Paolo Lugiato: “Preziosi talent scout esperto”

79

La salvezza conquistata con qualche giornata di anticipo e un gioco ritrovato hanno permesso al Genoa di continuare la propria permanenza in serie A e puntare, nella prossima stagione, a fare qualcosa di più di una semplice salvezza.

La scelta di Enrico Preziosi di affidare a metà stagione la squadra all’allenatore Davide Ballardini ha portato il Grifone a cambiare identità e giocarsela contro qualunque formazione. Proprio dal tecnico romagnolo ripartirà il Genoa 2021/22 che punterà sui giovani talentuosi, italiani e stranieri.

Il manager Paolo Lugiato non ha dubbi sulle scelte di Preziosi: “Il numero uno del Genoa ha sempre avuto le idee chiare anche quando i risultati tardavano ad arrivare nella scorsa stagione. Scegliere Ballardini e affidargli le chiavi della squadra è stata la migliore scelta che potesse fare soprattutto perché il tecnico di Ravenna conosceva bene l’ambiente ligure e, lo stesso Preziosi, alla luce del fatto di aver già allenato il Genoa in tre occasioni precedenti. Un feeling mai finito con Genova e i suoi tifosi proprio perché aveva sempre fatto bene. Ballardini è allenatore capace, persona seria, profondo conoscitore del calcio e viene dalla gavetta. Ripartire da Ballardini, significa per il Genoa dare continuità al gioco e ai brillanti risultati che anno dopo anno raccoglie il settore giovanile. Proprio dalla Primavera sono certo che il tecnico confermato attingerà. Per rimanere in serie A, intanto, occorre rischiare su qualche scelta, soprattutto perché il Genoa non può permettersi ingaggi importanti ma il budget contenuto impone gioco-forza di puntare su giovani talenti e qualche scommessa, nella speranza magari di scoprire il nuovo Piatek. In questa ottica, negli anni, Preziosi ha sempre pescato bene, lanciando calciatori spesso sconosciuti, poi diventati grandi campioni”.

Che squadra sarà quella rossoblù ai nastri di partenza? “Difficile sbilanciarsi in questo momento – continua Lugiato – perché il mercato non è ancora definito e concluso e gli Europei in corso potrebbero, magari, regalare qualche occasione al presidente Preziosi e a Ballardini. L’ipotesi più credibile è che rivedremo una difesa a 4, poi dipenderà sempre dalle caratteristiche tecniche dei giocatori che vestiranno la gloriosa maglia del Grifone”.

Non solo Serie A maschile ma anche serie C femminile. Con Paolo Lugiato facciamo il punto sul Genoa Women:E’ interessante notare come il Genoa Cricket and Football Club si sia strutturato in maniera tale da poter lavorare anche sul settore femminile del calcio. Credo che la Serie C conquistata per meriti sportivi sia un segnale chiaro ed inequivocabile di come anche Preziosi abbia una visione completa del prodotto calcio a 360 gradi. Calcio maschile e femminile da qualche anno vanno avanti di pari passo soprattutto perché in Italia abbiamo visto come ci siano talenti nel femminile con grandi potenzialità di crescita. Il calcio è libera espressione di tutti. Sono sicuro che nel giro di qualche anno vedremo il Genoa Women in Serie A”.

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.