Maran: «Con l’Udinese attenti agli episodi, ci sono costati caro ultimamente»

27

Dopo due settimane ricomincia il campionato e Maran si augura che per certi versi il Genoa lo ricominci davvero, possa avere cioè un nuovo inizio, uguale a quello che aveva avuto prima della tempesta Covid, quando aveva schiantato 4-1 contro il Crotone-

«Voglio vedere uno spirito che assomigli a quella che è stata la nostra partenza in questo campionato. Alla prima giornata abbiamo fatto una gara spavalda, di coraggio e senza timori. Noi dobbiamo considerarla una nuova ripartenza e andare su quella falsariga, cercando di mettere in campo sacrificio legato ad una certa voglia di risultato che passa attraverso all’entusiasmo che metti a far le cose»

Secondo il tecnico le due settimane di allenamento «Sono andate bene. Abbiamo lavorato nel modo migliore con chi era a disposizione. Abbiamo lavorato sia sotto il punto di vista fisico sia dal punto di vista tattico perché c’era da assimilare tante cose e con i giocatori che sono rimasti abbiamo fatto una bella mole di lavoro»; soddisfatto anche dell’approccio di chi ha potuto lavorare di meno col resto della squadra perché impegnato con la propria nazionale: «Ognuno di loro ha una propria storia. Chi ha giocato di più, chi ha giocato di meno, chi è arrivato prima e chi è arrivato dopo. Definire il loro rientro diventerebbe lunga. Sicuramente qualcuno di loro potrà partire titolare»

Si è quindi focalizzato sull’imminente trasferta in Friuli:

«Dobbiamo essere attaccati agli episodi in maniera forte e non concedere nulla perché in questo ultimo periodo ci è costato caro tutto questo. L’Udinese è una di quelle squadre che, vedendo i numeri, meriterebbe un posto in classifica diverso per questo inizio di campionato. Fra le altre cose, è una squadra solida perché è tra le tre squadre che subisce meno tiri di tutto il campionato e questo significa che concede poco. Dovremo essere bravi perché hanno fisicità e questa compattezza che li rende difficili da incontrare. Questo è ciò che fa parte della loro storia. Noi dobbiamo pensare alla nostra e, al di là dell’avversario che avremo di fronte domani, noi dovremo mettere in campo una prestazione di grande carattere, temperamento, sacrificio e di coraggio».

Tra i convocati tornano Shomurodov e Sturaro, mentre è assente Zapata, seppur guarito dal Covid.

Federico Burlando

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.