Barelli: “Elevato il danno sociale per la morte del Nuoto. Aiutateci”

60

“Dopo oltre un mese di chiusura le società sportive del nuoto sono all’ultimo respiro. Le piscine sono strutture costosissime da mantenere, ma gli utenti le troveranno ancora aperte quando il virus sparirà? O le società sportive spariranno con le piscine perché fallite non reggendo il colpo mortale del blocco?”. Così all’ANSA il presidente della Federnuoto, Paolo Barelli, interviene sulla crisi del settore a causa della pandemia, chiedendo “un sostegno economico concreto in favore delle società sportive, perché sono una risorsa insostituibile”. “Le societa’ di nuoto hanno insegnato a nuotare a generazioni di italiani permettendo, oltre all’attività motoria, la diminuzione drastica dei morti per annegamento – sottolinea Barelli – Hanno svolto nel silenzio un ruolo di grande importanza sociale: insegnare a nuotare e creare tanti campioni; ma ben più importante insegnare a salvare la propria vita in acqua e quella degli altri”. “Quindi – conclude – non va calcolato solo il danno sportivo in termini di campioni che sarà difficile mantenere e in futuro formare. Il danno sociale per la morte del nuoto in italia più grave sarà il venir meno delle attività volte alla salvaguardia della vita umana in acqua”.

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.