Tokyo: Fognini si ferma agli ottavi di finale

Fabio Fognini (GettyImages)
Fabio Fognini (GettyImages)

Lotta e ci mette il cuore Fabio Fognini ma su un Centrale rovente è il russo Medvedev a staccare il pass per i quarti di finale.

Sul Centrale ha lottato come un leone Fabio Fognini, per la seconda volta approdato al terzo turno (ottavi) in un Olimpiade, ma non è bastato. Il 34enne di Arma di Taggia, n.31 ATP e 15esima testa di serie, dopo aver battuto all’esordio il giapponese Yuichi Sugita, n.119 del ranking, ed essersi ripetuto contro il bielorusso Egor Gerasimov, n.79 del ranking, ha ceduto per 62 36 62, dopo quasi due ore e mezza di lotta con un caldo allucinante, il russo Daniil Medvedev, n.2 del ranking e del seeding.

Il 25enne moscovita era in vantaggio per 3-1 nei precedenti e si era imposto proprio nelle ultime tre sfide, l’ultima a febbraio in ATP Cup. Inizio negativo anche per l’azzurro, che ha subìto il break in avvio e poi ancora nel quinto gioco con il russo che ha chiuso velocemente il primo set per 6-2 senza concedere nemmeno una palla-break. E nonostante un problema agli addominali per il quale aveva chiesto l’intervento del trainer (al cambio campo sul 5-2).

Secondo parziale molto più equilibrato con Fabio che ha annullato due palle-break nel settimo gioco e poi, in quello successivo, non si è lasciato sfuggire la seconda palla-break offerta da Medvedev nel game e nell’incontro allungando sul 5-3. E poi in quello successivo, dopo aver recuperato da 0-40, ha pareggiato il conto dei set (6-3). Con un Medvedev uscito dal campo per la pausa a torso nudo e piuttosto provato dal caldo.

Il 25enne moscovita ha rischiato grosso in avvio di frazione decisiva, costretto a recuperare da 0-40. Poi però con un parziale di 13 punti a 1 è salito 3-0, complice anche un momento di nervosismo di Fabio, imbufalito con il giudice di sedia Ramos per una seconda di servizio di Medvedev non chiamata fuori.

Nel settimo gioco Fabio si è procurato una prima chance per il contro-break che Daniil ha annullato al termine di uno scambio entusiasmante, poi anche una seconda, cancellata con un ace dal russo, ed una terza, frustrata da un diritto inside out proprio sulla riga: e poi ancora con un ace, il nono, è salito 5-2 (ancora una richiesta del trainer da parte del russo, stavolta per un problema alla coscia sinistra). Che non gli ha però impedito di chiudere il discorso (6-2), con Fognini che ha commesso doppio fallo sul match-point.

Per Fognini era la terza Olimpiade: ha raggiunto gli ottavi anche a Rio 2016, stoppato da Andy Murray (dopo essere stato avanti 3-0 nel set decisivo) lanciato verso l’oro bis, mentre a Londra 2012 ha perso all’esordio contro Novak Djokovic.

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.