Salone Nautico in città: fitto calendario di appuntamenti

Il Salone nautico torna a Genova per la sua 62° edizione e la città si prepara a questo grande appuntamento internazionale con un fitto calendario di eventi collaterali. È un vero e proprio Fuori Salone, un Salone che si apre e contamina tutta la città, con un fitto calendario di manifestazioni tra musica, spettacoli, iniziative culturali e valorizzazione delle ricchezze e delle specificità di Genova, della sua cultura marinara e del suo legame con il mare e con la nautica, tratto caratteristico e distintivo di questa terra.
“Il Salone nautico è forse l’appuntamento più importante dell’anno per Genova e la Liguria – commenta il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, da un lato per il legame storico della Liguria con il settore della nautica, una delle eccellenze produttive e manifatturiere di questa terra, dall’altro perché i numeri confermano come sia un eccezionale volano turistico in un mese di settembre che si annuncia ancora di grande successo, per una regione che si muove sempre più in direzione di una ricettività 12 mesi l’anno. Quest’anno abbiamo scelto di portare il Salone in città, con una serie di eventi e appuntamenti dedicati a residenti e turisti, per far sì che il Salone sia sempre di più un momento di festa per la città, e per celebrare, ancora una volta, l’indissolubile legame di Genova, capitale del Mediterraneo, con il mare”.

“Genova si prepara ad accogliere i tantissimi visitatori, imprese espositrici e addetti ai lavori con eventi che puntano alla scoperta della nostra città e del suo forte legame storico con il mare – commenta il vicesindaco di Genova Pietro Piciocchi– un legame che vogliamo sempre più valorizzare, anche nel volto del futuro della nostra città, a partire dal nuovo Waterfront di Levante, che ospita il Salone, un progetto fortemente voluto dalla nostra amministrazione perché riallaccia una parte della città alla sua vocazione marinara”.

“Abbiamo presentato la settimana scorsa la 62esima edizione del nostro Salone Nautico internazionale di Genova, organizzato da Confindustria Nautica, che si terrà a partire da questo giovedì 22 settembre a martedì 27 settembre – spiega Marina Stella, Direttore Generale di Confindustria Nautica – Le istituzioni del territorio, Regione Liguria e Comune di Genova in primis, non hanno mai fatto mancare il loro supporto: un evento che riflette l’eccellenza di un comparto in crescita e promuove sempre maggiori e più importanti opportunità di sviluppo. Il programma di eventi in città è un importante esempio di collaborazione fruttuosa in prospettiva sinergica comune, per migliorare l’offerta complessiva. Il Salone Nautico è riconosciuta opportunità di promozione territoriale, una grande cassa di risonanza per le eccellenze della città e della Regione, che coinvolge i visitatori nazionali e internazionali alla scoperta della ricchezza del tessuto artistico, culturale, turistico e commerciale di Genova e della Liguria”.

“Il Salone Nautico Internazionale di Genova è, oltreché uno degli appuntamenti più importanti dell’anno per il nostro territorio, un’irrinunciabile occasione di confronto istituzionale, tecnico e di mercato per tutta la nautica che, assieme all’economia del mare e alla logistica, rappresenta uno dei settori trainanti del sistema Liguria – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti – Ma è opportuno sottolineare le ricadute economiche che genera l’indotto: ogni visitatore del Salone Nautico spende a Genova, fuori dai confini della manifestazione, in media 125 euro. Una cifra che, se moltiplicata per i 188 mila visitatori che ci furono nell’ultima edizione pre-pandemia (2019), potrà riversare in città più di 23 milioni di euro. Non solo: se la sommiamo alla spesa degli espositori, che a differenza dei visitatori stanno qui almeno 6 giorni (la durata della manifestazione più i giorni di allestimento e disallestimento), e inoltre hanno un comportamento di spesa superiore, applicando il moltiplicatore usato per le fiere (secondo cui ogni euro investito all’interno della manifestazione ne riversa 10 volte tanto sul territorio) arriviamo in totale a 60 milioni di euro”.

