Serie A petanque al via: San Giacomo in pole position

L’edizione numero 26 del campionato di serie A della Petanque è ormai alle porte. Sabato 22 gennaio il nuovo ottovolante inizierà a provocare vertigini ed emozioni per quattordici giornate, quelle della regular season, con i due passaggi di consegne fra chi sale, Auxilium Saluzzo e Passatore, e chi scende, Buschese e Caragliese. L’unica novità è costituita dal regolamento tecnico che prevede il ritorno della prova di tiro di precisione nel secondo turno. Immutate le altre fasi, con 2 terne iniziali (13 punti, max 50 minuti), 3 prove a coppie nel terzo turno (13 punti, max 50 minuti) e per finire 5 sfide individuali, anziché 6 come lo scorso anno (13 punti, max 45 minuti). Ogni atleta potrà scendere in campo al massimo in tre turni. La sostituzione di un giocatore  è ammessa in ogni prova, tranne quella del tiro di precisione. Solita final four con 1^ contro 4^ e 2^ contro 3^, e solito scontro retrocessione fra 6^ e 7^ (l’ottava retrocede direttamente).

SAN GIACOMO – Pochi i cambi di casacca. I campioni in carica del San Giacomo hanno perso una pedina importante come Stefano Bruno, autore di un ottimo rendimento sia a coppie, con Torre (12 punti su 16), sia da solista (12 su 16), ma possono contare su un organico di prim’ordine, il più ampio della serie A, con 7 “A”, 5 “B” e un “C”. La riduzione delle prove individuali, riduce anche le opportunità di sfruttare le capacità dei suoi solisti che contribuirono in maniera determinante (119 punti) ai successi del team del presidente Davide La Monica. Il tecnico Valter Gazzano potrà contare sugli “A” Saverio Amormino, Daniele Ghigliazza, Gianni Laigueglia, Fabio Molinari, Alessandro Parola, Diego Rizzi, Walter Torre; sui B” Mickael Arcolao, Demis Argenta, Matteo Berno, Christophe Calissi, Frederick Sciortino, e sul “C” Paolo Giraudo.

GSP VENTIMIGLIA – I ventimigliesi del Gruppo Sportivo Petanque vogliono quel posto in final four che si sono visti sfuggire di mano lo scorso campionato. Si respira aria nuova in casa dei frontalieri. Intanto è cambiata la guida tecnica, Saranno il genovese Marco Gardella e il suo vice, Riccardo Capaccioni, ad assumere le redini di una formazione che sul già competitivo organico ha inserito le doti del ventenne genovese dell’Abg, Jacopo Gardella, e dell’altro “A” Lionel Variba, marsigliese del Monaco. Pertanto, a cercare di migliorare il quinto posto del 2021, saranno i nove “A” : Benito Campagna, Alessio Cocciolo, Jacopo Gardella, Donato Goffredo, Emanuele Goffredo, Antonio Lipari, Domenico Lipari, Lionel Variba, Oscar Zuppardo, e i due “C” Laurent Cappati e Rosario Di Maggio.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.