Genoa-Modena, Blessin in cerca di vittoria e di qualità

Vincere? È il minimo sindacale, l’approdo obbligato di un posticipo sabatale, sulla carta, confortevole. Ma i tre punti secchi secchi non potrebbero bastare per restituire il sorriso ad una tifoseria genoana sempre più indispettita. Serve anche convincere, insomma e, sotto sotto, l’ha fatto capire anche il presidente Zangrillo, che nelle sue dichiarazioni a margine del Memorial Gorin ha parlato di due squadre, non una sola, a disposizione di Blessin, considerata la caratura di rincalzi che sarebbero titolari inamovibili in qualsiasi altro team cadetto.

È vero altresì che l’illustre sanitario ha ribadito a chiare lettere la fiducia del club nei confronti del tedesco, ma ci saremmo meravigliati del contrario. Intendiamoci, in Germania troviamo club maggiormente restii a cacciare l’allenatore dopo le prime amarezze, ma la presenza di un diesse italiano, Marco Ottolini, potrebbe mutare almeno in parte le strategie della proprietà.

Il successo sulla matricola Modena rafforzerebbe di per sé stessa la posizione del tedesco, ma c’è modo e modo di imporsi, e quello meno inglorioso – senza una traccia di manovra e di equilibrio fra i reparti – alimenterebbe ulteriormente il malcontento e le perplessità generali. È Blessin a dover dare risposte precise sul piano del gioco, piazzando i giocatori nelle posizioni a loro più congeniali, e diradando quella confusione emersa nell’ultima mezz’ora – pur pronuba di palle gol – di Palermo. Serve un’impronta, una tangibile risultante del lavoro settimanale e delle direttive del mister.

Inoltre, si attende da mister Alexander qualche volto nuovo nella formazione iniziale. La conferma sia di Ekuban sia di Portanova sarebbe l’inno all’ostinazione e potrebbe anche essere interpretata come una provocazione nei confronti di una tifoseria che certe novità ormai non si limita ad auspicarle ma le pretende. Nelle sedute più recenti il trainer ha osservato con particolare attenzione i progressi di Aramu, Yalcin, Strootman e Puskas, acquisti più o meno freschi: tutti individui che qualsiasi allenatore cadetto invidia al collega di Stoccarda. I primi due, soprattutto, rappresentano carte rilevanti da calare sul tavolo verde per spezzare gli equilibri. Anche in serie B, infatti, non si può prescindere da una dose di qualità, fantasia, imprevedibilità, e per questo motivo suscita perplessità il forte interessamento per lo svincolato Zaza. Per carità, ha il fisico del ruolo (nell’immaginario di un trainer che esige impeto e furore), ma chi gli fornisce qualche palla giocabile?

Tornando al prossimo incontro, ovviamente, un occhio sarà pure rivolto alla fase difensiva: occorre sempre e comunque equilibrio, così da scongiurare quei contropiedi che di recente sono costati carissimo al Genoa, i cui centrali arretrati sono tosti e gagliardi ma non il ritratto della velocità.

Si prevede un dominio genoano, ma sbaglierebbe chi dovesse considerare la partita già vinta, anche se l’undici emiliano, reduce da una sofferta promozione in cadetteria, non si è rinforzato adeguatamente ed ha sinora raccolto una vittoria e solo sconfitte. Mister Tesser conosce a menadito la categoria ed è un fine psicologo, ma di fronte ai limiti di un organico non eccezionale incontra parecchie difficoltà. La sua panchina trema da qualche settimana: non è mancata la classica fiducia a tempo, nell’auspicio che il vento cambi direzione. Il suo 4-3-1-2 non dispone di invidualità di rilievo e la difesa si impernia sul 35enne De Maio, che al Genoa si è fatto lungamente apprezzare, sia nelle giovanili (vinse un Viareggio nel 2007), sia in prima squadra. Il suo mestieraccio potrebbe non bastare per scongiurare il quinto dispiacere stagionale.

                        PIERLUIG GAMBINO

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.