Grifo ritemprato da Ballardini, occorre confermarsi con l’ondivago Sassuolo

19

Quattro punti in due gare: data l’andatura lentissima delle altre pericolanti, è grasso che cola per un Genoa che dalla cantina della graduatoria ha già raggiunto i confini della zona salvezza e inizia a fiatare sul collo del Parma. Sì perché gli emiliani, se continuerà l’assenza di Gervinho, il loro unico sbocco offensivo, potrebbero precipitare ulteriormente e diventare i primi candidati alla retrocessione, con Crotone e Spezia.

I rossoblù sono però consci di doversi principalmente basare sulle proprie doti. Ballardini, pronto a compiere l’ennesimo miracolo, non si è limitato ad invertire il trend dei risultati, ma ha dato una sontuosa spolverata all’atteggiamento mentale e al gioco di una squadra che, pur senza incantare, non è più l’Armata Brancaleone degli infausti mesi maraniani. Contro la Lazio si sono avvertiti antichi scricchiolii sino all’intervallo, auspice un arbitro alleato degli ospiti in svariate circostanze, ma nella ripresa il Grifone a lungo ha comandato la partita: un evento che non si verificava da tempo, oseremmo dire dalla beneficiata a spese del Crotone nel turno di apertura. È la risultanza di un lavaggio del cervello attuato dal nuovo allenatore, che ha dapprima iniettato nuova convinzione in un ambiente sfiduciato e poi ha rivisto parecchi movimenti e posizioni nelle varie zone del campo. La squadra ora è ben più compatta e i giocatori, finalmente, sanno come muoversi a seconda delle circostanze. In più, rispetto al predecessore, il romagnolo può contare su Zappacosta ben più di un semplice titolare: in prospettiva un elemento capace di garantire il salto di qualità.

Tamponata egregiamente la lacuna dell’uomo gol grazie alla seconda giovinezza di un ritemprato Destro, ecco che Ballardini ha pure mostrato raziocinio nei cambi in corsa, utili ad eliminare i punti deboli emersi inizialmente. Sia il baby Rovella sia l’evanescente Pjaca meritavano di uscire anzitempo: cosa fatta, con un progresso generale dovuto anche ai riusciti innesti di Zajc – mai così vivace e in partita – e soprattutto Shomurodov, il quale ha confermato le sue preclare qualità come rifinitore (suo l’assist per il pareggio) mancando di un nulla una rete personale da applausi.

Con queste premesse, la trasferta infrasettimanale a Reggio Emilia fa meno paura. E se il Genoa ballardiniano è in chiara ascesa, i neroverdi, due mesi fa leader al fianco del Milan, stanno piombando verso il centroclassifica pur avendo marcato tre punti caduti dal cielo sopra Marassi prima della sosta. Sul talento e sulle potenzialità del team emiliano non si può dubitare, ma neppure sull’incostanza di tanti suoi protagonisti, abbinata ad una mancanza di precisi obiettivi stagionali. Il Sassuolo, se in giornata propizia, può seppellirti di gol, ma in caso contrario rischia di pagare una spiccata vulnerabilità difensiva. L’imbarcata subita a Bergamo è figlia della straordinaria forza degli atalantini ma anche della fragilità psicologica di un undici apparso tutto meno che coeso e brillante.

Balla è in cerca di ulteriore continuità, di prestazioni e di risultati, ma deve anche fare i conti con un calendario fitto di impegni e con l’età avanzata di gran parte dei suoi fedelissimi. In avanti non si scapperà dall’accoppiata Destro-Shomurodov, ma a centrocampo si prevede qualche volto nuovo: magari Lerager per il quasi 36enne Behrami e Ghiglione per Zappacosta che, appena rientrato dopo una lunga sosta, va centellinato e soprattutto preservato per l’importantissimo match di sabato contro il Bologna. In difesa possibili tre conferme ma anche una chance per Goldaniga, forse più adatto di Masiello ad imbavagliare le punte sassolesi, particolarmente dinamiche.

PIERLUIGI GAMBINO

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.