Partita la Marina Militare Nastro Rosa Veloce – Fincantieri Cup.

Ha avuto inizio nel pomeriggio di domenica la prima edizione del Marina Militare Nastro Rosa Veloce – Fincantieri Cup. La regata, organizzata da Difesa Servizi S.p.A. e SSI Events, con il supporto della Marina Militare, ha preso il via con ventiquattro ore di ritardo a causa della chiusura del Mose, decisa per contrastare l’emergenza acqua alta che, nel corso delle ultime giornate, ha “minacciato” Venezia. A proposito del Mose, Difesa Servizi è una delle parti in causa che hanno dato vita ad un protocollo di intesa, sottoscritto un anno fa, attraverso il quale Ministero della Difesa assicura il concorso alla finalizzazione degli interventi ancora in corso di progettazione/esecuzione diretti al completamento del modulo sperimentale elettromeccanico per la tutela e la salvaguardia della laguna di Venezia.

Tornando alla regata, in regime di brezza leggera, i Beneteau Figaro 3, la cui destinazione finale è Genova, si sono lasciati alle spalle Piazza San Marco e il Canal Grande guadagnando il mare aperto prima di mettere le prue verso sud.

I più abili nell’allontanarsi dalla città lagunare sono stati Sophie Faguet e Pierre Leboucher che, a bordo di Team Urban Value, hanno passato il traverso del Lido con circa 300 metri di margine su Irene Bezzi e sul campione iridato Double Mixed Offshore Pietro D’Alì, impegnati a bordo di Team ENIT. L’ottima partenza di Team Urban Value non è certo una sorpresa: non va infatti dimenticato che, in coppia con Jonas Gerckens, la talentuosa Sophie Faguet ha vinto il Marina Militare Nastro Rosa Tour 2021, dimostrando di possedere ottima propensione e di conoscere in modo approfondito il Beneteau Figaro 3.

A causa di un imprevisto di natura sanitaria, indipendente dalle attuali condizioni pandemiche in atto, l’equipaggio della Marina Militare, composto da Giovanna Valsecchi e Andrea Pendibene, non ha potuto prendere parte alla regata. La Marina Militare, in accordo con l’organizzazione, ha quindi deciso di mettere a disposizione la propria barca, offrendo a due giovani atleti italiani (Federico Piani ed Elisabetta Maffei) la possibilità di vivere il proprio sogno e mettersi in gioco con la regata no-stop più lunga del mediterraneo.

«Innanzitutto voglio dire una cosa – dice il consigliere delegato a Genova2024 Stefano Anzalone -: trovo molto significativo che la distanza tra Genova e Venezia sia di esattamente 1492 miglia nautiche, esattamente come l’anno in cui Colombo, nostro illustre concittadino e navigatore, sbarcò nelle Americhe. E trovo che a renderlo ancor più significativo sia proprio che 1492 miglia nautiche siano la distanza che ci separano da quella che fu rivale, Venezia, ma dove ebbe i natali un altro grande esploratore: Marco Polo. Oggi, con questa regata, sia Colombo che Polo, Genova e Venezia, si riuniscono ancora una volta in un abbraccio simbolico. Sono orgoglioso che la Marina Militare, Difesa Servizi e SSI Events abbiano nuovamente scelto la nostra città come approdo per un evento così importante: la prima regata no stop intorno all’Italia che diventerà la più lunga del Mediterraneo e che, tra l’altro, vedrà la partecipazione di un team genovese all’insegna di un altro grande evento, il Grand finale della Ocean Race che si svolgerà proprio qui, segno che Genova è davvero Capitale dello sport 2024».

La partenza del Marina Militare Nastro Rosa Veloce è stata una corsa contro il tempo ma adesso che la regata è iniziata c’è la grande soddisfazione di aver dato vita a una manifestazione dal valore sportivo ben marcato – spiega Riccardo Simoneschi, leader di SSI Events – Come sempre capita abbiamo dovuto fronteggiare alcuni contrattempi dell’ultimo minuto, a partire dalla chiusura del Mose, una sorta di deja vu, dato che il primo storico sollevamento delle paratoie era avvenuto lo scorso anno in occasione del prologo del Marina Militare Nastro Rosa Tour. Per quanto riguarda l’indisponibilità di Pendibene-Valsecchi, che da vice campioni iridati Double Mixed Offshore erano tra i favoriti della vigilia, mi preme sottolineare che nel momento in cui sono stati costretti al passo indietro, la sinergia con la Marina Militare è stata assoluta. Ho apprezzato moltissimo sia stata assunta la decisione di dare a un equipaggio di belle speranze l’opportunità di affrontare una prova come questa, che sono sicuro inciderà sulla formazione dei due protagonisti creando un anticipo degli insegnamenti della Marina Militare Nastro Rosa Academy che, attiva a La Maddalena a partire dalla prossima primavera, servirà a plasmare le skills di quanti guardano alla vela offshore con interesse e curiosità”.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.