Inter in difficoltà, Genoa disperato e orgoglioso

I tifosi nerazzurri, con un briciolo di goliardia, hanno diffuso sui social il filmato di parecchie delle reti segnate dai loro beniamini al Grifone negli ultimi tempi. Un semplice invito ad imitare certe prodezze, ritrovando quella prolificità persa per strada nelle ultime settimane, quelle prive di vittoria. In quattro match la Beneamata ha raccolto appena un punticino timbrando soltanto due volte: bilancio miserrimo per una macchina da gol come quella ammirata sino ad un mese fa.

Il Grifone per tradizione si traveste da crocerossina per consentire alle formazioni più in crisi di ritrovare la strada maestra, ma certi andazzi prima o dopo terminano. Il problema è che se i nerazzurri stanno balbettando, i rossoblù, pur avendo arrestato la discesa, non riescono proprio ad imprimere un’altra marcia, marcando pareggini che sarebbero anche accettabili se alle spalle non ci fosse un terribile disavanzo da colmare.

Blessin spera sempre in qualche buona nuova, conscio che in quest’anticipo dai connotati di testacoda sia già un’impresa non tanto buttarla dentro ma perfino andare al tiro. L’Inter in retrovia ha manifestato qualche crepa nel portiere Handanovic e nel centrale De Vrij, ma può sempre vantare due mastini implacabili quali Skriniar e il rientrante Bastoni, primi artefici di un pressing asfissiante e intriso di fisicità.

Inter fortissima in ogni reparto con un Brozovic in più

Torna anche Brozovic da squalifica, ed è un bel guaio: di sicuro il tedesco del Genoa avrà capito che il croato va marcato stretto, allo scopo di tagliargli i rifornimenti. Da lui parte ogni qualsiasi suggerimento per Dzeko, quasi 36 anni di classe e determinazione, e il suo partner di giornata, da scegliersi tra Lautaro Martinez, annunciato in angustie, e quel sacripante di Sanchez.

Ultima avvertenza: su corner e calci fermi dalle fasce, guai a distrarsi, poiché nessuna squadra possiede la forza d’urto dei campioni d’Italia, imbottiti di atletici corazzieri.

Quale Genoa per la mission Impossible? Speranza Ultima Dea, Amiri Ultima Speranza

Il Genoa proverà a non snaturarsi, azionando anche in circostanze così improbe il gegenpressing kloppiano, ma non sarà un giochetto facile recuperare palla in una zona favorevole del campo: l’Inter infatti ha i mezzi per eluderlo e con un semplice lancio cogliere impreparato il collettivo avversario.

Mai come stavolta, oltre ad undici genoani dotati di “garra”, servirebbero marcantoni capaci di vincere anche qualche duello aereo. Improba la ricerca di elementi ad hoc da parte di Blessin, che sta riflettendo se reintrodurre la 3-5-2 o la 3-4-1-2 per meglio ripararsi, con Maksimovic affiancato in mezzo da Ostigard e Vasquez. Non ci piove sull’impiego dei due esterni Cambiaso ed Hefti, e neppure sulla scelta di Destro come prima punta (il suo concorrente Piccoli non è al meglio) ed Ekuban come attaccante di complemento, ma le altre maglie sono tutte da assegnare. Improbabile che il mister rinunci a Sturaro, mentre Badelj e Rovella, che si assomigliano tatticamente, potrebbero giocare assieme ma anche combattersi in un ballottaggio.

Il centrocampo resta un problema irrisolto, ma non è che in avanti si possa mostrare sollievo. Il popolo genoano, che si sforza per conservare un pallidissimo ottimismo, brama vedere all’opera dall’inizio quell’Amiri che avrebbe dovuto fare la differenza, ma il suo utilizzo sarà in forse sino all’ultimo. Gudmundsson è lievemente favorito su Portanova, ma i due rischiano di farsi compagnia in panchina. Quale che sia la scelta, anche il pronostico sui duelli diretti nelle varie zone del campo lascia spazio ridotto alle speranze. Affidiamoci al dio Eupalla, che ogni tanto favorisce qualche esito clamoroso. Altro non c’è.

PIERLUIGI GAMBINO

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.