“Il programma di eventi che abbiamo predisposto in occasione del Salone Nautico – spiega il consigliere delegato ai grandi Eventi del Comune di Genova – punta sull’intrattenimento di piazza, una dimensione a cui purtroppo, durante l’emergenza pandemica, abbiamo dovuto per molto tempo rinunciare. Lo spettacolo in piazza De Ferrari per la serata di apertura del Salone Nautico, i concerti e gli spettacoli nelle serate successive, per non tralasciare i tour nel centro storico accompagneranno le serate dei genovesi e dei visitatori, usciti dal Salone, con un’offerta di divertimento e intrattenimento che animerà il centro città”.

“Anche quest’anno – spiega l’assessore al Commercio e alle Tradizioni del Comune di Genova – Genova ha saputo fare sistema e grazie alla sinergia tra enti locali, Agenzia InLiguria, Camera di Commercio, Associazioni di Categoria e relativi CIV è possibile offrire ai genovesi e ai visitatori un’ampia gamma di eventi e iniziative, che faranno vivere il Salone Nautico come una festa diffusa. Con il Progetto Cambusa dei Mari poi abbiamo lavorato per una sperimentazione importante: abbiamo iniziato a coinvolgere tutte le realtà commerciali ed artigianali cittadine con marchi riconosciuti (Botteghe storiche, locali tradizione, Artigiani in Liguria ecc) per creare un circuito non solo virtuale ma anche fisico affinché i visitatori possano scoprire le eccellenze del commercio e del saper fare genovese. Una vera rete caratterizzata dalla qualità e dalla identità territoriale che con Camera di Commercio e l’Assessorato regionale allo sviluppo economico, miriamo ad ampliare sempre di più e che vorremmo riproporre ad ogni grande evento cittadino In forte continuità con gli ultimi 5 anni, il Salone Nautico sarà così un evento aperto sulla città e per la città, in grado di catalizzare l’attenzione del grande pubblico sulle tipicità del nostro territorio, valorizzando le nostre eccellenze commerciali e artigianali, con ricadute positive non solo nei giorni del Salone, ma anche a lungo termine”.

“Il Salone Nautico è il primo grande appuntamento di richiamo turistico per Genova della stagione autunnale – spiega l’assessore al Turismo del Comune di Genova Alessandra Bianchi – dopo una stagione estiva sold out, abbiamo forti segnali positivi anche per i prossimi mesi e Genova si sta preparando ad accogliere flussi turistici che si stanno consolidando anche in soggiorni che non sono più solo ‘mordi e fuggi’, dimostrando la voglia dei visitatori a scoprire sempre di più la nostra città e i percorsi escursionistici nell’entroterra come occasione di sport outdoor. Gli eventi collegati al Salone saranno un biglietto da visita straordinario per i turisti che potranno vivere una città viva con eventi e concerti per tutti i gusti. Nei prossimi mesi Genova ospiterà congressi internazionali, grandi mostre e nel 2023 The Ocean Race Genova The Gran Finale, un evento che avremo modo di conoscere nel dettaglio anche all’interno della lounge del Salone, attraverso incontri e dibattiti”.

“Abbiamo avuto una partecipazione a dir poco entusiastica da parte delle imprese certificate come eccellenze del territorio genovese, a dimostrazione del fatto che c’è grande attesa per questo 62° salone – commenta Alessandro Cavo, Delegato della Camera di Commercio per le botteghe storiche – Hanno aderito 22 Botteghe storiche, 4 Locali di Tradizione, 20 ristoranti Liguria Genova Gourmet, 2 Genova Gourmet Bartender e 27 Artigiani in Liguria. Le tipologie sono le più diverse, dall’osteria fuori porta alla libreria antiquaria del centro storico, dall’artigiano del rame al pasticcere/cioccolatiere”.

