Ferrero minacciato di morte, Osti pensa ad Asamoah e Cacciatore come rinforzi

94

 

 

Da un lato la normalità nella triste eccezionalità del Corona Virus, il club che prova a fare mercato e come spesso accade guarda agli esuberi dopo la fine dello stesso per sistemare la rosa, dall’altro un’altra normalità, la contestazione a Massimo Ferrero, così radicata un po’ in tutte le frange della tifoseria da aver spinto alcuni facinorosi a commettere e ripetere atti che non possono essere tollerati. Se è giusto infatti esprimere dissenso nei confronti dell’operato del presidente, esso, per quanto vigoroso, deve essere espresso nei limiti della legge e del rispetto di un basico civismo: concetti del tutto estranei alle modalità con cui il dirigente è stato minacciato.

Ha perciò deciso di passare al contrattacco: denuncia alle autorità competenti e in pubblico di fronte agli schermi di Telenord. Avrebbe infatti ricevuto buste contenenti proiettili a casa sua a Roma assieme a lettere contenenti messaggi del calibro di «Ti ammazziamo», che si assommano agli striscioni e le contestazioni di fronte a casa sua, con tanto di lancio d’oggetti e vetri rotti. Parlando all’emittente ligure, ha detto che

«Ci convivo male, ma ci convivo e seguo la mia strada. Certo, sarebbe meglio non riceverle queste minacce perché non sai mai chi hai davanti. Chi mi minaccia è invisibile, non so chi siano i mandanti, ma vado avanti a barra dritta con il mio lavoro cercando di fare sempre meglio. Ho paura per i miei figli, solo questo, ma il lavoro mi aggrada e non mi fa pensare a persone che, se fanno quello che fanno, hanno qualche problema. Vengano a dirmelo vis a vis, io voglio bene a tutti»

Non si ferma ugualmente il lavoro del suo braccio operativo Osti, chiamato a prendere eventuali puntelli per la rosa dal mercato degli svincolati. Mentre Asamoah, che, come previsto, ha finalmente rescisso con l’Inter, è un obiettivo programmato da qualche settimana e il DS si prepara ad affondare il colpo dopo i primi abboccamenti, come vice Bereszynski spunta il nome di Fabrizio Cacciatore, ex ormai 34nne che viene da 16 presenze col Cagliari l’ultimo anno e 23 negli ultimi 18 mesi. Sebbene non siano stati particolarmente felici i suoi trascorsi in blucerchiato, è comunque un prodotto della Primavera arrivato sino in prima squadra che ha sempre mostrato determinazione e grinta, con moltissima esperienza alle spalle, acqusita soprattutto con le maglie delle due squadre di Verona.

Spuntano nel frattempo nuovi particolari sull’ultimo giorno di mercato: sembra che la Samp avesse trovato l’accordo per Adrian Semper, il numero uno del Chievo Verona, come secondo di Audero, ma che poi proprio all’ultimo si sia tirata indietro. Ha dichiarato infatti l’uomo mercato dei clivensi: «Martedì scorso avevamo l’accordo con Osti e Ferrero per la sua cessione alla Sampdoria, il giorno dopo è saltato tutto. Con la base di mezzo milione di prestito e tre di obbligo di riscatto ma solo dopo il primo febbraio»

Federico Burlando

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.