Il CSI lancia un corso di formazione operatori

E’ iniziato il 5 marzo scorso presso la Sala Luoni dell’Istituto Don Bosco di Sampierdarena un corso di formazione per 15 operatori sportivi del CSI e animatori dei centri estivi, dai 16 ai 34 anni, individuati dall’equipe multidisciplinare del progetto.

Si tratta di ragazzi residenti nel territorio limitrofo alla zona dove sorge il nuovo Ponte S .Giorgio: molti arrivano da cooperative sociali. Sono sette i moduli formativi, dalle due alle quattro ore, sempre il sabato mattina, per un totale di 24 ore: se ne aggiungono sei con alcune offerte formative che verranno aggiunte in corso d’opera.

Il programma è stata elaborato dal CSI Liguria e concordato con il Comune di Genova: ”Partecipo, imparo e mi diverto” ha ricevuto il contributo economico della Regione.
Durante il corso si parlerà delle regole base che devono seguire sempre operatori ed animatori, a seconda del contesto in cui si trovano, di sport sociale ed inclusivo, di attività culturali e della transizione ecologica, di come strutturare ed organizzare l’attività dei ragazzi.

Altri argomenti sono le attenzioni educative che deve avere un buon operatore, i giochi e le proposte di animazione. Ultimo giorno del corso, sabato 9 aprile, giorno in cui si parlerà di sport outdoor. I relatori sono Cristina Caprile, Direttore Scuola Regionale Sport CONI Liguria, Paola Gambale, Emanuele Filippi, Francesca Coppola, Andrea Cittadini, Enrico Carmagnani, Presidente CSI Genova ed Andrea Pedemonte, Direttore di Altum Park, la struttura di riferimento del Centro Sportivo Italiano per le attività outdoor.

Al termine del percorso formativo tutti i ragazzi che abbiano partecipato all’80% dei moduli riceveranno l’attestato di educatore sportivo CSI e si potranno inserire nel Registro Nazionale, riconosciuto dal CONI, seguendo le indicazioni dei docenti.

Condividi