. In compenso, sono lievitate le quotazioni di Leris, che da… disperazione di qualsiasi tifoso doriano si è trasformato improvvisamente in punto di forza. La sua presenza ha impedito agli esterni petroniani di avanzare, obbligandoli anzi ad una difesa strenua. Dal suo piede è partito l’assist – forse involontario, ma che importa? – per Djuricic e se nel finale il francese fosse riuscito ad anticipare il portiere Skorupski a due passi dalla linea bianca, sarebbe stata un’apoteosi.

Serie A 2022/23 | Bologna-Sampdoria
Mehdi Pascal Marcel Leris-Andrea Cambiaso

Gli incontentabili avanzano un rimpianto legato al mancato successo: chissà, con altri cinque minuti di partita, il sorpasso si sarebbe potuto materializzare. Ma il punto intascato (il primo della stagione lontano da Marassi) segna pur sempre un’inversione di tendenza. Certo, occorre chiedersi quanto la resurrezione blucerchiata si leghi ad un antagonista così scalcinato, ma intanto godiamoci questo momento di ripresa e fasciamolo di ottimismo senza illudersi che la Roma, il prossimo week-end, stenda sul prato del Ferraris tappeti (giallo)rossi.

                                 PIERLUIGI GAMBINO

 

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.