Ottimo finale di stagione 2021 per il Karate Club Savona

Ottima chiusura di stagione 2021 per il Karate Club Savona, alla WKF Karate 1 Youth League di Jesolo (Gara di coppa del mondo giovanile) svoltasi da giovedì 9 a domenica 12 dicembre 2021 alla quale erano presenti oltre 54 nazioni e più di 3000 atleti. La Trasferta è cominciata giovedì mattina quando Alessio Caleffi, Nicolò Ferrari, Micol Genta, Paola Giordani, Elia Sergi, Beatrice Manca Perotti, Andrea Odello, Giorgia Brignone, Gian Lorenzo Pica, Riccardo Magnani, Jacopo Genta e Matilde Fiume accompagnati dal tecnico Raffaella Carlini hanno raggiunto Jesolo per effettuare le operazioni di peso e accredito alla competizione mondiale.

Venerdì sono scesi sul tatami gli Junior: la poca esperienza in campo internazionale ha influito sulle prestazioni di Nicolò, Alessio ed Elia, che non sono riusciti a lottare per le posizioni sul podio. Rimane comunque per i savonesi una grande esperienza e la voglia di riscatto l’anno prossimo.

Sabato sono scesi in campo i Cadetti: Andrea tira fuori tutta la sua grinta e lotta incontro dopo incontro, ma un infortunio al piede pregiudicherà l’esito del quarto match impedendo al savonese di continuare la sua corsa verso il podio. Gian Lorenzo passa due turni ma si deve arrendere ad un avversario più forte. Micol con un percorso splendido giunge a giocarsi l’accesso alla finalissima ma stravolta da cinque incontri cede all’atleta Ucraina vincitrice poi della tappa. In finale per il bronzo non recupera la lucidità giusta e si deve accontentare del quinto posto: un ottimo risultato in una categoria di peso che la savonese fa ancora fatica a gestire (47 kg) pesando lei solo 43 kg. Paola, Beatrice, Giorgia e Riccardo nonostante abbiano affrontato il primo incontro con la giusta concentrazione, sono stati sconfitti da atleti del loro stesso valore tecnico/tattico che poi, non raggiungendo la finale, non hanno permesso ai nostri savonesi di partecipare ai ripescaggi.

Domenica sono saliti sui tatami i due più piccoli, gli Under 14: Matilde e Jacopo entrambi dopo un incontro magistrale tenuto in equilibrio sulla parità si sono fatti squalificare per contatti: l’inesperienza in campo internazionale si sente ma sono sulla buona strada per il futuro.

Le tappe delle Youth League non sono eventi facili da affrontare e spesso la tensione fa da padrona; ottima comunque la gestione di gara per tutti gli atleti del sodalizio savonese.

Condividi