Tokyo: Razzetti ottavo nella finale dei 400 misti

Alberto Razzetti è ottavo nei 400 misti alla prima finale olimpica della carriera, nonché secondo evento internazionale cui partecipa. Il primo oro olimpico, in ordine cronologico, lo mette al collo lo statunitense Chase Kalisz, già argento a Rio nel 2016, in 4’09”42; con lui sul podio il compagno di squadra Jay Litherland in 4’10”28 e l’australiano Brendon Smith di bronzo in 4’10”38. Il 22enne ligure – allenato dal tecnico federale Stefano Franceschi – chiude in 4’11”32, dopo aver nuotato in batteria il personale in 4’09”91, a soli tre centesimi dal record italiano di 4’09”88 per il bronzo iridato a Melbourne 2007 di Luca Marin, abbassando il 4’11”17 siglato a Budapest lo scorso 23 maggio per l’argento europeo.

“Non sono soddisfatto della mia gara. Ho fatto tanta fatica già nella farfalla e poi mi è mancata l’accelerazione nella rana. Speravo di fare meglio rispetto alle batterie ma non è andata così – spiega “Razzo”, tesserato per Fiamme Gialle e Genova Nuoto My Sport – Sono comunque contento di questi 400 misti che ho inventato solamente due mesi fa, prima degli Europei di Budapest. Fino all’anno scorso neanche pensavo di essere protagonista alle Olimpiadi. La finale al mattino un po’ mi ha condizionato: ero ingolfato, ma è così per tutti. A prescindere da come andranno, questi Giochi mi aiuteranno a maturare”.

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.