CSI Genova contro il caro energia. Carmagnani. “Molte strutture a rischio chiusura o ridimensionamento“

E’ un grido di allarme disperato quello che arriva dal mondo sportivo, soprattutto amatoriale e dilettantistico.

Il caro energia rischia infatti  tipo di mettere letteralmente in ginocchio decine e decine di realtà sul territorio con gravissime ripercussioni anche di tipo sociale.

“ Se non arriveranno in poco  tempo sostanziali contributi economici per le bollette di luce e gas già pagate e per quelle da pagare, entro fine 2022 molte strutture o saranno costrette a chiudere o a ridimensionare drasticamente i servizi- dice Enrico Carmagnani Presidente CSI Genova-. Questo significherà concretamente palestre non riscaldate, docce fredde, taglio del personale e di altre spese. Il rischio è che migliaia di famiglie restino senza sport  dopo gli anni disastrosi del Covid frenando  così drasticamente l’attività di   prevenzione sanitaria e di socializzazione per giovani ed adulti”.

La situazione più grave riguarda le piscine, è difficile infatti d’inverno ipotizzare di nuotare in acqua fredda.  Il caro energia, con il raddoppio delle bollette, angoscia anche i  gestori di palestre e di tutti gli impianti sportivi.

Le richieste fatte al Governo dalle associazioni sportive si possono sintetizzare in alcuni punti: eliminazione degli oneri accessori delle bollette, riduzione degli oneri di sistema, riduzione dell’IVA dal 22 al 5%,esenzione delle accise per tutti gli enti no-profit, possibilità di programmare piani di rientro a 12 mesi, contributi economici a fondo perduto.

Il CSI  rappresenta con orgoglio  in Liguria circa 400 realtà, 200 delle quali a Genova: una decina le piscine gestite da società affiliate alle quali si aggiungono quelle del Consorzio “ Obbiettivo Sport e Salute”, costituito a fine giugno.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.