Telemedico Sturla passa contro Crocera Stadium

Non è stato assolutamente facile per la Telemedico Sturla vincere la partita di ieri contro la formazione della Crocera Stadium che, seppure fanalino di coda della classifica con zero punti, ha dimostrato di non meritare l’ultima posizione.

Il Crocera è stato in partita fino al quarto tempo dove ha raggiunto meritatamente il pareggio per 4 – 4. Poi lo Sturla grazie a due reti consecutive dell’ottimo Michele Gilardo, una in superiorità e l’altra su rigore, ha allungato e gli avversari nonostante il goal di Manzone non sono stati più capaci di recuperare. Il tecnico biancoverde Fabio Gambacorta, in settimana, ha preparato accuratamente la partita.

Conosce bene i valori della propria squadra così come i punti deboli. Ha chiesto ai ragazzi di tenere un ritmo sostenuto per tutta la gara, così da non lasciare tempo agli avversari di pensare ed organizzarsi. Indicazioni che la squadra ha seguito e messo in pratica. Le ripartenze continue e immediate della Telemedico sono state in effetti una delle armi vincenti.

Lo Sturla ha conquistato ben 11 superiorità numeriche contro le 4 degli avversari, vantaggi che, tuttavia, sono stati poco sfruttati dalla squadra di casa che solo in quattro di queste occasioni è riuscita a segnare. Si tratta comunque di un segnale che la squadra biancoverde produce e macina tanto gioco, manca solo quel pizzico di lucidità e freddezza per capitalizzare al meglio queste situazioni.

Per la Telemedico quella di ieri era una sfida da vincere; una sconfitta avrebbe significato interrompere quanto di buono fatto fino ad ora ma, come si sa, normalmente queste sono le gare più difficili e la partita di ieri lo ha confermato.

I ragazzi di Gambacorta però non si sono fatti intimorire dall’importanza della partita e hanno avuto la meglio. Entrambi i reparti, di difesa e attacco, hanno giocato bene e se in attacco si poteva fare meglio, va considerato che in vasca c’erano anche gli avversari a cui va dato il merito, soprattutto al numero 1 Giovanni Graffigna, di avere saputo contenere le tante occasioni dello Sturla. Meriti che vanno allargati certamente al numero uno sturlino, Emanuele Rossi ,che parando anche un rigore, si conferma uno dei migliori portieri di questo campionato.

Dopo il fischio d’inizio la partita si sblocca con una rete di Riccardo Ieno per la Crocera, a cui fa seguito, per la Telemedico, una doppietta del capocannoniere della squadra biancoverde: Matteo Villa. La seconda frazione di gioco vede un equilibrio tra le due formazioni, tante occasioni non finalizzate per lo Sturla, ma al terzo minuto Alessio Pellerano, con una poderosa e veloce nuotata, è bravo a trovarsi solo davanti al portiere avversario e a non sbagliare la palla del 3-1. Un minuto dopo la Crocera riduce le distanze con Marco Manzone per il 3-2. Lorenzo Bisso, su assist di Navone, effettua al quinto minuto della terza frazione di gioco, una bellissima palombella che supera il portiere della Crocera per il 4-2. Ma non c’è nemmeno il tempo di gioire che Marco Damonte, per la Crocera, trova l’angolino della rete alla sinistra di Rossi per il 4-3. L’ultimo tempo si gioca con la convinzione che tutto possa accadere. Il goal di vantaggio della Telemedico non è sufficiente per limitarsi a gestire la gara, bisogna fare molto di più, cercare di vincerla. La formazione della Crocera si conquista un rigore ma Federici dai 5 metri sbaglia, merito anche della bravura del portiere biancoverde Rossi che neutralizza il tiro. Poco dopo però Federici trova il goal per la sua squadra riscattandosi per il rigore fallito: 4-4.

Mancano poco più di sei minuti al termine del match e da questo momento la partita, di fatto, inizia nuovamente. Michele Gilardo costringe il proprio marcatore a commettere un fallo da espulsione ed è bravo a realizzare la rete del 5-4. Quindi Lorenzo Navone, di fronte al portiere della Crocera, conquista un fallo di rigore che sempre Gilardo dai cinque metri non sbaglia: 6-4. Lo Sturla respira e anche i tifosi biancoverdi prendono fiato da un’apnea durata diversi minuti. Due gol di vantaggio potrebbero essere amministrati ma mancano ancora cinque minuti al termine della gara: troppi.

La Crocera non molla, sa di giocarsi molto in questa partita, ci crede e va in goal con Marco Manzone 6-5. Un fallo su Nicolò Priolo permette allo Sturla di conquistare l’uomo in più, occasione che la squadra di casa questa volta coglie appieno: Pietro Bini dopo un serie di finte che stancano le gambe del portiere, trova la rete del 7-5. Goal importante che porta a due le reti di vantaggio. La partita si chiude definitivamente con la rete di Lorenzo Navone che suggella con il goal una buona prestazione: 8-5.

Nella prossima partita la Telemedico giocherà a Savona contro l’Arenzano mentre il Crocera andrà ad Imperia. Queste le parole del tecnico Gambacorta a fine partita: “Ho chiesto alla squadra di tenere un ritmo altissimo per tutti e quattro i tempi e così è stato. La posta in palio era alta e l’abbiamo ottenuta anche se con qualche difficoltà. Abbiamo prodotto tantissimo e come sempre potevamo sfruttare al meglio tante situazioni a nostro favore. Questi ragazzi continuano a crescere e ad acquisire sempre più la consapevolezza necessaria per questa categoria”.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.