The Ocean Race e il CIO dell’UNESCO uniscono le forze per ispirare la protezione degli oceani

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 100

The Ocean Race, il famoso giro del mondo a vela in equipaggio e leader nel settore della sostenibilità, e la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO (IOC-UNESCO), stanno unendo le forze per contribuire ad aumentare la comprensione dell’oceano e ispirare azioni per proteggerlo.

La partnership mira a contribuire all’azione globale per l’oceano, in quello che si spera sia un anno significativo per i mari, a partire dal One Ocean Summit di Brest, in Francia, un evento che punta a far crescere l’azione internazionale e spingere verso impegni concreti.

La nuova collaborazione combina la profonda esperienza di The Ocean Race sui mari, che deriva da quasi 50 anni di organizzazione di regate oceaniche, con la leadership del CIO nella scienza marina e nella gestione sostenibile degli oceani. La partnership utilizzerà la piattaforma globale della regata per aumentare la consapevolezza dell’impatto che le persone stanno avendo sull’oceano e il ruolo vitale che gioca nelle nostre vite.

The Relay4Nature Baton arrives in Brest, France

Come Impact Collaborator, il CIO lavorerà con The Ocean Race sul programma scientifico, che raccoglie dati sullo stato dell’ambiente marino, anche in parti remote dell’oceano che sono in gran parte inaccessibili alle navi di ricerca. I partner lavoreranno insieme per garantire che i dati raccolti dagli equipaggi aiutino a far progredire la ricerca oceanica con il sostegno del Decennio delle Nazioni Unite della scienza oceanica per lo sviluppo sostenibile (2021-2030), giunto al secondo anno. I dati contribuiranno al Global Ocean Observing System guidato dal CIO e al lavoro di altre organizzazioni che stanno monitorando le principali minacce all’oceano, come i detriti marini, le microplastiche e l’acidificazione (un indicatore chiave del cambiamento climatico).

Vladimir Ryabinin, segretario esecutivo del CIO-UNESCO, ha dichiarato: “Creare l’oceano che vogliamo entro il 2030 – un oceano che sia sano, resiliente, sostenibile, sicuro e stimolante – è l’obiettivo centrale del Decennio dell’Oceano delle Nazioni Unite, e fin dall’inizio è stato evidente che abbiamo bisogno di un’ampia collaborazione tra scienza, governo, filantropia e società civile per raggiungerlo. Dal 2015 siamo abbiamo lavorato in partnership con il mondo della vela attraverso la Classe IMOCA, e penso che la nostra nuova partnership con The Ocean Race dimostri il crescente impegno di questa comunità nella comprensione e nella protezione dell’oceano”.

Il CIO sarà anche coinvolto nei Summit organizzati da The Ocean Race, che riuniscono i decisori globali per contribuire a guidare politiche nuove e migliori per proteggere e governare l’oceano, e parteciperà ad amplificare il programma educativo di The Ocean Race, che insegna ai bambini l’importanza dei mari. Durante il prossimo giro del mondo, che inizierà nel gennaio 2023, i partner coinvolgeranno i bambini negli otto Race Village (il luogo dell’evento della regata in ogni città sede di tappa), dove la salute dell’oceano sarà un tema centrale.
Richard Brisius, presidente di The Ocean Race ha detto: “The Ocean Race e IOC-UNESCO condividono l’obiettivo comune di aumentare la consapevolezza del ruolo vitale che gioca l’oceano nel sostenere tutta la vita sulla terra. Solo aumentando la comprensione del nostro pianeta blu possiamo guidare un’azione più incisiva per proteggerlo. Condividiamo gli stessi valori del CIO e combinando la loro esperienza nella scienza oceanica e la nostra piattaforma globale possiamo ispirare il pubblico – come la comunità velica, l’industria sportiva, le imprese, le città ospitanti, i governi, i fan e gli sponsor – ad attuare un cambiamento che supporti un oceano sano e ricco.”

La collaborazione si basa su una maggiore relazione tra le due organizzazioni, che ha già visto Vladimir Ryabinin nel ruolo di speaker al Summit di The Ocean Race all’Aia nel 2020 e il sostegno a molte delle attività di The Ocean Race da parte del Decennio delle Nazioni Unite della Scienza degli Oceani per lo Sviluppo Sostenibile. Il Decennio è un movimento globale che ha l’obiettivo di sbloccare le conoscenze necessarie per invertire il declino della salute degli oceani e creare condizioni migliori per uno sviluppo sostenibile dell’oceano.

Le partnership sono un elemento chiave del pluripremiato programma di sostenibilità “Racing with Purpose” di The Ocean Race, che riunisce una serie di azioni tangibili per un impatto positivo sull’ambiente marino. Lavorando con 11th Hour Racing – il partner fondatore del programma Racing with Purpose e Premier Partner di The Ocean Race, The Ocean Race sta tenendo summit di alto livello per spingere i decisori globali a creare politiche per proteggere e governare l’oceano, fornendo dati vitali sullo stato dei mari alle principali organizzazioni scientifiche, dotando i bambini delle conoscenze per salvaguardare l’oceano e molto altro ancora.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.