Us Luca Locatelli Genova espugna anche Padova

Vittoria d’autorità per le genovesi della Locatelli nel derby fra le squadre più giovani del campionato (ben 8 convocate al collegiale della Nazionale under 16, equamente divise), con la squadra di Carbone che impiega circa un tempo e mezzo per scrollarsi letteralmente di dosso le incalzanti avversarie euganee che mettono in campo una grandissima aggressività, ma, prese le misure, e sostenute da Asia Avenoso che giganteggia fra i pali mantenendo inviolata la porta per poco meno di venti minuti, le lontre aumentano inesorabilmente il vantaggio dal +3 di metà gara al +9 finale di un 4-13 fin troppo eloquente.

Primo tempo in cui è il Padova ad iniziare meglio, anche grazie a tanta imprecisione delle liguri in fase di conclusione, così alla rete iniziale di Ravenna le venete di Sara Ciocci rispondono con Delli Guanti dal palo in superiorità numerica e Francesca Bozzolan e solo grazie alla ritrovata Caterina Nucifora la Locatelli ritrova il pari un paio di minuti prima del primo intervallo. Nella seconda frazione le genovesi provano a “scappare” due volte, rispettivamente con Irene Rossi e Arianna Banchi, ma vengono due volte riprese, da Serafini in superiorità per il 3-3 e da Bacelle con un bel tiro al volo per il 4-4. Da questo momento però la Locatelli Genova sale in cattedra e le 9 reti successive saranno tutte colorate di biancorossoblu. Nel secondo tempo le lontre infatti riescono a staccarsi con una doppietta di Vittoria Ravenna e con la rete di una concentratissima Irene Rossi presentandosi ad inizio terza frazione con un rassicurante +3 (4-7), che viene incrementato solo da un rigore di Lele Bianco nel terzo, Pozzani infatti ha un grande acuto parando a fine tempo un rigore a Ravenna, ma le ragazze di Carbone in questa frazione si esaltano soprattutto nella fase arretrata, difendendo alla perfezione, con Asia Avenoso che annichilisce gli avanti avversari, e passando indenni da ben cinque espulsioni contro consecutive. Poi le avversarie che vengono private di alcune atlete-chiave gravate di tre falli, ammainano la bandiera durante il quarto tempo, nel quale la Locatelli, che per gran parte della frazione schiera una formazione baby, realizza ben cinque reti consecutive con Lele Bianco che con altre due segnature apre e chiude la serie: in mezzo Rossi, Ravenna e soprattutto un gran gol dal centro della 2007 Nausicaa Magaglio, al battesimo del gol in Serie A.

Sconfitta tutto sommato indolore per le patavine, e vittoria essenziale per la Locatelli Genova, ora attesa da una serie terribile di partite che si aprirà domenica prossima a Rapallo (ore 15,30), seguita immediatamente dalla semifinale nazionale under 20, nella quale la Locatelli Genova si presenta da campione regionale e se la vedrà con Como, Verona e Roma Vis Nova.

Negli altri incontri della fine settimana brutta battuta d’arresto per la Serie B maschile a Perugia (8-4), uno strepitoso terzo posto (su 8 squadre) per la nostra under 13 nel torneo della Sciorba vinto dallo S.C. Quinto, torneo nel quale eravamo la sola società a schierare anche ragazze e proprio una di loro, Margherita Minuto, ha vinto sia il premio come capocannoniere, sia quello come miglior giocatore del torneo, ed impresa della Under 18 che in formazione d’emergenza blocca il Lerici sul pareggio (11-11) in una partita in cui a fare notizia è però la enorme sportività del tecnico dei coccodrilli, Andrea Sellaroli.

Commento del tecnico della Locatelli Genova, Stefano Carbone. “Le ragazze sono state brave oggi a non farsi scoraggiare dalla loro stessa iniziale imprecisione e da un gioco aggressivo che trovo paradossale venga pure premiato da chi dovrebbe stroncarlo senza discussioni. Detto ciò oggi più che altro vorrei dedicare spazio e vittoria a miei due illustri colleghi, a Stefano “Tete” Pozzi che ha annunciato di volere lasciare la pallanuoto, cosa che mi fa sentire un po’ più vecchio e molto più triste, e ad Andrea Sellaroli, che nella partita under 18 maschile che lo vedeva nostro avversario ha fatto una cosa così grossa che spero che queste mie poche parole possano essere raccolte da qualcuno che faccia da cassa di risonanza per questa lezione di vita e di sport che Andrea ha dato a tutti noi, per primi i suoi fortunati allievi: in una partita che per loro potrebbe risultare decisiva per la qualificazione, quando i nostri ragazzi e suoi avversari, presentatisi in formazione di emergenza e falcidiati dalle espulsioni definitive per raggiunto numero di falli sono rimasti in sei, Andrea ha tolto un giocatore, atto già molto bello, visto che la partita era in equilibrio ed infatti è terminato in pareggio, ma in questo caso ben oltre il bello, l’onorevole, lo sportivo: Sellaroli infatti ha messo a rischio la stessa qualificazione alla fase nazionale, preferendo non approfittare di una contingenza sfortunata per l’avversario che lo avrebbe portato a vincere facilmente l’incontro, ma trasmettendo a tutti i presenti qualcosa di molto più importante. In un mondo normale forse sarebbe un gesto normale. Nel 2022 io credo che dovrebbero parlarne anche alla Domenica Sportiva. Grazie di cuore Andrea,  per questo grande insegnamento”

 

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.