Piazzale Carmarino è realtà, per ricordare un grande uomo di sport

121

Piazzale Roberto Carmarino. Professore ed Educatore. 1922-1997. E’ finalmente realtà la targa che dal 5 novembre il Comune di Genova ha affisso nel piazzale vicino a Villa Pallavicini, a Rivarolo.

E’ il frutto di un bellissimo gioco di squadra nel nome e nel ricordo di un grande Uomo di Sport. Le iniziali maiuscole sono più che mai dovute. La cerimonia d’inaugurazione avverrà in tempi migliori, quando l’emergenza Covid lo consentirà. Perchè per una occasione così ci potrà e dovrà essere solo assembramento e abbracci.

Per primi quelli di Roberto Sbrillo promotore con Eleonora Bedocchi della spinta che ha portato all’obiettivo. Tanta passione che si è trasformata in un Gruppo Facebook che ha seguito passo passo l’evolversi della situazione.

Importante il contributo del consigliere comunale Claudio Villa che ha portato in amministrazione l’istanza seguendo il tutto. “Possiamo dire… Ce l’abbiamo fatta!”, esulta Roberto Sbrillo. “Grazie a tutti, proprio tutti … La mia emozione è grandissima. Ora dobbiamo solo rimanere collegati sul gruppo perché appena possibile festeggeremo tutti insieme”.

Gioia, commozione da parte di tutto quel mondo del volley che non più tardi di 4 anni fa si era “ritrovato” sul libro “Alta in Banda” voluto da Gian Luigi Corti e Roberto Scanarotti per rivivere quegli anni ruggenti della pallavolo genovese in cui il Prof. Carmarino ha avuto un ruolo fondamentale.

“Tutti noi ex allievi Carducci-Foscolo, oggi over 60 – chi più, chi meno – siamo parti della storia del Professore”, ricorda Roberto Scanarotti. “Una persona straordinaria che ha dedicato la propria vita all’educazione dei giovani. Roberto Carmarino sapeva trarre il meglio dai ragazzi, pur insegnando loro a comportarsi in campo e nella vita con disciplina, rispetto e spirito di solidarietà. E per quelli che non capivano bene, c’era sempre il bastone a ricordarlo: ieri utile e tangibile promemoria per allievi distratti, oggi amato simbolo di appartenenza della nostra privilegiata e trasversale comunità. Ognuno di noi porta in sé quella tacita e indelebile riconoscenza che ci fa ritrovare idealmente qui, oggi, al “Piazzale Roberto Carmarino – Professore ed educatore”. Le belle tracce di memoria che ha lasciato in tutti noi le immagino d’ora in avanti racchiuse in quella targa che oggi possiamo veder campeggiare (io purtroppo solo in foto) in quell’angolo di Rivarolo, proprio a due passi dalla “sua” palestra”.

La promessa è una sola. “Quando le cose andranno meglio, ci organizzeremo a dovere per ritrovarci insieme, in presenza, sotto alla targa, e per continuare a tenere vivo il messaggio educativo che il Professore ci ha consegnato. Nel frattempo, un saluto a tutti e un grazie particolare a Roberto Sbrillo e a Eleonora Bedocchi oltre che ai rappresentanti delle istituzioni che ci hanno appoggiato in questo progetto”.

Una bella notizia, un sacrosanto tributo e tra qualche giorno arriverà un altro “contributo”. E’ in stampa il volume scritto da oltre 150 uomini di sport su Gian Luigi Corti, altra figura storica del volley genovese e italiano che proprio con il Prof. Carmarino ha intrecciato anni di passione e devozione per l’amato volley.

“GLC, un cuore da leone” sarà pronto entro fine novembre e sarà un’altra importante occasione per ritrovarsi, ricordare, sognare, amare, commuoverci. Nel segno della Pallavolo. Dello Sport.

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.