Qualificazioni olimpiche: Setterosa a valanga sulla Slovacchia

27
Elisa Queirolo

Il Setterosa domina la Slovacchia, la batte 26-4, mandando a segno nove giocatrici di movimento, e chiude al primo posto il girone A. L’Olanda vince con la Francia ma soltanto 15-6 e la miglior differenza reti con la terza in classifica premia le azzurre che martedì si erano imposte 19-5 sulle transalpine.
La partita. Il Setterosa comincia con Sparano, Chiappini, Viacava, Garibotti, Marletta, Aiello e Giustini. Lutto al braccio, dolore nel cuore e gol dedicati all’amico Luca Mamprin, fisioterapista della nazionale maschile di pallanuoto prematuramente scomparso e ricordato con un minuto di silenzio dopo il primo sprint.

Azzurre subito avanti con la girata da Aiello, ben servita da Chiappini (1-0), Giustini che fulmina sul primo palo Horvathova (2-0) e Garibotti (perimetro) per il 3-0 dopo neanche quattro minuti di gioco. In seguito capitalizzano le superorità numeriche Kovacikova e Queirolo per il 4-1. Palmieri, con due sciarpate d’autore, fissa il 6-1 dopo un tempo.

Il secondo tempo si apre con Aiello che emula Palmieri in girata. Sparano dice no a Kovacikova e nell’azione successiva Chiappini punisce dal perimetro Horvathova (8-1). Anche Tabani va a segno dai sei metri, (9-1). Piovono palloni nella rete slovacca: Garibotti (dai dieci metri) sigla il 10-1; il tocco morbido di Marletta vale l’11-1; il diagonale di Bianconi il 12-1; ancora Garibotti, stavolta dal lato corto, firma il 13-1 a meta garà.
Il terzo periodo inizia sulla falsariga del secondo. La sciarpata è della scatenata Palmieri, questa volta ad essere battuta è Dovranova subentrata ad Horvathova. Setterosa incontenibile seppur a filo di gas: Bianconi in controfuga porta il punteggio sul 15-1.

Il digiuno della Slovacchia, durato tredici minuti, è interrotto dalla doppietta in extraplayer di Stankoviaska, con la complicità della retroguardia azzurra momentaneamente in pausa (15-3). In seguito è Aiello a realizzare il 16-3 su assist di Queirolo; successivamente è la numero cinque azzurra a mettersi in proprio (diagonale) per il 17-3. Il rigore conquistato da Aiello e trasformato da Garibotti (18-3) è l’ultimo sussulto prima del suono della penultima sirena.

Non c’è match neanche nel quarto tempo. Il 19-3 e il 20-3 arrivano da due fendenti di Queirolo; il 21-3 lo timbra Giustini (diagonale); il 22-3 Palmieri (sciarpata). Sparano è reattiva su Peckova, che prova a sorprenderla dalla distanza. La cinquina di Palmieri e il terzo squillo di Giustini valgono il 24-3. In seguito il botta e risposta tra Stankoviaska (superiorità) e Giustini (zona 2) muovono il tabellone sul 25-4. Queirolo, in superiorità numerica (3/3) ferma il punteggio sul 26-4 finale.

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.