Inter troppo forte, lo Spezia ci prova ma cede 3-1. Nzola sostituito dopo 10′ per via di un orecchino

Nonostante ormai pregusti la seconda salvezza consecutiva, lo Spezia resta una squadra che deve evitare la retrocessione e l’Inter una da scudetto. E infatti i nerazzurri vincendo si portano momentaneamente in testa alla classifica.

Partita quindi inevitabilmente senza soprese, compresa l’ostinata tenacia spezzina per fare risultato nonostante lo squadrone che le  se parava davanti e una classifica serena, salvo il “numero” involontariamente messo in scena da N’Zola per un orecchino al 60′:  il francese era stato fatto per entrare per Manaj, ma l’arbitro Maresca ha notato il gioiello a suo avviso irregolare fissato all’estremità del capo. L’attaccante naturalmente ha provato  a levarselo, senza però riuscirci. Ha dovuto perciò spostarsi fuori campo come un infortunato che deve attendere di rientrare, mentre la partita riprendeva e i suoi compagni in 10. Ci si son messi un po’ di collaboratori di Thiago Motta a cercare di risolvere il busillis dell’orecchino, ma non c’è stato verso di allontanarlo dal suo proprietario. Così al 70′ il tecnico italo-brasiliano stizzito a chiamato un nuovo cambio, immettendo Antiste per il compagno trovato colpevole di eccessiva vanità dal giudice di gara.

Tre minuti dopo i meneghini ospiti hanno raddoppiato con Lautaro Martinez, che appena poco prima aveva sfiorato la rete con un tiro dal limite; il Toro è bravo a deviare quanto basta il bel cross di Perisic, che sulla fascia si auto smarca con un elegante colpo di tacco.

Il primo gol era stato di Brozovic al 30′ del primo tempo, un sontuoso tiro da fuori dopo essere stato smarcato da D’Ambrosio, al termine di un costante assedio dei Campioni d’Italia. Dopodichè si sono limitati  a controllare con la loro superiore qualità, cercando il pertugio giusto per chiuderla con semplicità ogni qual volta i padroni di casa erano inevitabilmente costretti ad aprirsi alla ricerca del pareggio.

A sorpresa però Maggiore l’ha riaperta con una gran conclusione dai 20 metri al 86′.

Sanchez però l’ha chiusa una volta per tutte al 93′, con lo Spezia sbilanciatissimo in avanti, approfittando di un assist di Lautaro.

Formazioni

SPEZIA (4-3-3): Provedel; Amian, Erlic, Nikolaou, Reca; Maggiore, Kiwior, Bastoni; Kovalenko, Manaj, Gyasi. All. Thiago Motta

INTER (3-5-2): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Bastoni; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Correa, Dzeko. All. Inzaghi

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.