Onda su Onda
Il giorno dell’inaugurazione del Salone, giovedì 22 settembre, si parte con “Onda su onda”, spettacolo di fuochi, luci, karaoke e canzoni dedicate al mare e alla navigazione alle 21 in piazza De Ferrari organizzato da Salone Nautico in collaborazione con Lamialiguria.
Si tratta di un viaggio nella canzone italiana, da De André a Paoli, da Orietta Berti a Luca Carboni fino a Piotta e Loredana Bertè, che unirà i fuochi d’artificio al videomapping sul palazzo della Regione, videomapping che permetterà al pubblico di seguire immagini evocative e parti del testo delle canzoni.
I partecipanti potranno trovare i testi delle canzoni su www.lamialiguria.it. A partire dalle 18 animazione in piazza, con la possibilità di vincere biglietti omaggio per il Salone Nautico. Le canzoni scelte per lo spettacolo sono: Crêuza de mä di Fabrizio De André, Sapore di sale di Gino Paoli, Fin che la barca va di Orietta Berti, Onda su onda di Bruno Lauzi, Un’estate al mare di Giuni Russo, In fondo al mare dal film “La Sirenetta”, Gente di mare di Umberto Tozzi e Raf, Mare mare di Luca Carboni, La grande onda di Piotta e In alto mare di Loredana Bertè.

Gli eventi del Comune di Genova

Il 23 settembre alle 21 concerto dei Buio Pesto in piazza Matteotti, appuntamento del tour 2022 iniziato a maggio dopo due anni di assenza dalle piazze a causa della pandemia.

Il 24 settembre, sempre alle 21, in piazza De Ferrari, spettacolo aereo, appositamente creato per il Salone Nautico, dei Sonics, a cura dell’associazione Sarabanda S.I., dal titolo “Sirene e altre Meraviglie”. Uno spettacolo aereo con acrobati sollevati da una gru che volteggeranno sopra la fontana della piazza, speciali coreografie e costumi creati ispirandosi al mare.

Il 25 settembre, alle 16, partenza di sei tour turistici della città di Genova dal titolo “Sulle onde del mare”, a cura della Fondazione Amon (visite guidate gratuite fino a esaurimento posti). “I Frisceu e le camicie”, “Il mare del ferro”, “La strega sirena-piazza Caricamento”, “Noi che non possiamo cadere in mare”, “Riveriscio Zena” “Una nave senza motori” sono i percorsi alla scoperta del centro storico con il fil rouge del legame della città con il mare. Per informazioni e prenotazioni: www.exploratour/sulleondedelmare e fondazioneamon@live.it
Alle 17, la partenza del corteo degli sbandieratori di Lavagna e dei musici da Caricamento per arrivare alle 18 in piazza De Ferrari per lo spettacolo finale. Alle 21 lo show tributo ai Pink Floyd in piazza Matteotti di Empty spaces – Pink Floyd tribute band. Lo spettacolo è incentrato sulle musiche del gruppo storico dei Pink Floyd, ripercorrendo i principali successi della discografia della band britannica, senza tralasciare i brani più ricercati e i filmati d’epoca (proiettati su megaschermo) da sempre parte integrante degli show dei Pink Floyd.

Il 26 e 27 settembre, nel cortile di Palazzo Tursi, alle 21, lo spettacolo teatrale di Igor Chierici “Oceano mare-La zattera della Medusa”, la storia del naufragio della celebre fregata. La partecipazione è gratuita. Per informazioni: www.visitgenoa.it

Lunedì 26 settembre ai bagni San Nazaro, in Corso Italia, dalle 10 alle 12, “Conosciamo il mare”: l’iniziativa, realizzata in collaborazione con la Capitaneria di Porto, di avvicinamento positivo al mare rivolto ai bambini iscritti alle scuole dell’infanzia comunali e ai loro accompagnatori.

