Un Genoa europeo con un condottiero senza paura

54

Con Nicola al timone, il Genoa sta mantenendo un ritmo da Europa League. Onore dunque al tecnico torinese, pur col rammarico di quanto poteva essere e non è stato: se il Prez – una volta accertato il fallimento di Andreazzoli – avesse scelto lui invece di Thiago Motta, la Queyione salvezza sarebbe stata già prossima all’archiviazione.

Banditi i rimpianti, c’è soltanto da rallegrarsi per le performances di una squadra che si è presentata a San Siro con due qualità determinanti: la lucidità mentale e il giusto cinismo. Impossibile trascurare che un Milan roso da gravi problemi societari e privo dell’appoggio dei tifosi fosse più malleabile del solito, ma non era così scontato che l’avversario di turno ne sapesse approfittare. Il Grifo invece ha avuto il miglior approccio possibile al match e, soprattutto, è stato abile a sfruttare immediatamente le opportunità offensive a disposizione.

Proprio qui risiede una delle novità più significative apportate dal nuovo allenatore: per mesi si è detto e scritto che una formazione di bassa classifica come il Genoa avrebbe dovuto capitalizzare – contro compagini tecnicamente superiori – l’arma del contropiede. Finalmente, la carenza è stata colmata.

Nicola, sommo artefice della metamorfosi, ha avuto il merito di insinuarsi con messaggi semplici ma chiari e perentori nella mente dei suoi giocatori. Uno splendido lavoro psicologico, premiato con la rinascita di giocatori che nei mesi precedenti apparivano persi alla causa, nulla più che pesi morti. Il riferimento è ad uno Schone tornato calciatore decisivo, ad un Sanabria capace di segnare e fornire assist, ad un Biraschi diventato un persino inamovibile da riserva fissa. L’ultimo esempio preclaro di ricostruzione riguarda Cassata, che tutti noi avevamo definito senza indugi giocatore da medio-bassa serie B. Non solo per i due gol realizzati di di recente, l’ex giocatore del Sassuolo è assurto ad elemento prezioso, in grado di sostituire più che degnamente i centrocampisti titolari e di risolvere in parte anche la faccenda annosa e delicata della sterilità offensiva. Grazie ai suoi progressi, non spaventa più un’eventuale assenza di Behrami, incorso in infortunio muscolare: ergo, benvenuti certi problemucci di abbondanza

Mettiamoci poi una solidità difensiva ormai acquisita grazie agli innesti del sorprendente Soumaoro e di Masiello, ed ecco che gran parte delle antiche carenze è scomparsa d’acchito. Ora non si può sostenere che il Genoa sia meritevole della colonna a sinistra della classifica, ma immaginarlo in lotta per non retrocedere sino all’ultimissima giornata appare un inno all’illogicità in spregio ad una classifica che resta delicatissima. Il solo fatto di aver abbandonato la zona B, pur in virtù della differenza reti migliore rispetto a quella del Lecce, è comunque una novità epocale dopo i mesi trascorsi nel baratro e la discesa addirittura all’ultimo posto in solitudine.

Le prospettive future non spaventano più. La rivale salentina risulta grandemente più debole in ogni settore, e anche parecchie formazioni sistemate appena più in alto nella graduatoria appaiono  meno attrezzare e sorpassabili. Il peggio sembra alle spalle, a patto di non credersi già a cavallo e di cambiare obiettivi stagionali. Dopo mezza stagione trascorsa nella paura e nello scoramento, è doveroso anche da parte dei tifosi non perdere di vista una realtà non ancora tranquillizzante.

In casa Genoa, comunque, è cambiato il vento e, restando sempre ancorati a considerazioni calcistiche, il probabile stop al campionato sarebbe un handicap per una formazione col vento in poppa. Già, ma in tempi di coronavirus, soffermarsi più di tanto su certe problematiche legate allo sport suona offensivo e di pessimo gusto.

Pierluigi Gambino

Condividi
LiguriaSport.com
Dal 1998 il blog dedicato a tutti gli sport praticati in Liguria. E' l'unico vero punto di riferimento per chi vuole leggere di tutte le discipline e a tutti i livelli. Dalla competenza e passione dei nostri autori nasce ogni anno l'Annuario Ligure dello Sport e ogni giorno viene inviata la Newsletter dello Sport in Liguria.