Il Genoa tratta Sokratis, svincola Schone, resiste per Pellegrini e Shomurodov, sfoltisce egli esuberi

81

Parola d’ordine per Maroccu è sfoltire. Erano 36 gli elementi in rosa all’apertura del mercato, molti dei quali mai scesi in campo o appena in qualche comparsata.

È stato così svincolato Lakicevic, che da quando è arrivato nell’estate 2018 dal Vojvodina, complice anche un’intera stagione, la scorsa, in prestito al Venezia, non ha mai esordito in rossoblù. Il terzino destro, che in azione si è visto soprattutto nei ritiri a Neusterfit o sugli album delle figurine Genoa della Basko, ha però voluto a tutti i costi ringraziare i tifosi per tutto il supporto che gli hanno dato. Evidentemente era riuscito a farsi benvolere in città nonostante le pochissime opportunità concessegli.

Asoro, uno dei primi acquisti di Faggiano, è stato rimandato allo Swansea, anche lui senza aver mai esordito. I genoani che avessero voluto farsene un’idea possono ancora ammirarlo sul documentario Netflix Sunderland ‘Til I Die, in cui difende i colori biancorossi. Ai saluti anche il suo compagno di reparto Males: l’Inter detentrice del cartellino starebbe pensando alla Serie B o alla Slovenia come meta per farlo crescere, considerando che anche lui all’ombra della Lanterna non ha proprio visto il campo. Su di lui anche la Reggina che è in procinto di aggiudicarsi in prestito il duo Micovschi-Brlek, altri per cui non ci sono state possibilità in questa prima parte di stagione. Gli scatenati Amaranto starebbero anche pensando anche a Giuseppe Caso, 22nne esterno offensivo proveniente dall’Arezzo che almeno una presenza l’ha raggranellata, contro la Juventus di Cristiano Ronaldo. Su di lui c’è anche il Vicenza.

Lo svincolo che più fa discutere però è quello di Lasse Schöne, campione danese leggenda dell’Ajax che non è mai riuscito a esprimere la sua classe in riva al Mar Ligure. Ignominiosamente messo fuori rosa da Faggiano, si parlava sotto Natale di un suo riavvicinamento agli effettivi. Ballardini gli ha parlato e gli ha esplicitamente detto che era disposto a dargli più di una possibilità, ma ormai il rapporto tra il regista e la società si era troppo deteriorato, e così è arrivata la rescissione consensuale. Così il suo agente Kanhai, ammette: «Ora Lasse può cercarsi una squadra: sono diverse le offerte dall’Italia ma non troverei illogico nemmeno un ritorno all’Ajax. In questi mesi si è allenato bene: ora vuole fare il passo giusto per dimostrare il suo valore e giocare gli Europei con la Danimarca». Mentre l’asso scandinavo ha dichiarato al quotidiano Ekstrabladet: «Sapere della mia esclusione dalla lista per la Serie A è stato come un po’ uno shock, per me. Ora sono però pronto a lasciarmi alle spalle questo periodo, per fortuna sono passati solo tre mesi. Mi sono allenato e sono in ottima forma, non vedo l’ora di una nuova avventura»; non butta però via tutta della sua esperienza tra le mura della Superba: «Io e la mia famiglia abbiamo sperimentato una cultura e una lingua nuove, ma ora non vedo l’ora di tornare a giocare in un posto nuovo. La situazione è cambiata notevolmente negli ultimi sei mesi, ora sono felice di potermi trasferire e per di più a costo zero. Non vedo l’ora di affrontare nuove sfide, nuove avventure come quella vissuta qui a Genova, in una bellissima città». Occorre fare attenzione alla sua prossima meta: quasi tutte le avversarie dirette del Genoa  di un certo prestigio, Torino, Parma e Cagliari sono su di lui e potrebbe cercare una facile vendetta.

Per un campione che se ne va e che ha tutto sommato dimostrato poco, un altro che ha lasciato un ottimo ricordo potrebbe arrivare.  Sōkratīs Papastathopoulos è in scadenza con l’Arsenal a giugno e in cerca di una nuova squadra sin da ora. Cercato dalla dirigenza, vorrebbe ritornare al Grifone. C’è già un accordo di massima e verrà portato a termine se al difensore ormai 32nne non verranno fatte offerte economicamente più vantaggiose da altri club, il più agguerrito della concorrenza è il Fenerbahçe. Dei Gunners il Genoa ha provato a portarsi a casa anche il 28nne Shkodran Mustafi, ex Sampdoria e Campione del Mondo con la Germania, ma il difensore ha rifiutato, così come nuovamente il Fener, e persino la Lazio, almeno per il momento. L’ambizioso stopper infatti è pure lui in scadenza a giugno e si aspetta chiamate da club di primissima fascia, come il Barcellona o l’Inter.

Il Genoa deve anche resistere a delle avances: oltre che per Scamacca, che sarebbe stato sondato per un acquisto immediato da molte squadre e per cui forse il Genoa dovrà impedire che il suo prestito anzitempo, anche dalla Juventus per Shomurodov. I bianconeri starebbero pensando all’uzbeko che sembra finalmente aver trovato la sua dimensione italiana ed Europea come rincalzo per la campagna primaverile di conquista di scudetto e Champions. A Torino starebbero riflettendo pure sulla richiesta del Cagliari di mandare da loro in prestito Pellegrini per farlo crescere meglio di quanto possa sperare in seno al Vecchio Balordo, ora che il suo Maestro Maran non è più allenatore.

Nel frattempo Ballardini ha commentato l’imminente match col Bologna, dalle cui giovanile ha preso il via la sua carriera nel mondo del calcio, compagine che è pure riuscito ad allenare, senza però condurla alla salvezza come gli è spesso capitato coi rossoblù di Genova: «L’emozione è quotidiana per me, anche quando vengo al campo è comunque un’emozione forte ogni giorno, però non c’è tempo per pensare a queste cose. Vogliamo fare una grande partita, l’attenzione va al match»

Vuole un miglioramento soprattutto nella concentrazione: «Dobbiamo fare il massimo perché sono tutte gare molto importanti. Per fare il massimo intendo una gara da squadra, molto intensa, essere molto chiari nel gioco e nella fase difensiva, essere attenti e molto aggressivi. Avere più riferimenti ti dà sempre più forza, man mano che ci si conosce meglio, si fanno partite che danno consapevolezza. I punti fermi e i principi chiari portano ad avere sempre più pulizia del gioco, sempre più aggressività, essere sempre più squadra»

Federico Burlando

 

 

 

 

 

 

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.