Poche idee e molta sfortuna, il Genoa perde a Udine ed è penultimo. Il Var annulla il pareggio al 95′

79

Il Genoa deve trovare una condizione che forse aveva solo prima della tempesta del Covid, un’idea di gioco offensivo che forse non aveva nemmeno prima, e un mago bravo e benevolo che possa spezzare il sortilegio abbattutosi sulla rosa di Maran dopo Genoa-Crotone. La squadre infatti non ha molte idee ma prova a metterci cuore, non c’è nulla da fare però se la povertà di gioco espressa viene aggravata dai tiri mancini della malasorte e di un De Paul che contro il Genoa è l’argentino più forte del mondo.

Maran torna alla difesa a 3: Biraschi, Bani e Masiello; Pellegrini a sinistra e Ghiglione a destra; Lerager, Badelj e, a sorpresa, Sturaro terzetto di mediana; come ampliamente previsto, Pandev-Scamacca coppia d’attacco.

Anche nell’Udinese si rispolvera la retroguardia a 3 e c’è un grande ritorno, quello di Alvaro Perreira, si era fermato 5 mesi fa, in estate era stato sondato proprio dal Grifone.

Le due compagini non hanno brillato sinora per le loro manovre offensive e in effetti la partita è bloccata nella prima mezz’ora, trame lente e tanti contrasti per conquistare qualche palmo di terreno.

Al netto della comune aridità nella metà campo altrui, il Genoa pare un filo più guizzante, soprattutto sui piazzati: Scamacca sciupa una transizione intestardendosi in una progressione personale invece che servire l’accorrente Pellegrini;  al ventesimo Sturaro ci prova direttamente da calcio d’angolo, Samir copre Musso e restituisce alla bandierina; due minuti dopo Pellegrini su punizione dalla sinistra pesca Bani solissimo, ma di testa incorna malamente ben alto sopra la porta.

Nessuno sembra in grado di spezzare l’inedia del match quando al 34’ sui rossoblù De Paul riversa una cascata d’acqua fredda: Okaka lavora un pallone per Perreira che appoggia all’argentino, stop e destro dal limite a incrociare, una piccola magia su cui Perin non può nulla. Per lui è il quinto gol in carriera al Vecchio Balordo, è il club su cui ha infierito di più in carriera.

L’Udinese non è una squadra irresistibile, ma non ci vuole molto per arrestare un Grifone che fa fatica a produrre alcunché, completamente privo di idee.

Sino all’intervallo e per tutti i 90 regolamentari ai bianconeri basta asserragliarsi davanti alla porta e respingere le timide e confuse minacce dell’undici di Maran, che anche quando ha un mezzo spazio per tirare preferisce cercare un ulteriore passaggio

Poco prima della ripresa Biraschi si infortuna alla spalla e tra i due tempi viene inserito Goldaniga al suo posto.

Al 65’ si fa vedere Pandev poco prima di essere sostituito, stop in area e conclusione a seguire, lo mura Nuytinck. Entra per il macedone l’uzbeko Shomurodov, e Zahjc per un buon Sturaro, i rossoblù riescono a produrre qualcosa in più ma non riescono ancora a farsi pericolosi.

In compenso al 84’ Goldaniga abbatte Lasagna in fuga, su calcio di punizione ancora De Paul centra la traversa.

Sembra che il Genoa si stia incamminando verso una sconfitta grigia, ma nel finale assume i colori rosso rabbia della beffa subita. Al 94’ su punizione nasce un mischione in area, Bani gira splendidamente in porta e trova l’ottima risposta in volo di Musso. Angolo corto, cross dalla sinistra, mischia, sponda di Bani per Scamacca, conclusione rocambolesca ma sufficientemente decisa da spiazzare il portiere argentino, pareggio e cartellino giallo alla punta per essersi tolto la maglietta. Var. Gol annullato: la punta dello scarpino sinistro era oltre la linea dei difensori. La panchina impazzisce di collera, la squadra si riversa ancora in avanti, disperatamente.

Ne approfitta Stryger Larsen per provare a colpire in contropiede, solo sulla fascia destra del Genoa a pochi passi dall’area: Perin esce con furore in scivolata e l’azzoppa. Cartellino rosso.

Il tempo di far accomodare Zajc in porta ed è triplice fischio. In fondo alla classifica sono in tre: Torino e Genoa penultime a 5 punti, il Crotone, l’unica con cui il Genoa al momento ha vinto, a 2.

Federico Burlando

 

 

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.