Eventi in collaborazione con i Civ-Ascom Confcommercio

Cesarea. Proposte di arredo casa e giardino con fiori, piante e prodotti bio che accoglieranno gli ospiti del Salone nel cuore del centro genovese, dalle 9 alle 20 il 23 e 24 settembre.
Marassi. Il 23 settembre, un mercatino e intrattenimento musicale per le vie di Marassi, dalle 10 alle 23.30.
Sestiere Carlo Felice. Il 23 settembre, sfilata di auto storiche e intrattenimento musicale nelle vie dello shopping genovese dalle 15 alle 23.30

Genova, Cambusa dei Mari: l’esperienza dei marinai in città

Il progetto “Genova, Cambusa dei Mari”, ideato e realizzato dalla Rampello & Partners, sotto la direzione artistica di Davide Rampello, in collaborazione con Regione Liguria, Salone Nautico, Comune di Genova e Camera di Commercio di Genova, mira a valorizzare il patrimonio commerciale genovese di alta qualità: le botteghe, gli empori, i ristoranti, le realtà artigianali e imprenditoriali che si dedicano alla tutela della tradizione e della mescolanza culturale, alla ricerca dell’innovazione, al culto dell’eccellenza. Un’iniziativa che vuole mettere in risalto l’anima identitaria di Genova, nella sua totale unicità, complessità e ricchezza, coinvolgendo tutta la città, stimolando l’economia del territorio e generando cultura e senso di comunità.
La cambusa rappresenta la dispensa, il luogo dove vengono conservati e cucinati i viveri. Con questo progetto, Genova diverrà la “dispensa”, la “cambusa” dell’alta qualità: dalle botteghe storiche alle eccellenze del patrimonio enogastronomico, fino agli altri settori di punta del territorio e ai luoghi della ristorazione più importanti si va a costruire una mappa con il meglio dell’operosità e del commercio genovesi, che trasmetta prima di tutto la rarità, la qualità, la diversità tipiche del saper fare della città.
L’intento di “Genova, Cambusa dei Mari” è proporre un modello che sostenga e stimoli una prospettiva diversa, più consapevole e sostenibile all’acquisto: il termine “fare cambusa” richiama direttamente il rispetto e la valorizzazione delle materie prime, implica il recupero e il risparmio delle risorse e ne condanna lo spreco, che predilige la qualità alla quantità.
Con questo progetto, Genova si propone come “cambusa dell’alta qualità”, e sarà la prima città d’Italia a valorizzare i saperi, l’operosità, il lavoro degli uomini e delle donne che compongono il commercio genovese, promuovendo una spesa consapevole e preservando un patrimonio imprescindibile per l’identità di qualsiasi impresa: la memoria.
Per l’occasione è stato realizzato un banner fisico da esporre nelle 73 attività coinvolte, una mappa digitale per scoprire questi luoghi e assieme a loro i monumenti storico-artistici della città, 1000 shopper di cotone numerate, in edizione limitata, con disegno e firma di Michele De Lucchi, da distribuire agli avventori, adesivi e una vera e propria “Carta dei Valori”.

Gli appuntamenti del Comune di Genova al Salone Nautico

Il Comune di Genova sarà presente all’interno del Salone Nautico e ha organizzato quattro momenti di confronto e approfondimento.
Giovedì 22, dalle 14 alle 15, nella lounge di The Ocean Race Genova The Grand Finale, “Verso the Ocean Race: i primi risultati della Call for Innovation”. Partecipano: gli assessori al Mare e al Turismo del Comune di Genova, Claudio Oliva di Genova Blue District, Maria Linda Brizzolara di The Ocean Race Genova The Grand Finale. Modera: Massimiliano Lussana

Venerdì 23 settembre, dalle 14 alle 15, Regione Liguria, Comune di Genova e Camera di Commercio, si terrà “Blue Jobs: un talk sullo sviluppo economico sostenibile” con gli interventi dell’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Genova, Stefano Barla di Alfa Laval, Massimo Musio Sale dell’Università degli Studi di Genova, Umberto Verna della Lega Navale, Giovanna Tagliasco dell’Università degli Studi di Genova. Modera: Chiara Olivastri

Sabato 24 settembre, dalle 12 alle 13, nello stand di Regione Liguria, Comune di Genova e Camera di Commercio, il “Talk sustainable event: Il countdown di Genova per il 2023”. Partecipano: l’assessore all’Ambiente del Comune di Genova, Vincenzo Spera, presidente Assomusica Italiana, Giulio Magni di One Ocean Foundation, Megan Jones, Sustainability Program Advisor The Ocean Race (video messaggio). Modera: Stefania Manca

Lunedì 26, dalle 17 alle 18, si dà appuntamento il Blue circle networking alla Lounge di The Ocean Race Genova The Grand Finale.

