Ad Alassio lo spettacolo delle ventotto nazionali al via: il Mondiale entra nel vivo

Un colpo d’occhio d’eccezione con il PalaRavizza di Alassio nel quale si respira aria di bocce in ogni angolo. Ventotto nazionali a sfilare al ritmo della marcia e i campi allestiti per il Mondiale che, pian piano, si illuminano tinteggiandosi dei colori dei Paesi ai nastri di partenza della kermesse iridata di Alassio.

Lo spettacolo davanti all’attento sguardo, tra gli altri, del presidente della FIB, Marco Giunio De Sanctis, del vice-presidente vicario Moreno Rosati (in qualità di capodelegazione azzurro), del vice Roberto Favre, del Segretario Generale, Riccardo Milana, della vice-presidente vicaria del CONI, Silvia Salis, e dell’assessore regionale allo sport Simona Ferro.

Gli atleti di Algeria, Argentina, Belgio, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Croazia, Estonia, FIB Club (Russia), Francia, Germania, Giappone, Italia, Libano, Lussemburgo, Marocco, Principato di Monaco, Montenegro, Olanda, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svizzera, Tunisia, Turchia e Ungheria hanno fatto bella mostra di sé con un sogno comune: quello di vestire, sabato 16 ottobre, la maglia iridata.

“Non pensavamo onestamente di avere così tante nazionali al via di una kermesse nata in piena pandemia con la macchina organizzativa già avviata. Dopo l’iniziale dubbio del Consiglio Federale sullo svolgimento del Mondiale a causa dell’emergenza sanitaria, è stato il decreto governativo a sbloccare la situazione, aprendo alle manifestazioni sportive – ha ribadito il presidente della FIB, Marco Giunio De Sanctis – La città di Alassio sa organizzare grandi eventi. Io mi auguro che, anche grazie a queste manifestazioni, il nostro sport possa entrare nel novero delle discipline del programma dei Giochi Olimpici. Spero che gli organismi competenti riconoscano al nostro movimento il posto che merita, ovvero il riconoscimento olimpico, per il quale, non mi stancherò mai di ripeterlo, dovremo trovare quell’unitarietà mi realizzata a livello internazionale”.

“Ci ritroviamo ad Alassio a distanza di due anni e, ancora una volta, lo sport è sinonimo di rinascita e ripresa. Per la terza volta in Italia e per la prima in Liguria ospitiamo un Mondiale – l’intervento di Carlo Bresciano, presidente del COLBA – Ad Alassio si disputerà, tra l’altro, la ventiduesima edizione della Coppa Principe di Monaco, che si attribuisce ai Campioni del Mondo a Coppie. Per la prima volta, inoltre, la Coppa Principe di Monaco sarà assegnata anche alle campionesse del Mondo a coppie femminile. Per noi è un motivo di grande orgoglio, che culminerà con la presenza, sabato 16, del Principe di Monaco Alberto II”.

“Spero che questo Mondiale diventi una tradizione della città di Alassio”, le parole del sindaco Marco Melgrati, che ha dato il benvenuto alle ventotto nazionali presenti nella cittadina ligure in questa settimana.

L’Inno di Mameli e We are the Champions fanno calare il sipario al PalaRavizza, pronto a regalare lo spettacolo sportivo e agonismo dei campioni delle ventotto nazionali presenti.

CONVEGNO “ALLENARE: UN ARTE ANCHE FEMMINILE”

CONVEGNO “LO SPORT E UN MARE DI DONNE”

Il presidente federale, Marco Giunio De Sanctis, ha aperto i lavori del momento di confronto dal tema ‘Lo sport: un mare di donne’, al quale hanno partecipato, tra gli altri, la vice-presidente vicaria del CONI, Silvia Salis, ed Ivo Ferriani, membro esecutivo CIO e presidente AIOWF. E proprio quest’ultimo ha riservato parole d’elogio per il presidente De Sanctis, “dirigente dalla grande voglia e determinazione per allocare lo sport delle bocce al posto che meritano. È una grande fortuna per la FIB avere un presidente ambizioso del calibro di De Sanctis”.

“Rappresento le Federazioni internazionali nel CIO e non vedo perché le bocce non possano farne parte – le parole di Ferriani – Nessuno disconosce come le bocce siano un mondo che appartiene anche alle persone della cosiddetta fascia della terza età, ma è innegabile come il percorso per laurearsi campione del Mondo ed essere eccellenti sportivi sia uguale in qualsiasi disciplina. La determinazione del presidente De Sanctis è fondamentale per raggiungere i più ambiziosi obiettivi”.

L’intervento di Ferriani ha fatto seguito all’apertura dei lavori da parte del presidente della Federbocce, De Sanctis, il quale ha ricordato come “sul Mondiale di Alassio ci sia stato per due volte il diniego del Consiglio federale a causa della pandemia. Con lo spiraglio del Governo, poi, abbiamo deciso di dare il via libera alla competizione iridata, anche come momento della ripartenza dopo la sofferenza patita dal mondo delle bocce durante l’emergenza sanitaria, soprattutto durante il primo lockdown quando la nostra Federazione ha perso oltre trecento tesserati, la maggior parte dei quali appartenenti alla cosiddetta terza età”.

“Noi siamo orgogliosi di essere una disciplina accessibile a tutti, poiché l’attività boccistica incide positivamente sul Sistema Sanitario Nazionale – ha proseguito De Sanctis – La possibilità di poter giocare da bambini fino all’ultimo giorno di vita, insieme alla peculiarità di sport verace, popolare e tradizionale, comunque, non esaurisce il nostro mondo”.

“La disciplina sportiva boccistica, infatti, oltre alle caratteristiche prettamente promozionali, ludiche e sociali, racchiude quelle agonistiche – ha rimarcato De Sanctis – È uno sport a tuttotondo, come avremo modo di vedere durante questa rassegna iridata alla quale partecipano una trentina di Nazioni”.

“Siamo uno sport completo a cui manca soltanto la vetrina olimpica”, ha concluso il presidente De Sanctis.

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.