Campionato del Tigullio – Trofeo Renato Lombardi: buoni risultati per Filippo Jannello

In archivio la terza e la quarta prova del Campionato del Tigullio – Trofeo Renato Lombardi. Il caldo micidiale e il sole scatenato non fermano la “battaglia”. In tutto questo scenario un po’ epico, un po’ da sgomento, nel quale è una sfida anche l’uscita dal porto tra il via vai dei vacanzieri – molti con barche a noleggio e conduzione non propriamente professionale – Odino ha pensato di premiare gli intrepidi regatanti con due giornate di ottimo vento che nella maggior parte delle 6 prove svolte ha soffiato con intensità, mentre il mare regalava parecchia onda.

Da segnalare la risposta di Filippo Jannello che, con Cicci, su sei prove ha collezionato quattro primi, un secondo e un terzo ed è primo nella Classifica generale del Campionato che ha già visto disputare 9 belle prove, in gran parte ventose. E poi il suo inseguitore Vincenzo Penagini con Plötzlich Barabba. E Vittorio d’Albertas con Behemoth, che appare, vince e scompare, intramezzando primi e DNC che lo relegano a un 11° posto che non corrisponde al reale valore. Per non parlare degli inossidabili e coriacei – nel senso di duri da superare – Marcello De Gasperi, 3° in generale con Gallinella, Gin Gazzolo, 4° con Pallino e Federico Pilo Pais, penalizzato con vento sopra ai 4 metri, come nelle prove di questo week end, ma che appena l’aria cala piazza subito la zampata, balza in avanti e insidia i primi, tant’è che è 5° in generale davanti al creativo (nel senso che spesso fa scelte di bordeggio anti-convenzionale) Andrea Falciola 6° con Solo Per Pazzi e a Alessandro Pedone da Monaco, 7° con No way.

Il succo è che nel Campionato del Tigullio-Trofeo Renato Lombardi regatano molti dei fortissimi a livello nazionale, i soliti noti che occupano, o hanno occupato, spesso il podio dei Campionati Italiani, del Bombolino, delle Nazionali di Coppa Italia. E’ normale quindi, e non deve creare frustrazione, il fatto di albergare in classifica in posizioni a doppia cifra, salvo episodici exploit. Ecco quindi che emergono altre sfide, non meno rilevanti di quelle generali, che si consumano senza sconti, nonostante i sorrisi e gli sfottò. Una che va avanti da anni è quella tra Francesca Lodigiani con Cavallo Indomito e Titti Carmagnani con Toulì, rispettivamente 8° e 9° in classifica generale, che tengono rigoroso conto di quante volte uno è davanti all’altra. Per la cronaca lo score di questo week end è di 4 a 2 per Lodigiani. Bella lotta tra Amedeo Ferri con Blues, il Presidente Gianni Castellaro con Ancon d’Assae, Danilo Bianchi con Oibò, Armando Gambaro con Pedro, Franco Fondi con Nuvola d’Argento e Sandro Ugolini con Epoxy Shark. Menzione speciale a parte per Luca Manzoni, 10° in generale per aver saltato la prima giornata del Campionato, che in questo week end era in stato di grazia e si è sempre misurato con i primi. E menzione anche per Marco Puccini che passa da ottime posizioni a OCS con grande disinvoltura, costretto al ritiro dalle ultime prove per avaria.

Condividi