Montecarlo: Fognini a caccia della semifinale

27
Fabio Fognini (Federtennis-GettyImages)

Pare proprio aver ritrovato il mood giusto sul “rosso” Fabio Fognini che nel pomeriggio torna in campo al “Rolex Monte-Carlo Masters”, secondo Masters 1000 stagionale, dotato di un montepremi di 2.082.960 di euro, che si sta disputando sulla terra rossa del Country Club di Montecarlo, nel Principato di Monaco.
L’obiettivo è un posto in semifinale, un traguardo che il ligure ha già raggiunto sia nel 2013, poi stoppato da Djokovic, che nel 2019, quando poi ha conquistato uno storico trofeo “1000” per il tennis tricolore.

Nei quarti il 33enne di Arma di Taggia, n.18 ATP e 15esima testa di serie, nonché campione in carica, trova dall’altra parte della rete il norvegese Casper Ruud, n.27 ATP, che giovedì sera ha annullato due match-point allo spagnolo Pablo Carreno Busta, n.12 del ranking e del seeding. Il 22enne di Olslo si è aggiudicato in due set entrambi i precedenti con il ligure, nel round robin dell’ATP Cup 2020 (cemento) e negli ottavi di Amburgo (terra) sempre nel 2020.

Per lo scandinavo “figlio d’arte” si tratta solo della seconda partecipazione al “1000” del Principato dopo quella del 2017 quando – da wild card – perse al primo turno con il tedesco Struff. Questa settima Ruud ha riproporzionato all’esordio le ambizioni del 17enne danese Rune (n.322 ATP), poi ha eliminato sempre in due set uno specialista del “rosso” come l’argentino Schwartzman, numero 9 del ranking e 7 del seeding, quindi la rimonta da 3-5 a 7-5 (con tanto di match-point annullati) nel set decisivo contro Carreno Busta.

Casper ha raggiunto così il suo secondo quarto di finale in un Masters 1000 dopo quello agli Internazionali BNL d’Italia dello scorso settembre quando mise in fila Khachanov, Sonego, Cilic e Berrettini prima di arrendersi al futuro vincitore del torneo Djokovic.

Fabio, vincitore dell’edizione del 2019 (lo scorso anno il torneo è stato cancellato a causa della pandemia) di uno storico trofeo 1000 per il tennis italiano, ha iniziato la difesa del titolo superando all’esordio il serbo Miomir Kecmanovic, n.47 del ranking, quindi si è ripetuto regolando al secondo turno l’australiano Jordan Thompson, n.63 del ranking, e poi l’altro serbo Filip Krajinovic, n.37 ATP. E sempre in due set.

In tutti e tre i match il ligure è apparso piuttosto centrato e a proprio agio sulla terra rossa monegasca: uniche note dolenti il passaggio a vuoto a metà del secondo set contro Kecmanovic e all’inizio del secondo set contro Krajinovic, e qualche fallo di piede di troppo all’inizio del primo set contro Thompson. Ma nessuno è perfetto….

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.