Triplete Auxilium tra le difficoltà del Covid: promozioni per Artistica, Ritmica e Pallacanestro

Lo sanno tutti, quando si sale di livello il gioco si fa più difficile ma anche più divertente. L’Auxilium non ha aura delle grandi sfide e anzi vi va incontro. Nel 2021, anno del Covid e di grandi ristrettezze economiche, ha saputo cogliere un “triplete”: 3 promozioni in 3 discipline diverse, nella Ginnastica Ritmica, nell’Artistica e nella Pallacanestro.

Ne parla con meritato orgoglio e giustificata prudenza il presidente della società Angelo Serra, cominciando da Ritmica e Artistica, ascese rispettivamente all’A1 e all’A2: «Veramente un grande risultato, le insegnanti che abbiamo sono davvero eccezionali. Ma non solo: anche le famiglie sono state davvero vicine alle ragazze, che si sono impegnate tantissimo. Le famiglie erano contentissime ovviamente anche le ragazze che sono le principali artefici di questo successo»

Non nasconde le stringenti avversità attraverso cui si è dovuti passare a causa del Covid: «Un risultato straordinario nonostante le difficoltà; lo sappiamo, tutte le società hanno ne hanno avute di economiche Avere questi risultati, con gare fatte in tutta Italia, quindi con trasferte importanti e delle spese enormi, è stato un grande sacrificio ma è stato fatto col cuore.  E poi i risultati alla fine si sono visti»

Lo sguardo all’orizzonte immediato, e a nuovi obiettivi da raggiungere per difendere quanto conquistato sino ad adesso: «Abbiamo le ragazze nell’ambito della Nazionale Italiana, i risultati ci saranno così così come quest’anno. L’A1 di Ritmica dovrà prendere una straniera, perché tutte le società della categoria ne hanno l’obbligo. Ci saranno dei costi e speriamo che la pandemia finisca, così da avere i numeri precedenti al suo scoppio e supportare tali spese».

E aiutarsi così a fronteggiare un problema endemico, antecedente alla Pandemia: «Devono migrare in tutta la Liguria, anzi a Milano, a Tortona, a Savona, per la Ginnastica Artistica, perché purtroppo le strutture a Genova sono carenti e non riusciamo a fare il lavoro adeguato alla categoria»

E la terza promozione? «Un’altra grande soddisfazione, un altro grande problema», la squadra di Basket dalla D si è guadagnata la C ma c’è da faticare ancor prima che vengano annunciati i calendari: «Per giocare la C c’è bisogno di palazzetti adeguati alla categoria, anche lì dobbiamo trovare delle soluzioni. Potrebbe essere a Nervi, all’Aquilone oppure al Cus, ma comunque sempre in trasferta. Con i disagi in termini di spese, affitti, e di pubblico: mentre a Marassi in Serie D avevamo il palazzetto pieno, e anche se l’ingresso è gratis, non si spende una lira, ora avremo il palazzetto mezzo vuoto, e farà la differenza. Ce ne accorgiamo anche nel calcio»

 

 

Condividi
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.