La genovese Martina Carraro riscrive la storia dei 100 rana

179
Martina Carraro (foto Federnuoto)

I 100 rana regalano colpi fantascientifici anche al femminile e una finale mai nuotata in Italia, con tre atlete sotto il record italiano e il limite olimpico (1’06”9). Il colpo da novanta lo piazza Martina Carraro che si prende con una prestazione stratosferica il titolo.

La 27enne di Genova – tesserata per Fiamme Azzurre ed NC Azzurra 91, allenata da Cesare Casella, bronzo iridato a Gwangju – riscrive la storia, rompendo il muro dell’1’06, e nuota in 1’05”86 (31”07), cancellando l’1’06”02 siglato agli assoluti invernali di dicembre da Benedetta Pilato (CC Aniene) seconda in 1’06”00, che vale comunque il primato italiano cadette e juniores, ex aequo con una commovente Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle/Team Insubrika), fermata fino a pochi giorni fa dal Covid 19, che abbassa ulteriormente primato personale, cancellando l’1’06”37 siglato batteria e che aveva limato l’1’06”39 registrato in Corea due anni fa.

“E’ stata una giornata difficilissima, molto tesa. Mi giocavo le olimpiadi e non volevo rinunciarci per nulla al mondo. Sono veramente felice – spiega la ranista ligure, che piazza la seconda prestazione mondiale dell’anno – Contenta per essere riuscita a migliorarmi così tanto. Un tempo così è notevole sono molto orgogliosa del lavoro che stiamo facendo. Stamattina sono rimasta stupita dal tempo nuotato da Arianna Castiglioni ma sono rimasta concentrata sulla mia gara e le mie potenzialità. Non volevo farmi sfuggire questa opportunità”.

A Martina arrivano le congratulazioni dell’assessore regionale allo sport Simona Ferro. “E’ arrivato un bellissimo regalo per Pasqua dal mondo sportivo per tutta la Liguria. Mi complimento con Martina Carraro, perché il suo risultato eccezionale ci rende davvero tutti quanto orgogliosi in un momento come quello che stiamo attraversando. Il raggiungimento della sua seconda qualificazione olimpica, 5 anni dopo Rio, è un segnale di grande determinazione e forza di volontà che caratterizza noi liguri quando affrontiamo le sfide più dure”

A complimentarsi con lei anche il consigliere comunale delegato allo Sport Stefano Anzalone. “Una prestazione epica in quel di Riccione, ha visto la nostra conterranea Martina Carraro protagonista ai campionati assoluti di nuoto dove ha conquistato il record italiano ed il pass olimpico per Tokio nei 100 metri rana.  Ogni successo merita un trionfo ma qua il tributo assurge a grande valore perché acquisito in condizioni difficili correlate all’attuale pandemia. Non ci resta che complimentarci nell’auspicio che sia di sprone alle migliaia di atleti liguri ai quali auguriamo un buon lavoro senza dimenticare le Società Genovesi di nuoto che l’hanno seguita nelle sue prime fasi natatorie”.

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.