Salute e benessere: successo per l’evento con Flavia Pennetta al TC Genova

“Flavia Pennetta gioca con noi” è il titolo dell’evento che si è svolto sabato presso il Tennis Club 1893 di Genova, dove Radiologo, Pediatra e Nutrizionista scendono letteralmente “in campo” – insieme a un centinaio di bambini che giocheranno sotto la guida della campionessa Flavia Pennetta – a favore della salute e del benessere del bambino, specie in una fase post-Covid in cui si rende urgente il ritorno a buone abitudini e a stili di vita salutari. Oltre a giocare, i bambini, con la collaborazione degli Specialisti.

Radiologi, Nutrizionisti e Pediatri effettuano una valutazione mirata con visita ed esame ecografico, verranno inoltre intervistati rispetto alle loro abitudini quotidiane. Il risultato è un importante quadro sullo “stile di vita” di bambini e adolescenti, cui seguiranno consigli mirati per condurre una vita sana da tutti i punti di vista: alimentare, sportivo e
relazionale.

È proprio questo lo scopo dell’evento organizzato dalla Sezione di Studio di Radiologia Pediatrica della SIRM (Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica) che intende proporre un programma di crescita sana del bambino, affiancandogli la figura di specialisti come il Radiologo, il Nutrizionista e il Pediatra, affinché
possano monitorarlo nel tempo e indirizzarlo verso uno sviluppo equilibrato.

“Le tecniche ecografiche disponibili oggi sono molto avanzate” – dichiara Margherita Trinci, Presidente della Sezione di Studio di Radiologia Pediatrica della SIRM. “Ci consentono, infatti, una
valutazione molto accurata, sia per l’aspetto metabolico-nutrizionale sia per la componente muscolo-scheletrica”. Il Medico Radiologo
diviene, quindi, una figura determinante nello sviluppo del bambino sano, sia nel campo della prevenzione che nel monitoraggio dei
fisiologici processi di crescita.

“Il nostro obiettivo come Radiologi pediatri è di organizzare un programma di imaging non invasivo personalizzato” – interviene Beatrice Damasio, Medico Radiologo presso l’Ospedale Gaslini di Genova – “disegnato per il singolo bambino e che lo segua nel tempo, monitorando in maniera quantitativa i parametri di interesse del suo stato globale di salute a 360 gradi”.

L’impatto del Covid ha drasticamente modificato gli stili di vita. Se prima della pandemia, 1 bambino su 10 in Italia era obeso, ora il rapporto è di 1 a 8, nella fascia di età tra i 7 e gli 8 anni1.

“Spesso si additano snack e bibite zuccherate, il cui consumo è senz’altro aumentato”, spiega Romina Cervigni, Biologo nutrizionista e responsabile scientifico per la Fondazione Valter Longo. “In realtà i bambini italiani mangiano troppi amidi e troppe proteine, che causano peso in eccesso, mentre cereali integrali, legumi e verdure sono consumati troppo poco”. Errate abitudini alimentari predispongono a infiammazione e ad un indebolimento del sistema immunitario2, con la probabilità che un bambino obeso possa diventare un adulto obeso, andando incontro a complicanze patologiche come il diabete3.

“Il trattamento dell’obesità si basa su due cardini: da un lato il controllo dell’introito calorico mediante una dieta bilanciata per età e per sesso e dall’altro favorire il dispendio energetico mediante attività fisica” – afferma Natascia Di Iorgi, Medico Pediatra presso l’Ospedale Gaslini di Genova. Ed è proprio la ripresa dello sport, dopo l’aumento dell’attività sedentaria che la fase pandemica ha inevitabilmente provocato, che viene promossa in questa giornata di sensibilizzazione.

“Al Tennis Club Genova, storico circolo nato nel lontano 1893, seguiamo oltre 250 allievi di cui 218 sono bambini tra i 5 e i 15 anni, cercando di incentivarli alla ripresa di un gioco salutare, all’aria aperta, che li stimoli come futuri atleti e soprattutto come persone libere di esprimersi e di
crescere in maniera sana” – interviene Rodolfo Lercari, Presidente del Tennis Club Genova 1893.
Nel corso dell’evento, circa cento bambini del Tennis Club scendono in campo sotto la guida della campionessa Flavia Pennetta, testimonial dell’iniziativa sia come sportiva che come mamma di tre bambini.

“Vorrei trasmettere la passione dello sport ai bambini. Mi capita di vedere atleti che abbandonano lo sport dopo averlo vissuto per anni come un dovere e la stessa cosa può capitare a bambini che praticano magari una disciplina con il sovraccarico emotivo generato dalle aspettative di genitori esigenti. Lo sport, proprio perché aiuta il benessere psico-fisico dei bambini, dovrebbe essere vissuto con entusiasmo e curiosità”.

Attività sportiva, sane abitudini alimentari e la conduzione di uno stile di vita sano sono, infine, l’unica ricetta vincente per favorire una crescita all’insegna della salute e del benessere. Nel caso di bambini e di giovani in fase di sviluppo, si rende più che mai necessaria la presenza di specialisti che li supportino nella loro evoluzione dall’età infantile a quella adulta.

“Il ruolo e il compito dei Radiologi pediatri, al fianco di altri specialisti, è quello di monitorare le fasi di crescita del bambino, avvalendosi della sua professionalità e di strumenti tecnologici oggi estremamente avanzati” – spiega Vittorio Miele, Presidente della SIRM – “mettendo a punto un programma personalizzato di prevenzione e di crescita equilibrata”.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.