Per la Liguria Corona dei Pesi Schoolboy e Junior, 4 medaglie grazie a Celano, Ardita e San Remo Boxe

Condividi

Il fato era, tutto sommato, nel nome. I pugili più bravi conquistano le cinture più prestigiose, ma anche le corone. E per Ahron Corona l’ora del destino è scattata presto, nel verde dei suoi 14 anni, ma non prestissimo, dal momento che ha indossato i guantoni per la prima volta solo 6 mesi addietro. Era al debutto assoluto ai Campionati italiani del week end del 23-24 ottobre, al PalaEllero di Roccaforte Mondovì, dopo l’argento conquistato ai Campionati Assoluti di Gym Boxe. Ora nelle fasi finali delle rassegne tricolori delle categorie schoolboy (13-14 anni) e Junior (15-16) un altro formidabile exploit, il successo più sorprendente del ricco bottino conquistato dalla rappresentativa Ligure. 2 ori, un argento e un bronzo raccontano di una regione che quando sale sul ring non teme rivali.

A maggior ragione si fanno ora onore i maschi dopo che nell’ultimo anno sul palcoscenico e sui podi dello Stivale avevano brillato prima Noemi Cafarelli, campionessa schoolgirl nella categoria 38 kg, e  Giorgia Tarabotto, argento nei 46 Kg dei Junior femminili. Entrambe provenienti dalla Celano Boxe, con la seconda che poi è passata all’Ardita Boxing di Marco Nocentini. È a queste scuole, non solo di noble art ma di vita, che sono da ascrivere gli allori genovesi della spedizione.

Aahron Corona, Thomas Fontò, Michele Ayah, Andrea Fasan Campioni Liguri e Italiani

Ripartendo da Aahron Corona, oro nei 90 Kg Schoolboy: «Un’emozione unica. Non pensavo di arrivare a questi livelli in così poco tempo. Dedico ai miei maestri Enzo e Paolo Celano e Mimmo Cafarelli, al preparatore Jonathan Celano, ai miei genitori e a mio fratello». Un percorso verso il gradino più alto da autentico outsider: ha vinto la semifinale contro Alessio Montalto per 5-0, e superato all’ultimo atto Salvatore Caracausi, che ad agosto aveva partecipato con la Nazionale agli Europei. E dai massimi vertici azzurri piovono complimenti, nella persona di Patrizio Oliva, “Lo Sparviero”, Ct degli Schoolboy, Oro a Mosca 1980 nei Superleggeri. È molto probabile che avranno a risentirsi presto.

Allargando il ventaglio dalla Superba a tutta la regione, è della San Remo Boxe l’altro oro della spedizione, nei 52 Kg Junior: Thomas Fontò, nativo proprio della Città dei Fiori. In finale ha battuto Pietro Allegretta.

Tornano invece nel capoluogo, ripartiti equamente tra Ardita e Celano, le altre due medaglie. Alla prima l’argento negli 80 Kg Junior di Michele Ayah, travolgente e sfortunato. Dopo aver superato in semifinale Blendon Morina, ha ceduto solo ai punti a Donato Curtotti.

Infine ancora alla Celano il bronzo nei 60 Kg Junior di Andrea Fasan, sconfitto dal Campione Italiano Davide Pascazio.

Federico Burlando

spot_img

Articoli correlati

La Samp si difende bene ma l’Atalanta è troppo forte e vince 2-0

Continua il periodo nerissimo della Sampdoria, che non solo...

Il Genoa sbatte sul Pisa, 0-0 nonostante la superiorità numerica

Finisce senza reti tra Genoa e Pisa con i...

Il Calcio ricorda Carlo Tavecchio con un minuto di silenzio

Su disposizione del Presidente della FIGC Gabriele Gravina prima...

Grand Prix Lampo a Santa Sabina in partenza venerdì 3 febbraio

Scacchi che passione. Lo sport della mente che cattura grandi...

Champions League: Gamma Innovation Sarzana fa soffrire gli spagnoli del Nola

 Una serata di emozioni nell’esordio della Champions League e...

Serie A: Recco ospita Milano, CUS Genova sfida Parma

Nell’ultimo weekend di gennaio saranno in campo tutte le...
- Advertisement -spot_img