Il Maestro Lillo Cinque lascia la FIAM

578

La Federazione Italiana Arti Marziali (Fiam) venne fondata nel 1974 da alcuni dei personaggi più rilevanti del panorama marzialistico italiano, quali Ennio Falsoni Rodolfo Ottaggio, Bruno Munda e Cesare Barioli. Nel 2004 si decide di costituire una struttura basata su ampi poteri di delega ai comitati provinciali e regionali e realizzare un organigramma estremamente ramificato in grado di coprire tutte le funzioni necessarie alla gestione ottimale di una federazione nazionale.

La presidenza della Fiam, che fa parte della federazione internazionale WKC (World Karate Confederation), nel 2007 viene assunta dall’Arch. Bruno Gilardi, ex grande campione di karate, il ruolo di vicepresidente viene assegnato ad un’altra figura estremamente conosciuta nel panorama del karate italiano, Massimo Di Luigi che oggi la presiede.

E’ recentissima la notizia delle dimissioni del maestro genovese Lillo Cinque dalla FIAM, di cui ricopriva l’incarico di Commissario Tecnico Nazionale Kata e Membro Commissione Stile Shotokan.

Maestro ci conferma le sue dimissioni dalla Fiam?
“Si, ho rassegnato le mie irrevocabili dimissioni nei primi giorni di dicembre”. 

Un fulmine a ciel sereno?
“Non esattamente, essendo stata una decisione maturata nell’arco di oltre un anno dopo accurate riflessioni”. 

Da quanto tempo militava nella Fiam?
“Da dodici anni circa”

Potrebbe dirci qualcosa di più sulle cause della sua decisione e sui progetti per il 2020?
“Semplicemente la mia passione, che dura da oltre quarantanni, è per un tipo di karate che a mio parere da qualche anno la Fiam non traduce più e quindi non conciliabile con il mio impegno di studio e ricerca. Ringrazio la Federazione che nel corso di questi dodici anni mi ha consentito di crescere così come per gli ambiti compiti assegnatimi, che ritengo di avere sempre assolto con diligenza e serietà. Porgo un doveroso ringraziamento al Presidente Massimo di Luigi per la cordialità e amicizia che ha sempre riservato ai nostri rapporti e al Vice Presidente Giacomo Gullo per i validi suggerimenti, agli Allenatori Azzurri maestri Barbara Gho e Flavien Canto per la fattiva collaborazione, nonché al Delegato Regionale Dott. Roberto Lascialfari per la sua disponibilità, certo che potranno garantire la nostra amicizia che continuerò a nutrire e che spero avrà caratteristiche di reciprocità. Auguro un lungo e raggiante futuro alla Fiam e a tutti i suoi associati. Circa i progetti per il prossimo anno che mi frullano nella testa, beh, per quelli ci sarà tempo di riparlarne tra qualche mese… Auguri di buon Natale a tutta la redazione di Liguriasport e, naturalmente, alla Fiam”

 

Condividi
Marco Callai
Nato a Genova il 7 febbraio 1984, inizia a scrivere all'età di 17 anni. E' coordinatore del portale LiguriaSport.com, autore dell'Annuario Ligure dello Sport e tra gli organizzatori del progetto Stelle nello Sport per la valorizzazione dello sport in Liguria. Collabora con RTL 102.5 ed Il Messaggero. E' autore della trasmissione "Stelle nello Sport" su PrimocanaleSport. Dal 2009 al 2012 è responsabile del settore Comunicazione della Federazione Italiana Canottaggio. Dal maggio 2013, lancia il portale CanottaggioMania.com. Dal 2009 a oggi è presidente ligure della FICSF. Dal 2009 a oggi è membro del Consiglio Regionale del Coni Liguria. Dal 2013 a oggi è membro della Giunta Regionale del Coni Liguria. Stella di Bronzo al Merito Sportivo 2017.