Tanti dubbi per Prandelli e Ranieri, vecchie volpi della Serie A

Condividi

Eccoli, uno contro l’altro armati, i due “nonni” delle panchine di serie A. Claudio Ranieri che il Prossimo autunno spegnerà 70 candeline, è in testa alla classifica di età per distacco, seguito proprio da Cesare Prandelli, classe 1957, più anziano di 5 mesi rispetto a Gasperini che completa il trittico degli Over 60. Gli ipercritici osservano il dato anagrafico e, tra il serio e il faceto, osservano: “Eccome, se quei due sono i veterani. Non ve ne accorgete osservando le loro squadre in campo…?”.

Chiaro, è un’osservazione impietosa, ingenerosa e facilmente confutabile, ma è indubbio che sopra il loro cielo aleggi qualche nuvola di scetticismo. Il bresciano adottato da Firenze sta marciando ad una media punti inferiore a quella del suo predecessore Beppe Iachini e, pur avendo mantenuto la Viola sopra la linea di galleggiamento, non sta rispondendo affatto alle attese della piazza: tanto che la sua permanenza alla guida del team toscano è sempre più in bilico e si lega ai prossimi risultati.

Ranieri è in ben altra situazione. A meno di un crollo clamoroso, fino al termine della stagione nessuno oserà metterlo in discussione e il Viperetta, almeno a parole, ha chiaramente aperto ad una riconferma. Tuttavia, i refoli di malconento sollevati da qualche sua scelta di formazione e di modulo e l’andamento ondulatorio della Sampdoria gli hanno suscitato crescenti perplessità. C’è una corrente di tifoseria che, pur ringraziandolo per la miracolosa salvezza dello scorso anno, figlia della sua calma olimpica e delle sue pragmatiche disposizioni tattiche difensive, lo giudica un po’ antiquato e incapace di garantire obiettivi più ambiziosi.

In attesa che il dibattito, a Firenze come a Genova, ci riservi altri sviluppi, questo confronto tra bluerchiati e viola si annuncia, sulla carta, spumeggiante e godibile. Da una parte c’è una Samp attesa a proporre un volto più rabbioso e determinato, a giocare una partita convincente dal primo all’ultimo minuto, a mostrare un’accettabile cattiveria in zona gol: tutti elementi che hanno latitato nelle ultime esibizioni.

Sul fronte viola, la ricerca del risultato è ancor più fremente, data la classifica. Il pubblico viola non si capacità riguardo a prestazioni e verdetti di una squadra che – valutata nelle individualità – dovrebbe pascolare subito dietro le sette sorelle. C’è stata una colpevole sottovalutazione, ma attendersi qualcosina in più è lecito e comprensibile.

Ranieri, nelle dichiarazioni, si è detto entusiasta dell’abbondanza in organico, ma i dubbi restano, al pari dei timori – diffusissimi nel popolo doriano – che la formazione iniziale non produca gioco e segnature. A chi affidarsi per fermare la Viola? In difesa è automatico l’utilizzo di Yoshida al posto dello squalificato Tonelli ed è probabile che a destra Ferrari, finalmente tornato abile e arruolato, faccia riposare per un turno Bereszynski. In mezzo al campo non si discute Thorsby (indispensabile nonostante la sua flessione rispetto a due mesi fa), con l’annoso ballottaggio fra Ekdal e André Silva, favorito di un nulla.

Sulla fascia ci si avvia ad una conferma a destra di Candreva, peraltro non esaltante a Benevento, mentre a sinistra concorrono Jankto (altro giocatore in fase involutiva) e Damsgaard, il quale – decisivo in terra canpana nella rimonta finale – stramerita una conferma. In teoria, potrebbe tornare in avanti alle spalle di una punta vera, ma la mossa avrebbe dei pro e anche dei contro. Secondo logica, Keita – il più in palla e anche il più talentuoso della combriccola – dovrebbe avere il posto assicurato, ma lasciare ancora fuori capitan Quagliarella appare una forzatura.

Anche Prandelli viaggia nell’incertezza. I nuovi acciacchi di Ribery rischiano di compromettere tutto l’impianto offensivo, visto che il suo probabile rimpiazzo, Eysseric, è lontano anni luce dalla classe del francese. In mezzo al campo rientra da squalifica Castrovilli, ma è finito in castigo Amrabat. Sicuro è poi il ritorno di Pulgar, prezioso equilibratore. In retroguardia riecco la fisicità di Milenkovic, tra i difensori più temibili in area avversaria ma non certo un baluardo insormontabile nella propria. Ed è proprio sulla fragilità della terza linea viola che la Samp dovrà puntare per avvicinarsi a Verona e Sassuolo, rivali in classifica dall’andamento lento.

PIERLUIGI GAMBINO

 

Condividi

Articoli correlati

Il ritorno di Verre ha rilanciato l’intera Samp

Neppure un quarto della tifoseria doriana invocava il ritorno...

Sampdoria, in trasferta è bello: 3-1 al Feralpisalò

Sempre sull’altalena, sempre meglio in trasferta che a Marassi...

Inter Jolly al contario per il Genoa: poche possibilità di successo ma niente da perdere

Potremmo definirlo un “jolly all'incontrario”. Lo cali sul tavolo...

Samp sulla carta più forte della Feralpi, ma lo sarà anche delle sue paure?

Domanda d'obbligo: saprà questa scombiccherata, inaffidabile Sampdoria sfruttare appieno...

La Cremonese ha fatto emergere tutti i limiti della Samp di Pirlo

Due mesi e mezzo senza una vittoria casalinga: un...

La Cremonese supera la Sampdoria 2-1

Contro la Cremonese, una delle squadre più forti del...