Yacht Club Italiano

216
Yacht Club Italia

Lo Yacht Club Italiano è il più antico club velico del Paese e uno dei più antichi del Mediterraneo: fondato a Genova nel 1879 e annovera circa 1.100 soci. La storia del Club inizia nella Genova di fine Ottocento, quando il vulcanico Vittorio Augusto Vecchi (detto Jack la Bolina) e un gruppo di appassionati di vela decisero di fondare, con l’adesione di Sua Maestà il Re Umberto I, il Regio Yacht Club Italiano. Dalla prima regata inaugurale dell’8 agosto 1880, che aprì la stagione sportiva del Club, con 177 imbarcazioni a regatare nel Golfo della Spezia, lo Yacht Club Italiano ha sempre avuto come obiettivi la diffusione dello yachting, l’organizzazione di regate nazionali e internazionali e l’istruzione dei giovani.

Proprio dallo Yacht Club Italiano, nei primi anni ’30, è cominciato il processo di associazione di altri circoli (Napoli, Palermo, Trieste, Venezia) che ha portato nel dopoguerra alla nascita della Federazione Italiana Vela. Sin dai primi anni del ‘900 la storia dello Yacht Club Italiano è stata ricca di fatti di rilievo: la vittoria nel 1902 della Coppa di Francia del 10 tonnellate Artica di S.A.R il Duca degli Abruzzi, che segnò l’ingresso del Club nel mondo agonistico internazionale; la medaglia d’oro conquistata dall’8 Metri S.I. Italia alla XI Olimpiade a Kiel nel 1936; gli esperimenti del socio Guglielmo Marconi a bordo di Elettra, ormeggiato nel Porticciolo Duca degli Abruzzi con l’accensione delle luci del municipio di Sydney; la partecipazione alla Coppa America ’87 con un’altra ‘Italia’.

Emergono dal passato del Club le figure di grandi personaggi che hanno fatto la storia dello yachting mondiale, come Luigi Durand de La Penne, medaglia d’oro al valor militare e Beppe Croce, amato Presidente del Club per 28 anni e unico non anglosassone a reggere per 17 anni il timone della Federazione Internazionale della Vela (ISAF).

Race Start

Per arrivare poi ai più recenti Luca Devoti e Alessandra Sensini, che hanno arricchito con le loro medaglie, olimpiche e non, la ricca e prestigiosa bacheca del Club. Nel corso degli anni l’impulso allo yachting come percorso di formazione dei giovani ha portato alla realizzazione di numerosi progetti come la fondazione della STA-I nel 1996, in collaborazione con la Marina Militare, per dare la possibilità a tanti ragazzi di imbarcarsi come equipaggio in addestramento su imbarcazioni civili e militari. Sempre con la Marina Militare, nel 2007, lo Yacht Club Italiano ha istituito la Fondazione Tender to Nave Italia, che promuove progetti di recupero, sostegno e miglioramento della qualità della vita di persone rese fragili da disagio o disabilità, a bordo del brigantino di 61 metri Nave Italia.

Nacra 17 fleet

Nel 2000 è poi nata la Scuola di Mare Beppe Croce, la cui attività si sviluppa su un ampio programma didattico con corsi, aperti a soci e non soci del club, di introduzione e perfezionamento alla vela, di navigazione d’altura e di preparazione al conseguimento della patente nautica.

Una lunga storia che ci porta ai giorni nostri. Dopo l’avvicendamento al vertice del Club tra Carlo Croce e Nico Reggio e il conseguente slancio ritrovato da parte del Circolo, culminato con una tanto inedita quanto efficace apertura alla città e alle sue istituzioni, ecco toccare alla delicata mano di Gigio Bianchi, nel 2019, lo scettro del sodalizio. Nuovo Presidente ed ecco il suo direttivo, parzialmente rinnovato, che ha deciso di basare le sue fondamenta sull’esperienza dei profili che già nell’ultima “tornata” avevano prodotto risultati eccellenti.

Inshore Race Day 1
CANNONBALL and JETHOU

La volontà di organizzare grandi eventi velici internazionali si è dovuta nel frattempo scontrare con l’emergenza Coronavirus, che non ha risparmiato lo Yacht e il suo calendario. Sostenuta la città anche nel momento del bisogno, attraverso il supporto al progetto della nave ospedale ospitata in porto, grazie al rapporto forte con il territorio, lo Yacht Club Italiano ha risposto con la tempra tipica del marinaio ai problemi derivanti dal contagio, rivedendo strategie e programmazione con lucida efficacia. Rinviando al periodo estivo proposte che, a prescindere, hanno solleticato il palato dei suoi soci e degli appassionati del nobile sport.

Un’ immagine della Rolex Giraglia 2018 (credit Kurt Arrigo)

 

Porticciolo Duca degli Abruzzi s.n.
16126 Genova Ge
Tel. 010 253381
Fax: 010.2533871
Presidente: Gerolamo Bianchi

www.yachtclubitaliano.it
info@yci.it

 

 

 

 

 

 

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.