Matteo Cardella porta Gamma Innovation Sarzana in nazionale

I campionati Europei giovanili si avvicinano e lo Staff della Nazionale è al lavoro a Recoaro Terme (VI) per preparare al meglio i nostri azzurrini Under 19 che saranno protagonisti al Pavilhao Municipal di Paredes, Portogallo, dal 7 all’11 settembre. Alla conclusione delle selezioni della nazionale italiana giovanile Under 19 Matteo Cardella è stato inserito dal tecnico Alessandro Bertolucci nell’elenco degli atleti che andranno a giocarsi il titolo continentale. Grande soddisfazione per il club di Piazza Terzi anche se la convocazione di Matteo Cardella non era mai parsa in discussione. (nella foto Matteo Cardella con il Presidente Maurizio Corona).

Il Gamma Innovation Sarzana torna a vestirsi d’azzurro: Matteo Cardella è stato infatti inserito dal tecnico Alessandro Bertolucci nel gruppo degli azzurrini che proveranno a conquistare il titolo Europeo Under 17 a Paredes, in Portogallo, dal 7 all’ 11 Settembre con un girone all’italiana che avranno il loro epilogo con le semifinali e finali. Matteo Cardella è un “habituè” della maglia azzurra con numeri d’alta classe già messi in mostra negli Europei Under 17 di Torre Vedras in Portogallo, due stagioni orsono, quando è stato grande protagonista con la nazionale azzurra, risultando per molti addetti ai lavori il miglior giocatore della competizione. La notizia della convocazione di Matteo Cardella è stata accolta da tutta la dirigenza del club rossonero con grande entusiasmo, anche se la chiamata dell’“enfant prodige” rossonero non era mai parsa in discussione, dato che, al suo arrivo a Sarzana, nonostante la giovanissima età, era stato inserito nel roster della serie A1 della società di Piazza Terzi disputando spezzoni importanti di gara nella massima serie. “Io personalmente non ho mai pensato per un attimo che Matteo non potesse essere convocato – dichiara il presidente Maurizio Corona – Matteo, faceva parte della nazionale azzurra Under 17 a Torre Vedras in Portogallo due stagioni orsono dove è stato grande protagonista, a detta di molti il miglior giocatore della competizione, ma oltre a questo ho visto in quest’ultimo anno ancora passi da gigante fatti dal nostro atleta anche come maturazione. Matteo – continua Corona – è un ragazzo molto umile, un vero “stakanovista” dell’hockey, si è sacrificato molto, ha fatto parte del roster della serie A1 ha giocato stabilmente in serie A2 oltre che in under 19 dove con le sue prestazioni ha portato i nostri ragazzi a sfiorare il titolo italiano di categoria (perso la semifinale ai rigori), conquistando poi la medaglia di bronzo. Come dico da tempo – conclude il Presidente – Cardella è un giocatore che ha nelle corde le potenzialità per arrivare molto in alto e come ripeto sempre ai miei collaboratori Matteo è un predestinato.”  Matteo Cardella può vantare un curriculum importante a livello giovanile; ha partecipato a moltissime finali giovanili di Coppa Italia e di Campionato e proprio in quest’ultima stagione ha conquistato il bronzo alle finali di campionato under 19. In quest’ultima stagione, la prima in maglia rossonera, il tecnico Alessandro Bertolucci lo ha inserito stabilmente nel gruppo della serie A1 rossonera dove ha giocato scampoli di gara da protagonista. Ha giocato stabilmente con il tecnico Giovanni Berretta nel campionato di serie A2 dove si è contraddistinto andando a segno in 26 occasioni.  Un Matteo Cardella molto euforico dichiara: “Sono felicissimo di indossare ancora la maglia azzurra, la nazionale è il sogno di ogni sportivo che si avvera e poi indossarla ancora in Portogallo che è considerata la patria dell’hockey è certamente un’emozione speciale. Spero di ritagliarmi un posto da protagonista – conclude Cardella – noi vogliamo giocarci le nostre carte pur sapendo che peserà tantissimo l’assenza di Andrea Borgo che ha dovuto dare forfait per un problema fisico.” 

La nazionale di Alessandro Bertolucci è composta oltre che da Matteo Cardella da Alessandro Amatulli e Nicola Cannato dell’AFP Giovinazzo; Alberto Cabiddu e Mattia Maldini del Follonica Hockey; Nicolò Busani e Matteo Vecchi (portiere) dell’RH Scandiano; Pietro Agostini del Breganze Hockey; Matteo Biasini del Bassano 1954; Filippo Fongaro (portiere) del Valdagno Hockey; Niccolò Pavan (portiere) del Thiene Hockey; lo staff è composto   dal  CT Alessandro Bertolucci; vice-allenatore Mirco De Gerone; Preparatore dei portieri: Octavi Tarres; Fisioterapista: Stefano Verdelli; Meccanico: Giuseppe Munaretto e Giorgio De Gaspero; Resp. Squadre Nazionali Tommaso Colamaria. Un Europeo che sarà particolarmente lungo e difficile, non solo per la squadra italiana. Il Comitato Europeo di Hockey Pista (CERH), preso atto della rinuncia a partecipare di moltissime nazioni a causa dell’emergenza sanitaria e di fronte a solo quattro squadre iscritte, ha dovuto abbandonare la tradizionale formula a due fasi (gironi di qualificazioni e successive finali a eliminazione diretta) optando per un unico girone all’italiana con l’epilogo nelle semifinali e finali. L’Italia under 19 esordirà martedi 7 settembre alle 19 (ora italiana) contro la Spagna per poi affrontare nella giornata di mercoledì 8: alle 21 i padroni di casa del Portogallo. Giovedi 9 settembre alle ore 19,00 affronta la più abbordabile Inghilterra. Venerdì 11 sarà la volta delle semifinali e Sabato 12 delle finali. Da questa Nazionale italiana under 19 è lecito attendersi il meglio perché questi ragazzi hanno già dimostrato, nei propri club, di avere i numeri per collocare l’Italia sul tetto d’Europa.

 

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.