Genoa dai due volti a Bergamo, entrambi belli

31

Un Genoa dai due volti, ugualmente accattivanti. O meglio, il primo ha fatto brillare gli occhi e il secondo ha fornito garanzie importanti per il futuro. Di sicuro il Genoa non è tornato da Bergamo solo con un punto in saccoccia: ha finalmente offerto una chiara impressione di superiorità potenziale rispetto ad un bel mucchio di pericolanti.

L’Atalanta non sarà stata a mille, ma sino all’intervallo ha sofferto come raramente gli era accaduto da parecchi mesi a questa parte. Si è salvata solo perché il pugile rossoblù, in grado di sfoggiare tecnica e autorità, non possiede il classico colpo da ko. Forse, con un Destro nel motore ed un Pjaca in panchina la manovra nello spazio sarebbe stata meno fluida ma lo sbocco assai più produttivo, ma è inutile accendere rimpianti sull’assenza per infortunio del centravanti titolare. In attesa che il marchigiano guarisca, ecco sull’uscio genoano il talentuoso Lammers, che all’Atalanta fatica a trovare posto in un attacco ricco di mostri sacri, ma ha bisogno di giocare, e il Grifone – quale che sia la formula del trasferimento – appare un ambiente ideale per il suo rilancio.

Gli interpreti del gioco offensivo debbono ancora migliorare, ma la strada indicata da Ballardini è quella giusta: recupero palla, smarcamento immediato e via con le verticalizzazioni per puntare diritti alla porta avversaria senza troppo inutili fraseggi.

Certo, servono anche le basi di lancio, e Strootman si è subito proposto in questa veste oltreché come argine robustissimo davanti alla difesa. Concediamogli un po’ di tempo per eliminare la ruggine nel motore e poi ne vedremo delle belle, ma già ora il suo apporto in fatto di carisma e personalità è cospicuo. Con la sua presenza cresce anche Badelj, e ora – ad essere pignoli – servirebbe dal mercato una mezz’ala di gamba, capace di offrire dinamismo e cambio di passo. Uno Sturaro al top sarebbe stato l’uomo ad hoc, ma il sanremese non riesce ad uscire dall’impasse ed è addirittura di procinto di partire.

Il Genoa può ancora lievitare sulle fasce: a sinistra i progressi di Czyborra non sono trascurabili e a destra Zappacosta deve ancora trovare una condizione accettabile. Tra qualche settimana anche i corridoi esterni potrebbero essere terreno di conquista.

Allo Gewiss Stadium la fase difensiva proposta nella ripresa è stata un piccolo capolavoro. L’attacco mitraglia di Gasperini, aduso a viaggiare alla media di tre gol a partita, si è inceppato soprattutto per la perfetta organizzazione del Grifo, che pullula in terza linea di vecchi marpioni magari in difficoltà su campo largo ma assolutamente ineguagliabili in trincea, dove servono senso della posizione e furbizia. È giusto anche riconoscere l’apporto offerto da mediani puri come Lerager e Behrami, non determinanti nella costruzione e nella finalizzazione ma funzionali se occorre mettere la museruola ad avversari dotati.

All’orizzonte si scorgono squarci di luce, ma prima di affermare che il peggio è alle spalle occorre ancora qualche verifica di fronte alle pari grado, che presumibilmente vanno affrontate anche comandando il gioco. Col Bologna la tattica prudente risultò fruttuosa, ma non si potrà sempre e comunque sguainare esclusivamente l’arma delle ripartenze.

Comunque, il punto di Bergamo è ricoperto d’oro, e va già bene che sia arrivato, considerando i successi di Crotone e Bologna e il pari del Parma nel derby di Reggio. Lo sviluppo di certe partite lascia immaginare che, nel girone di ritorno, arbitri non sempre equanimi della contesa salvezza potranno rivelarsi quei team ora nel limbo, privi di ambizioni europee e lontani dalla sofferenza. Variabili impazzite che potrebbero sconvolgere gli equilibri.

PIERLUIGI GAMBINO

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.