Ohrid: meraviglioso Edoardo Stochino, splendido argento UltraMarathon!

Nuoto in acque libere ancora protagonista in Macedonia.
Le acque del Lago Ohrid, dopo aver ospitato la scorsa settimana la prima tappa della Coppa Len, sono state teatro sabato 21 agosto del vernissage della UltraMarathon FINA. Nella 25km maschile brillano i colori azzurri. Edoardo Stochino  è infatti splendido secondo, preceduto solamente dal francese Axel Reymond – campione del mondo a Gwangju 2019 ed europeo a Budapest 2021 – che si impone in 5h10’31”0.

Il 33enne di Chiavari – tesserato per Fiamme Oro e Nuotatori Genovesi, bronzo continentale a Hoorn 2016 – nuota in 5h10’32”00; sul gradino più basso del podio sale il macedone Evgenij Pop Acev in 5h10’34”50. Settimo lo spezzino Francesco Ghettini (Marina Militare/RN Spezia) in 5h16’49”40. Nella gara femminile, nessuna azzurra al via, domino transalpino con Ocean Cassignol che domina in 5h16’39”30, seguita dalla compagna di squadra Caroline Laure Jouisse in 5h45’42”20.

Una «gara perfetta, nuotata con esperienza e ottima condizione da Edoardo», ha sottolineato il suo allenatore, Filippo Tassara.

Già dalle battute iniziali della gara, a fare la voce grossa sono stati i transalpini, che in campo femminile si sono portati a casa le prime due posizioni con Cassignol e Jouisse. «Il ritmo imposto all’inizio dal francese Olivier fa subito selezione – racconta Tassara – A metà gara, cambio al vertice con l’altro francese Reymond, che nuota con buona frequenza. Edoardo si mantiene nelle posizioni di vertice in un gruppo che si riduce a otto unità. A sette chilometri dall’arrivo, Ghettini e l’argentino Cassini saltano una boa. Il gruppo composto dai due francesi, dall’olandese Schouten, dal macedone Pop Acev, dall’argentino Diaz Hernandez e da Edoardo inizia così il tratto conclusivo, ormai in vista di Ohrid. Cercando di effettuare con intelligenza i rifornimenti in modo da non perdere posizioni e scie, Edo si presenta all’ultimo chilometro dietro Reymond, affiancato da Pop Acev e da Schouten. Ormai dietro Diaz e Olivier. Qui inizia l’azione progressiva e potente di Edo, che segue in scia il francese riuscendo a recuperarlo gradualmente fino al tabellone d’arrivo. Poi Reymond chiude a sinistra in azione difensiva, costringendo Edo a spostarsi a destra e toccare un secondo dopo».

Con questo secondo posto, Edoardo si è messo al collo la sua quindicesima medaglia nelle UltraMarathon, il nono argento, in un bottino che dal lontano 2009 conta anche 3 ori e 3 bronzi. Un risultato, questo, che arriva nelle fasi finali di una stagione complicata per Edoardo, nella quale ha dovuto fare i conti con qualche fastidio fisico e dove le possibilità di gareggiare, soprattutto su queste distanze e a questi livelli, sono state ancora una volta limitate per via della pandemia. Non è però bastato tutto questo a fermare la voglia di Edoardo di lottare bracciata su bracciata per regalarsi (e regalarci) l’ennesima grande soddisfazione, condivisa ovviamente con il suo coach che, in conclusione, spende ancora parole di elogio per il suo ragazzo: «Grande Edoardo! Una grande gara conclusa allo sprint dopo 5 ore, 10 minuti e 32 secondi, nuotata in ottima condizione, con esperienza e, alla fine, con il cuore. Un risultato che ripaga tutto il sacrificio negli allenamenti svolti con costanza in un periodo difficile. Bravo Edo».

Condividi
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.