Formazione Dirigenti CSI al “Gedda Camp”

Progettare il futuro e prendersi cura delle persone attraverso lo sport: è stato questo il filo conduttore del “Gedda Camp” che si è svolto presso la Domus Stella Maris ad Ancona nei giorni scorsi.

Un evento che, per la prima volta, ha visto la partecipazione di dirigenti territoriali di tutt’Italia, una quarantina.

Il nome “Gedda Camp” è un doveroso omaggio a Luigi Gedda, già dirigente dell’Azione Cattolica, che nel 1944 fra le tante iniziative politiche che assunse, decise di fondare, con un’idea davvero lungimirante, il CSI per promuovere uno sport dell’anima e del cuore.

Quelli di Ancona sono stati quattro giorni molto intensi di formazione, condivisione e socializzazione, coordinati in modo impeccabile da Massimo Achini, Responsabile della Scuola Nazionale Dirigenti CSI.

Particolarmente interessante è stato anche l’intervento di don Stefano Guidi, Coordinatore oratori lombardi.

La voce del CSI Liguria

“È stata una formazione molto dinamica ed attiva, non frontale, ma con momenti nei quali,suddivisi in  squadre, ci si doveva mettere in gioco. La cosa più bella di questi tre giorni- dice Arianna  Bruzzone Responsabile Segreteria CSI Liguria– è stata quella di  aver avuto la possibilità di  conoscerci ,essendo tutti provenienti da realtà territoriali completamente diverse, scambiarci idee”.

Hanno portato la loro testimonianza anche i genitori di Yara Gambirasio per presentare l’Associazione “La passione di Yara”, un piccolo strumento per sostenere le passioni sportive, artistiche e culturali di giovani talenti.

“Durante il Gedda Camp- sottolinea Arianna Bruzzone– si è attivata una formazione trasversale affinché i dirigenti trovino la direzione per “ riparare le reti”,  secondo l’efficace metafora di Massimo Achini, migliorino le comunicazioni, valorizzino al meglio le persone, curino  le relazioni il più possibile”.         

Ha partecipato al “Gedda Camp” anche il presidente del CSI Nazionale Vittorio Bosio che ha risposto a tutte le domande, in modo puntuale ed esauriente, che vertevano soprattutto sullo sviluppo dell’Ente e sulle risposte che dovrà dare in futuro in tema di outdoor, formazione, bandi.

“È stato un camp valutato positivamente da tutti i partecipanti con caratteristiche soprattutto motivazionali- ha sottolineato Luca Verardo Presidente CSI Liguria– e di testimonianze di chi, ogni giorno, sul territorio mette in pratica gli storici ideali del Centro sportivo italiano: socialità, inclusione, attenzione agli “ ultimi”. Tutti hanno tirato fuori il meglio di loro stessi”

Francesco Piccone

Responsabile Ufficio Stampa CSI Liguria                

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.