Domenica 25 e martedì 27, la direzione turismo del Comune di Genova sarà presente con totem city pass per la promozione turistica della città presso lo stand di Regione Liguria, Comune di Genova e Camera di Commercio.

Da giovedì 22 a sabato 24 settembre al Galata Museo del Mare al via la terza edizione degli “Incontri in blu. Uomini, donne e storie di mare”. Edizione speciale 62° salone nautico internazionale

Da giovedì 22 a sabato 24 settembre al Galata Museo del Mare, al via la terza edizione della rassegna di conferenze denominata “Incontri in Blu. Uomini, donne e storie di mare”, speciale 62° Salone Nautico Internazionale. Tre giorni di incontri con personaggi eccezionali:

Giovedì 22 settembre sarà la volta di Luca Bassani Antivari, imprenditore visionario, fondatore di Wally Yachts; venerdì 23 settembre a salire sul palco del Galata Museo del Mare sarà Mauro Morandi l’eremita di Budelli mentre sabato 24 settembre Jean Le Cam, velista francese che ha compiuto il giro del mondo più volte, racconterà al pubblico le sue imprese straordinarie. Tutti gli appuntamenti della durata di circa un’ora sono condotti dal giornalista e scrittore Fabio Pozzo e si svolgeranno a partire dalle ore 19.00 al Galata Museo del Mare, a ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti.

Giovedì 22 Settembre – Luca Bassani Antivari – Il visionario della nautica
Forte della sua passione per la vela, che ha coltivato sin da bambino, sui campi di regata e in crociera, nel 1989 costruisce Wallygator, uno sloop di 25 metri altamente innovativo, sia sotto il profilo dello stile sia della tecnica, che non passa inosservato e che induce Bassani a fondare cinque anni dopo Wally Yachts e a trasformare le sue visioni in impresa, con sede nel Principato di Monaco e cantieri in Italia e all’estero. Una lunga rotta, che prosegue con altre barche, con altre idee ed intuizioni, che dalla vela si estendono anche al motore, con il Wallytender e l’iconico Wallypower, un superyacht in carbonio ed acciaio che può raggiungere i 65 nodi di velocità, rivoluzionando per sempre il modo di andare per mare.

Venerdì 23 settembre – Mauro Morandi – L’eremita di Budelli
Insegnante di Educazione fisica, nel 1989 salpa dalla Calabria con un catamarano e due amici per fare rotta sulla Polinesia. Fa una tappa all’isola della Maddalena, con l’intento di guadagnare un po’ di soldi charterizzando la barca. Ma il suo viaggio rimane sulla carta: sbarca a Budelli, ne è conquistato e accetta il posto di guardiano nel frattempo liberatosi. Resterà sull’isola per 32 anni, resistendo ai passaggi di proprietà, ai progetti, agli inverni, alle intimazioni di sfratto da parte dell’Ente Parco della Maddalena. Una battaglia a difesa della sua vita ribelle e della celebre Spiaggia Rosa, che è stata seguita in tutto il mondo e che ha raccontato nel libro “La poltrona di ginepro” (Rizzoli)

Sabato 24 settembre – Jean Le Cam – Il navigatore degli Oceani
In Francia lo chiamano “le Roi Jean”, in onore della sua carriera velica leggendaria, che comincia da bambino in Bretagna e che prende forma su diversi tipi di imbarcazioni. È stato due volte campione del mondo in Formula 40, ha corso decine di regate transatlantiche, vincendo tre Solitaire du Figaro e ha lanciato otto volte la sfida al giro del mondo, dalla Whitbread alla Barcelona World Race in doppio al Vendée Globe in solitaria. L’Everest delle regate quest’ultimo, che ha corso cinque volte e che lo ha visto nel 2009 naufrago a capo Horn e poi soccorso da un avversario e nel 2020 salvare un altro partecipante naufragato, un gesto che gli è valso l’onorificenza della Legione d’onore.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.