Tokyo: impresa Mirabile, è finale nel doppio

Gian Filippo Mirabile raggiunge l’obiettivo primario delle Paralimpiadi, è in finale con Chiara Nardo a Tokyo. Domenica, alle 4:30 ora italiana, l’attesissima sfida che definirà le prime sei posizioni.

Chiara  e Gianfilippo  tentano subito in partenza di sorprendere gli avversari lanciandosi all’attacco alzando subito il ritmo e rimanendo nei primi duecento metri tutti sulla stessa linea, ma poi è il Brasile che tenta la fuga seguito da Ucraina e Italia. Il rilevamento del primo intertempo vede il passaggio della formazione brasiliana prima, ma è l’Italia seconda a 1.52 di ritardo sul battistrada.

Subito dopo Chiara e Gianfilippo chiamano un rinforzo per tentare di allontanarsi dall’Ucraina che invece reagisce e si porta in seconda posizione.

Ma l’Italia continua a lottare per non lasciar andare via gli ucraini e al passaggio dei 1000 metri è terza a soli ventisette centesimi sull’Ucraina mentre il Brasile appare in difficoltà a mantenere la testa della corsa. Gli attacchi dell’Italia all’Ucraina alzano il numero di colpi e il Brasile ne risente.

Prima del passaggio dei 1500 metri l’Ucraina si porta in testa alla corsa con il Brasile che tenta di contenere l’attacco italiano. Negli ultimi quattrocento metri l’Ucraina si scatena e se ne va a vincere mentre la barca azzurra attacca e alza il numero di colpi e negli ultimi duecento metri supera il Brasile e agguanta la finale mettendosi alle spalle il Brasile.

“Oggi abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati: quello di accedere alla finalissima. Per quanto riguarda la gara, sono molto contento perche è stata molto combattuta e per questo ringrazio la mia compagna di barca che mi ha sempre sostenuto con grande generosità in tutti gli attacchi che ho chiamato – afferma Mirabile- Questo ci ha permesso, negli ultimi 500 metri, di raggiungere il Brasile e superarlo, anche se pensavamo fosse più facile. Finalmente però abbiamo fatto una bella gara molto combattuta e sono felice di aver conquistato questa finale. Quest’anno e mezzo di impegno e di lavoro fatto con Chiara ci ha permesso di raccogliere i primi frutti. Domani è un’altra storia e non staremo certo a guardare. Grazie a tecnici, medici e fisioterapisti, perché se siamo qua è anche merito loro e a loro dedico questa finale”.

1. Ucraina (Svitlana Bohuslavska, Iaroslav Koiuda) 8.17.99, 2. Italia (Chiara Nardo-SC Padova, Gianfilippo Mirabile-SS Murcarolo) 8.20.98, 3. Brasile (Josiane Dias de Lima, Michel Gomes Pessanha) 8.25.16, 4. Stati Uniti (Laura Goodkind, Russell Gernaat) 8.26.17, 5. Uzbekistan (Feruza Buriboeva, Otabek Kuchkorov) 8.55.42.

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.