La Cestistica Spezzina è indomabile ma non basta per la rimonta: Patti vince e va in semifinale

Un’encomiabile Cestistica non riesce a rimontare la gara di svantaggio su Patti e si vede costretta a terminare la sua stagione: nel match del PalaSerranò, dopo un’altra splendida e divertente partita, le spezzine hanno dovuto alzare bandiera bianca soltanto negli ultimi secondi. La gara finisce 88-78 per l’Alma Basket, ma le emozioni non sono affatto mancate. Dopo esser finita a -21 nel terzo quarto, le ragazze di coach Corsolini non si sono abbattute e sono riuscite ad andare ad un soffio dal completare la rimonta, arrivando al -3 con ancora qualche minuto sul cronometro, con grinta e intensità che non erano emerse nei primi tre periodi. Tre le bianconere in doppia cifra, trascinate da una strepitosa Angelica Castellani da 27 punti, seguita da Silvia Colognesi con 19, infine Templari con 13.

LA PARTITA – La gara comincia ad un ritmo inaudito: Zolfanelli inaugura la partita col primo canestro, Verona e Toure danno il primo vantaggio a Patti, poi Castellani fa rimettere la testa avanti alla Cestistica (3-6). Botteghi sorpassa con cinque punti consecutivi e N’Guessan impatta sull’8-8. Se fin qui si è giocato a velocità altissime, l’Alma decide di incrementare ulteriormente il passo, e le ospiti cominciano a pagare qualcosa: in chiusura di prima frazione arriva il break di 10-3 che vale il +9 per le siciliane, trascinate da Miccio, dopo dieci minuti (26-17). Il secondo quarto però comincia come si era interrotto quello precedente: Patti spinge sull’acceleratore e costruisce un altro parziale, questa volta di 11-0, che regala il massimo vantaggio alle padrone di casa. La Spezia però non si scompone e continua a fare il suo gioco: dopo aver rosicchiato qualche punto e aggiustato la difesa, le ragazze di coach Corsolini imbastiscono un break di 0-10 ad opera del trio Templari-Stoichkova-Castellani che le porta sul -8 (43-35). Gli ultimi squilli del primo tempo sono di Toure, N’Guessan (1/2 dalla lunetta) e Botteghi, col punteggio di 47-36 all’intervallo lungo.

Dopo essersi riportata in gara, la Cestistica subisce nuovamente la verve di Patti, che costruisce un altro 14-2 che vale addirittura il +21 per le padrone di casa (63-42). Nonostante l’approccio molle al rientro dagli spogliatoi, però, le bianconere riprendono coraggio e cominciano la rimonta con uno 0-7 che le avvicina sul 63-49. Ma l’Alma non perde colpi e, dopo 30 minuti, va all’ultimo riposo sul +15 dopo tre tiri liberi realizzati da Miccio (69-54). Il sussulto d’orgoglio delle ospiti arriva nel principio del quarto periodo: una difesa ferrea fa segnare a Patti soltanto due punti, mentre in attacco il trio Colognesi-Castellani-Templari capitalizza le azioni create con ritmo e ottima circolazione di palla. Il risultato è un break di 2-14 che significa un solo possesso di differenza tra le due squadre (71-68). Verona e Miccio danno ossigeno alle siciliane che, coadiuvate da Toure, controllano il rientro della compagine spezzina, indomita fino all’ultimo istante di gara. Al PalaSerranò finisce 88-78 per Patti che si aggiudica il pass per le semifinali, mentre termina qui la stagione della Cestistica.

ALMA BASKET PATTI 88-78 CESTISTICA SPEZZINA (26-17, 47-36, 69-54)

PATTI: Toure 17, Micovic ne, Botteghi 20, Dell’Orto, Iuliano 4, Chiarella 2, Miccio 30, Verona 13, Gualtieri 2, Bardaré ne. ALL: Buzzanca.

LA SPEZIA: Colognesi 19, Stoichkova 5, Templari 13, Zolfanelli 2, Castellani 27, Pini 3, N’Guessan 9, Guzzoni, Guerrieri ne, Amadei ne. ALL: Corsolin

Condividi