Memorial Franco Pongiluppi: botto si conferma, Carassai brilla nel maschile

E’ andata agli archivi la decima edizione del Memorial Franco Pongiluppi, tradizionale appuntamento Open organizzato dallo Sporting club Genova per ricordare il suo storico maestro.

Sul centrale del Circolo di via Tre Pini Alice Botto, attualmente tesserata per CT Lavagna ma per tanti anni primadonna del Park Genova nei più importanti campionati nazionali a squadre,  ha centrato il secondo successo consecutivo allo Sporting superando in finale l’emergente Lucia Gaio, che si è arresa all’esperta avversaria al termine di una battaglia terminata con il punteggio di 1/6 6/4 6/3.

Nel tabellone maschile invece il ventiseienne Carassai ha avuto la meglio per 3/6 6/1 6/4 su un altro giovane, Tommaso Lippolis, che vanta già presenze in serie A1 con la maglia del suo club. Buoni semifinalisti Francesco Moncagatto e Nicolò Lippolis, fratello di Tommaso.

Anche i tabelloni intermedi hanno offerto ottimo tennis ai sempre numerosi spettatori presenti allo Sporting per il Memorial Pogiluppi. In particolare è risultato molto spettacolare il match conclusivo del torneo di terza categoria, vinto da Giovanni Bibolini, di Lubrano Tennis Academy, che ha battuto Luca Rainero del TC Genova per 6/3 4/6 10-5. Non a caso a Bibolini, classe 2007, è stato assegnato il Trofeo Pongiluppi, dedicato al miglior giovane del Memorial.

E’ stato molto seguito anche il torneo di quarta categoria, che ha visto prevalere Cesare Carbone, vincitore per 6/2 6/0 su Andrea Gorrero in finale. E’ quindi calato il sipario sulla decima edizione del torneo intitolato alla memoria di un decano degli insegnanti di tennis liguri, improvvisamente mancato all’affetto di tutti noi ormai dieci anni fa.

Il merito della buona riuscita di questo appuntamento, ormai tradizionale nell’ambito del calendario agonistico ligure, va sicuramente allo Sporting club Genova, al  G.A. Alessandra Degiorgi, bravissima a gestire con equilibrio e precisione tanti match con 150 giocatori impegnati in campo, al Direttore del torneo maestro Davide Favati, e all’arbitro Giuseppe Favati, che si sono superati per onorare la memoria di chi, per tante generazioni di allievi è stato semplicemente “Pongi, il Maestro”.

Condividi